fbpx
Connect with us

Latest News

‘The Bunker Game’ un suggestivo film di genere

Il gioco pericoloso diretto da Roberto Zazzara con protagonista Lorenzo Richelmy

Publicato

il

the bunker game

The Bunker Game, horror diretto da Roberto Zazzara, direttore della fotografia che firma qui la sua opera prima si potrebbe anche definire LARP, ovvero Live-action Role Play, gioco di ruolo in cui i partecipanti si calano completamente nella situazione, nelle atmosfere e nei personaggi.

Il film è stato nelle sale per due giorni evento il 2 e 3 maggio. Ma è disponibile anche su una piattaforma, Shudder, specializzata in cinema horror e di genere. La storia: una comunità di role player sta dando vita a un LARP che ha come assunto un esito distopico della seconda guerra mondiale.

The Bunker Game: la trama

La Germania nazista è stata infatti sconfitta, ma solo in seguito a un massiccio attacco nucleare da parte degli americani, che ha di fatto trasformato l’Europa in una landa desolata e contaminata. I sopravvissuti del regime si sono rifugiati in un gigantesco bunker sotterraneo dove da una parte si cerca di dare un futuro al Reich, dall’altra vengono svolti mostruosi esperimenti scientifici sugli essere umani. Un imprevisto mette fine però al gioco, i partecipanti vengono mandati a casa per precauzione e nel bunker restano solo gli organizzatori del gioco. E nel buio iniziano a succedere cose molto strane…

Le parole di Roberto Zazzara

Ecco quanto affermato dal regista:

L’idea del film nasce proprio dal fatto che io stesso sono un giocatore di LARP e avevo partecipato a uno ambientato proprio nel bunker del Soratte, scoprendo quindi l’eccezionalità di questa location.

Per chi non lo conoscesse, il Bunker Soratte si trova a pochi chilometri da Roma, praticamente sotto il paese di Sant’Oreste. Fu costruito nel 1937 per ordine di Mussolini e sarebbe dovuto essere il rifugio per il governo e lo stato maggiore italiano in caso di massicci bombardamenti in caso di guerra. Circa quattro chilometri di gallerie che si possono visitare, ma anche affittare per giochi di ruolo e film.

«Abbiamo girato lì dentro per quattro settimane – ha continuato – e devo ringraziare ogni singolo componente della troupe e del cast. Era gennaio, faceva freddissimo, naturalmente non funzionavano né cellulari né walkie talkie, quindi per qualunque comunicazione eravamo costretti a fare una staffetta, proprio come una volta. A un certo punto, quando avevo due unità di ripresa che lavoravano in punti diversi del bunker, ho incominciato a spostarmi in bicicletta».

Ma se da una parte c’erano gli indubbi disagi, dall’altra c’erano anche le tante opportunità creative che girare in un luogo del genere permetteva.

«Nasco come direttore della fotografia, quindi lavorare in un luogo in cui potevo usare solo luce artificiale mi ha dato la possibilità di creare delle immagini da zero, sfruttando tutte le possibilità del bunker e la narrativa del genere».

The Bunker Game: la “ripresa” dell’horror

L’horror in Italia sta tornando in voga, oltretutto sempre più spesso girato direttamente in inglese, proprio per poterlo presentare subito sul mercato internazionale, come successo già a The Bunker Game.

Credo sia la cosa più giusta da fare, poi ho avuto la fortuna di avere un cast che non aveva assolutamente problemi in questo senso, a partire da Lorenzo Richelmy che è perfettamente bilingue.

E con The Bunker Game sembra che il destino di Roberto Zazzara sia lontano dall’Italia.

«Sto per ripartire per l’India per vestire nuovamente i panni del direttore della fotografia in una produzione di Bollywood, un’esperienza che ho già fatto e che sono felice di continuare. E poi sto lavorando a un nuovo progetto da regista, ma è ancora presto per parlarne»

Altri titoli horror da vedere

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.