fbpx
Connect with us

FESTIVAL DI ROMA

‘Dall’alto di una fredda torre’ un cast eccezionale si svela

La recensione del film di Francesco Frangipane, selezionato alla Festa del Cinema di Roma

Pubblicato

il

Dall’alto di una fredda torre è il primo film del regista Francesco Frangipane, presentato alla Festa del cinema di Roma nella sezione Grand Public.

Nel cast vediamo Vanessa Scalera, Edoardo Pesce, Anna Bonaiuto e Giorgio Colangeli. In veste di produttore e distributore troviamo Andrea Occhipinti di Lucky Red.

L’idea proviene dall’opera teatrale di Filippo Gili. Gili Frangipane portano sul palcoscenico la storia di una famiglia che deve fare buon viso a cattivo gioco. Deve capire quale genitore salvare da una malattia molto rara.

I figli dovranno scegliere chi dei due morirà.

Il dubbio e la ragione

Dall’alto di una fredda torre di Gili e Frangipane mette in luce lo scontro tra dubbio e ragione. L’ansia dei personaggi viene introdotta attraverso una regia prettamente teatrale.

Per quanto riguarda questo stile si può fare caso al cinema di Éric Rohmer, in cui regia e sceneggiatura si basavano principalmente su un racconto semplice e composto principalmente da dialoghi.

L’idea al centro di Dall’alto di una fredda torre è di base affascinante.

Il regista, però, si sofferma sull’esprimere le vicende dei personaggi in maniera fredda. Sarebbe stato interessante far uscire i personaggi da alcuni schemi di inquadrature e vedere un estro creativo, ma naturalmente è bene ricordare che si tratta di un esordio cinematografico.

Dall'alto di una fredda torre

L’estetica della messa in scena di Dall’alto di una fredda torre

Sarebbe stato interessante vedere una fotografia vicina ad una ricerca visiva e fotografica più iconica, facendo riferimento ad opere che sono composte più da interni che da esterni, come È solo la fine del mondo di Xavier Dolan.

La drammaturgia si concentra principalmente sul chi sacrificare, non chi uccidere. I personaggi si perdono in un limbo emotivo intrigante che li distrugge emotivamente, fino al punto di perdersi in un oblio. Le fragilità dei due fratelli vengono fuori fino ad essere impossessati da un amplificato istinto.

L’interpretazione di Vanessa Scalera arriva a toccarci dentro. Il suo ruolo porta il peso di tutta la storia e la rende protagonista all’interno di un’opera complessa e affascinante.

Il coraggio di Frangipane in Dall’alto di una fredda torre nell’affrontare il tema in modo dialogale e teatrale, è da riconoscere. Sarà interessante come si evolveranno i suoi prossimi film e come la sua estetica potrà cambiare in futuro.

Dall'alto di una fredda torre

Ciao! Sono Luca e cliccando qui puoi trovare tutti i miei articoli

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Dall'alto di una fredda torre

  • Anno: 2023
  • Durata: 90
  • Distribuzione: Lucky Red
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Francesco Frangipane