fbpx
Connect with us

LOCARNO FILM FESTIVAL

‘The Sadness’ zombie movie da Taiwan al Locarno Film Festival

Il film segna l'esordio al lungometraggio di Robert Jabbaz

Pubblicato

il

Anche il Locarno Film Festival tocca tutti i generi e, quindi, anche il particolare The Sadness. Il film, diretto da Robert Jabbaz segna l’esordio al lungometraggio dello sceneggiatore e regista di origini canadesi, ma da anni residente a Taipei.

La trama di The Sadness

Una giovane coppia è spinta ai limiti della sanità mentale mentre cerca di riunirsi nel caos di un’epidemia. Le strade esplodono in violenza e depravazione, mentre gli infetti sono spinti a mettere in atto le cose più crudeli e orribili che si possano immaginare. Omicidio, tortura, stupro e mutilazione sono solo l’inizio. L’età della civiltà e dell’ordine non esiste più. C’è solo “La Tristezza”.

Cast e trailer

Tra i protagonisti del film ci sono Regina, Tzu-Chiang Wang e Berant Zhu.

Per capire meglio in che direzione si svilupperà il film ecco il trailer internazionale (con sottotitoli inglesi) di The Sadness, che anticipa una ingente quantità di sangue e budella, a metà tra La città verrà distrutta all’alba e Crossed.

La struttura del film

La sceneggiatura è composta da due storyline: le lotte di Jim e Kat mentre cercano di raggiungere l’altro e di mettersi in salvo. Entrambi i protagonisti sono testimoni di molti omicidi, uccidono per autodifesa e cercano di salvare altre persone.

Jabbaz fa un ottimo lavoro come regista, creando belle inquadrature. La sua sceneggiatura contiene personaggi interessanti, situazioni da cardiopalma e tanta, tanta violenza. La sua storia oscura offre uno sguardo sulla brutalità di cui è capace il genere umano.

A meritare, però, un elogio particolare è il lavoro di trucco. Questo perché le ferite sembrano molto realistiche e il sangue schizza costantemente dappertutto, come sarebbe nella vita reale.

the sadness

The Sadness: un film non per tutti

Va sottolineato che questo film horror ultra-violento non è per i deboli di cuore. La violenza è estremamente brutale e presente quasi per tutto il film. Il film contiene innumerevoli uccisioni, dove gli infetti mutilano le loro vittime. Ad ogni angolo si possono vedere corpi morti, coperti di sangue e uccisioni quasi inguardabili. Le atrocità avvengono in vari luoghi come strade, treni e ospedali. E, come se non bastasse, ci sono anche scene inquietanti di violenza sessuale.

Il regista

Rob Jabbaz è un animatore autodidatta. Ha creato diversi cortometraggi completamente animati, video musicali e spot pubblicitari. Sebbene sia nato e cresciuto in Canada, la maggior parte dei suoi primi lavori è stata prodotta a Taipei, Taiwan.

Leggi anche: Locarno Film Festival: il programma della 74 edizione

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.