fbpx
Connect with us

FOCUS ITALIA

‘Profeti’ Trailer, poster e clip del film

Un film di finzione sul rapimento di una giornalista nel Medio Oriente e sulla sua lunga prigionia.

Pubblicato

il

Profeti: trailer e clip del film in sala il 26 Gennaio 2023.

In sala dal 26 gennaio, dopo aver vinto il Black Panther Award 2022 – Menzione speciale della giuria al Noir InFestival, il film con protagonista Jasmine Trinca, Isabella Nefar e Ziad Bakri.
Alessio Cremonini, dopo Sulla mia pelle, torna a parlare di temi attuali quali la prigionia, i diritti delle donne, il Medio Oriente, la religione, lo scontro di civiltà.

 «Combatto per i curdi, per la libertà e per le donne. In Medio Oriente, se sei una donna, devi imparare a difenderti il prima possibile. Qui, la maggior parte dei regimi è basata sulla sottomissione, sull’oppressione delle donne. È per questo che le uniche persone che possono cambiare questa mentalità sono le donne» – Profeti

Un film sulla guerra, sull’estremismo religioso, su due donne che hanno fatto scelte diametralmente opposte, sull’oppressione che le donne vivono in molte parti del mondo.

Foto di Kash Gabriele Torsello

Profeti: trailer e clip del film in sala il 26 Gennaio 2023

La storia del confronto e scontro fra Sara, una giornalista italiana rapita dall’Isis durante un reportage di guerra in Siria, e Nur, giovane foreign fighter moglie di un miliziano del Califfato che la tiene prigioniera nella sua casa costruita in un campo di addestramento. Durante i mesi di detenzione Nur, mossa dal desiderio di proselitismo, e seguendo gli ordini del leader del campo, tenta di convertire Sara e di farla aderire all’estremismo islamista.

Profeti trailer

Alessio Cremonini è autore della sceneggiatura con Monica Zapelli. La fotografia è di Ramiro Civita, il montaggio di Marco Spoletini.
Il film è distribuito da Lucky Red, prodotto da Cinemaundici e Lucky Red e Rai Cinema, con il sostegno della Direzione Generale Cinema e audiovisivo e con il contributo della Regione Puglia.

Sul film, Cremonini spiega : «Un film su due donne occidentali che hanno fatto scelte diametralmente opposte. Sara, una giornalista italiana rapita dall’Isis durante un reportage di guerra in Siria, e Nur che la tiene prigioniera per mesi in una casa costruita in un campo di addestramento dello Stato Islamico. Quello che il cinema può e deve fare, è mettere in scena la vicenda di Sara e Nur senza manicheismi o semplificazioni retoriche. Questa storia, infatti, non soltanto è metafora di quello che accade in molte parti del Medio Oriente, ma ci riguarda da vicino. Poiché, ormai lo sappiamo, se nell’altra sponda del Mediterraneo inizia un incendio poi le fiamme arrivano anche da noi».

 

Alessio Cremonini

Alessio Cremonini ha iniziato a lavorare come assistente alla regia con Ettore Scola nel film La cena. Nel 1997 scrive e dirige con Camilla Costanzo un cortometraggio dal titolo Marta, inserito nel
film a episodi I corti italiani, presentato alla Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia.
Un anno dopo scrive Voci, diretto da Franco Giraldi e nel 2003 scrivere e dirige di nuovo con la Costanzo Una famiglia per caso, film per la tv con Lando Buzzanca e Giovanna Ralli. Seguono la sceneggiatura di Private di Saverio Costanzo, La notte breve (co-diretto con la Costanzo), e nel 2013 scrive, dirige e co-produce Border, un film low budget sulla guerra civile in Siria.
Nel 2018 scrive e dirige Sulla mia pelle, con Alessandro Borghi e Jasmine Trinca. Il film viene presentato con grande successo alla 75ª Mostra internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e vince quattro David di Donatello tra cui Miglior Attore Protagonista.

«Sono questi i temi della mia indagine: lo strumento è il cinema. Un cinema inteso come “viaggio” che svela storie, che percorre strade poco battute. Un cinema politico. Un cinema radicale. Un cinema essenziale» – Alessio Cremonini

 

 

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Regia: Alessio Cremonini
  • Data di uscita: 26-January-2022