fbpx
Connect with us

Latest News

Continua l’occupazione degli studenti del Centro Sperimentale

Martedì 25 Luglio alle ore 11 previsto un incontro tra tre rappresentanti degli studenti e il Presidente della Commissione Cultura, Federico Mollicone per discutere a proposito del DL 12.03.

Pubblicato

il

Continua la protesta degli studenti del Centro Sperimentale

Come già abbiamo raccontato nei giorni precedenti su TAXI DRIVERS, proseguono le proteste degli studenti del Centro Sperimentale che ormai da 5 giorni stanno occupando la scuola.

In questi giorni hanno organizzato assemblee e rassegne cinematografiche.

Oggi la programmazione vede la proiezione de Il grande caldo. Qui di seguito la locandina:

 

Gli studenti hanno lanciato una petizione affinché l’ormai famoso emendamento non passi.

In questi giorni numerose persone di spicco del mondo dello spettacolo si sono unite alla lotta per rendere libero il Centro Sperimentale, tra cui Matteo Garrone, Sydney Sibilia, Valerio Mastandrea, Francesca Comencini, Marco Tullio Giordana, il quale, come riporta La Repubblica, si è così espresso:

Cari ragazzi che state occupando il Centro Sperimentale. Lo fate a difesa della sua indipendenza e delle scelte che in piena autonomia dovrà prendere il suo gruppo direttivo, e voi con lui. Per conservarne il prestigio, la libertà di sperimentazione e ricerca, tutte cose che mal si accoppiano col dipendere da questo o quel governo, benevolo o ostile che sia. Persino Mussolini, che lo creò, si rese conto che per renderlo prestigioso toccava rispettarlo.

Il vostro sciopero tocca un problema gravissimo e cruciale, inspiegabilmente sottovalutato — o forse no, dato che questo status quo sembra convenire a tutti quanti. Il problema è questo: che tutta l’attività culturale del nostro Paese — cinema e teatro soprattutto, ma anche giornali, televisioni e informazione in generale — dipendono dall’ossigeno governativo come pazienti altrimenti terminali, o diagnosticati come tali. Ci si è convinti di non poter guadagnare da soli la nostra sopravvivenza e non poter far altro che tendere mestamente la mano in attesa della carità. Una filosofia che ha ridotto il nostro spettacolo, la nostra informazione, la nostra arte, a essere schiavi della mano pubblica, magari anche ben provvisti (specie se si appartiene alle stesse nomenklature che governano), più spesso trattati da miserabili scocciatori e parassiti. È qualcosa alla quale mi viene istintivo ribellarmi, proprio come fate voi.

Penso che la vostra lotta sia importante ed esemplare, un soprassalto d’orgoglio nella generale rassegnazione. Dimostrando così di essere degni eredi della tradizione del Centro, del magistero dei suoi insegnanti, delle carriere di un’infinità di suoi dotatissimi allievi. Mi auguro che tutto il cinema italiano — e non solo, dato che il Centro è sempre stato fucina di talenti venuti dal mondo intero — sia al vostro fianco, nessuno escluso. Con profonda amicizia e solidarietà.

Anche la Fondazione Piccolo America e Redazione Scomodo si sono unite, in coro, al pieno appoggio della protesta:

In queste ore con l’attacco al Centro Sperimentale di Cinematografia il Parlamento sta confermando nuovamente che le istituzioni culturali e di formazione non sono e non potranno essere indipendenti dal Governo di turno.

Condividiamo la proposta di Daniele Vicari: «una riflessione pubblica, seria, sulla necessità della indipendenza delle istituzioni culturali e degli istituti di alta formazione, sul modello dell’Istituto nazionale di fisica nucleare, in cui sono i fisici a scegliere il loro capo, non il ministro, poi il Parlamento ratifica. Altrimenti ci ritroviamo a protestare ogni volta che cambia un governo, perché il ministro del momento vuole mettere persone di fiducia nei posti chiave. L’Italia dipende troppo dal decisore politico, a tutti i livelli».

Il Piccolo America e Scomodo esprimono la loro più totale solidarietà a studentesse e studenti del CSC, al suo corpo docenti e a tutto il cinema italiano, nonché internazionale, che in questi giorni si stanno mobilitando per bloccare l’emendamento presentato dai parlamentari della maggioranza nel decreto Giubileo.

Invitiamo tutti a seguire il Comitato Studentesco del CSC per aggiornamenti e sostegno.

Martedì 25 Luglio alle ore 11 tre rappresentanti del comitato studentesco del csc, Francesco Luciani, Sarah Narducci ed Enrico Licandro si recheranno a Montecitorio per parlare con il Presidente dellla Commissione Cultura Federico Mollicone con la richiesta di non far passare l’emendamento.

Nel frattempo numerose figure politiche dei partiti di opposizione (Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Sinistra e Verdi) ribadiscono la loro totale vicinanza e il pieno appoggio alla protesta degli studenti del Centro Sperimentale.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers