fbpx
Connect with us

Sky Film

‘Amate sponde’ sinfonia di immagini e musica

Il bel documentario di Egidio Eronico racconta dell'Italia e dei suoi tanti aspetti. Adesso su Sky

Pubblicato

il

amate sponde film

Presentato  Alla Festa del Cinema di Roma e al Torino Film Festival, il documentario Amate sponde, adesso su Sky, crea qualcosa di veramente unico.

Il film, coproduzione SKY e Istituto Luce, è diretto da Egidio Eronico. Per la realizzazione del film in Piemonte è stata fondamentale la collaborazione con Kappa Futur Festival, il principale festival di musica elettronica d’Italia le cui immagini appaiono nel film, e anche la disponibilità di Iren, Stellantis e ALTEC, per il racconto che riguarda il distretto aerospaziale.

Racconto prima di tutto di un paese le cui incongruenze (tante) sono rappresentate attraverso un mezzo universale e dal linguaggio aperto a tante sfaccettature: la Musica.

Traendo spunto dai grandi documentari muti degli anni ’20 (Dziga Vertov a Walter Ruttmann tra gli altri ) la pellicola documentario è fatta solo di suoni e di ritmo, con accelerazioni e rallentamenti su un  panorama che attraversa una quantità infinita di luoghi tra i più disparati: tecnologici  e selvaggi, ancestrali quanto moderni.

Luoghi e personaggi scovati dal regista in tutto il paese e location disseminate per 11 diverse regioni.

Amate Sponde e la Bella Italia

Girato con una straordinaria tecnologia (4K e 6K, cinepresa avanzatissima, riprese dall’alto), il documentario parte dalla citazione di un verso di Vincenzo Monti (“Bella Italia, amate sponde”) e con spirito quasi patriottico  esalta attraverso le immagini  le “eccellenze italiane”.

Un progetto, che ha avuto una lunga preparazione (quasi dieci anni) e che si avvale di una straordinaria colonna sonora (del compositore Vittorio Cosma,) che ne è anima e corpo imprescindibile.

Gli astronauti al lavoro nella stazione spaziale, la robotica, le Alpi e le Dolomiti, i nostri mari, da Nord a Sud. Veniamo trasportati in un  viaggio in cui  il sottofondo musicale si alterna tra ambiente Naturale e urbano o industriale e in cui  la gente è coprotagonista  del paesaggio. Amate Sponde è fatto di luoghi ma anche di anime che li abitano e che approdano su queste sponde popolandole.

Dal giorno alla notte, dallo spazio alla terra e alle onde del mare, Amate sponde ci fa riflettere su quelle che sono le  contraddizioni di un’ Italia vista da un lato come uno dei paesi più avanzati ma dall’altro ancora troppo dominata da arcaismi e arretratezze sociali. Una visione  inquietante che ci fa riflettere sul perché non ci sono solo le eccellenze italiane. Il film non vuol solo regalare un’immagine dell’Italia solo come Bel paese. C’è spazio anche per sequenze che mostrano il degrado e l’emarginazione che regnano sovrane  in alcune aree del Paese.

Bellezza e nobiltà. squallore e decadenza come due facce della stessa medaglia e di un’Italia che da sempre si distingue per la sua doppia anima.

Nuove prospettive

La pellicola di Eronico  rischia  a volte di abusare di un eccesso di estetizzazione e di un marcato tecnicismo nel montaggio ma tuttavia ci coinvolge e ci travolge inondandoci del bello che non abbiamo mai visto attraverso una nuova  prospettiva in cui la  narrazione è affidata al montaggio e alla musica. Un risveglio di  sensazioni dimenticate.

Amate spondeRegia, soggetto, sceneggiatura: Egidio Eronico; fotografia: Sara Purgatorio; montaggio: Diego Volpi; produzione: Istituto Luce Cinecittà, SKY, Eiefilm.

Con il sostegno di un pool di Film Commission regionali: di Piemonte, Trentino, Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Sardegna, Sicilia, e della Regione del Veneto.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Amate sponde

  • Anno: 2022
  • Durata: 78
  • Genere: documentario