fbpx
Connect with us

DIRETTE EVENTI & FESTIVALS

Festival del Film di Porretta. Programma, Giuria, Premi e vincitori

Publicato

il

Porretta Film Festival
Si è conclusa l’8 dicembre la XIX edizione del Festival del Film di Porretta che per l’anno 2020 si é svolto in streaming dal 1 all’8 dicembre con la supervisione di Luca Elmi, Presidente dell’Associazione Porretta Cinema e la collaborazione per la trasmissione dei film e degli eventi in diretta della piattaforma Mymovies.
Numerosi i Patrocini, i contributi e le collaborazioni, a partire dal MIBAC, a cui si affiancano la Regione Emilia Romagna, la Città Metropolitana di Bologna, la FICE, l’Osservatorio Balcani Caucaso trans Europa, l’AFIC, il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, il Comune di Alto Reno Terme,  la Cineteca di Bologna, il Centro Sperimentale di Cinematografia, l’Emilia Romagna Film Commission. Numerosi anche gli sponsor e i media partner fra cui RaiRadio 3, Unipol, Helvetia.
L’ufficio stampa del Festival è stato curato da Il laboratorio delle parole.
Nonostante il cambio di sede e la modalità con la quale il Festival è stato trasmesso é rimasta la collaborazione con le scuole con l’immancabile presenza da remoto della Giuria Giovani, formata degli studenti degli Istituti Montessori- Da Vinci e CPIA Montagna, i quali hanno assegnato, come di consueto, un premio speciale e uno al film in Concorso. Ad Affiancare la Kermesse Fuori dal Giro, giunta alla sua VIII edizione,con un programma fittissimo degno di nota, fra cui l’omaggio al regista svizzero Daniel Schimd, un racconto fuori stagione, il documentario Via Tasso per ricordare i 60 anni della Mostra del Cinema Libero, il film d’esordio del cineasta cileno Pablo Larrain ed infine un Focus  tutto dedicato alla produzione cinematografica in Emilia Romagna ed ai 100 anni del suo illustre cittadino Enzo Biagi. La collaborazione con la Cineteca di Bologna ha permesso di vivere momenti unici con la possibilità di rivedere film come Via Tasso del regista Luigi di Gianni, pellicola vincitrice della Prima edizione della Mostra del cinema libero di Porretta nel 1960 e della COPPA ANICA al Festival dei Popoli.
Non sono mancati momenti unici e una Mostra interamente dedicata a Giulietta Masina, attrice indimenticabile di cui festeggeremo il centenario della nascita a febbraio 2020, moglie di Federico Fellini, e last but not the least il Premio Elio Petri, un riconoscimento che salda la memoria dell’indimenticabile regista al presente.
La giuria del FCP
A premiare le opere, per la seconda volta, é stata una giuria di critici e cineasti ormai rodati a cui si è aggiunto Jean Gili, amico di Elio e Critico Cinematografico, che hanno avuto il compito di individuare l’eredità artistica del maestro romano, storico frequentatore del Festival del Cinema di Porretta.
Il film La classe operaia va in Paradiso fu presentato da Elio Petri proprio al Festival del Cinema di Porretta nel 1970 in anteprima mondiale. In quella occasione Petri insieme a Gian Maria Volonté, al termine della proiezione, si recarono negli stabilimenti della DEMM, storica industria meccanica della cittadina appenninica a discutere con gli operai l’alienazione e i meccanismi sociali prodotti dalla catena di montaggio.
Oltre a Jean Gigi, la giuria è composta da Steve della Casa, critico cinematografico, direttore di festival e autore e conduttore radio televisivo, David Grieco, attore, scrittore, sceneggiatore, regista, produttore, Giacomo Manzoli, docente, Paola Pecoraro Petri, produttrice, moglie di Elio Petri, Alfredo Rossi, giornalista e critico cinematografico, Walter Veltroni, politico, giornalista, regista e scrittore.
Nella rosa dei sette film finalisti selezionati dalla Giuria del Premio Elio Perri 2020 facevano parte i film:
Hammamet di Gianni Amelio, Miss Marx di Susanna Nicchiarelli, Scacciapietre di Gianluca e Massimiliano De Serio, Favolacce di Damiano e Fabio D’Innocenzo, Non odiare di Mauro Mancini, Padrenostro di Claudio Noce e Volevo nascondermi di Giorgio Dritti.
Durante la Cerimonia di Premiazione, alla quale hanno preso parte, oltre al Presdente Luca Elmi, le autorità della Regione Emilia Romagna, del Comune di Alto Reno Terme, della Cineteca di Bologna, sono stati decretati ex aequo i vincitori Hammamet di Gianni Amelio e Volevo nascondermi di Giorgio Diritti.
I due registi hanno espresso la loro soddisfazione e dato appuntamento al Festival di Porretta del 2021 per un incontro che riavvicini tutti alla cultura. Amelio in particolare ha ricordato come Porretta fosse stata per molti anni culla di proiezioni, seminari, incontri fra registi. Il cineasta ha anche evidenziato il coraggio che ha dovuto esprimere nel girare un film come Hammamet.
Il FCP quest’anno ha anche voluto premiare un attore; Andrea Sartoretti.
Il premio alla carriera ai Manetti Bros 
Il 5 dicembre é stato invece assegnato il Premio alla carriera ai Manetti Bros di cui é stato proiettato un delizioso film del 2005, Piano 17 con Massimo Ghini, Valerio Mastandrea, Enrico Silvestri, Gianpaolo Morelli, Elisabetta Ricchetti, Giuseppe Soleri, Antonio Iuorio, Enzo G. Castellari, il film di genere noir é girato interamente in tempo reale e si svolge in un ascensore mentre flashback ci spiegano come si sono avvicendati gli accadimenti, fino a condurci al colpevole. I Manetti con pochi ingredienti: un ascensore, un gruppo di amici capaci di calarsi nella parte, una eccellente fotografia  le musiche di Pivio e Aldo De Scalzi, hanno dimostrato che, quando c’é il talento, bastano pochi ingredienti per realizzare una buona opera.  L’intento é stato quello di riavvicinare lo spettatore al cinema con un genere dalla materia oscura dove non mancano però momenti di ironia,
Tre persone molto diverse fra di loro rimangono bloccate nell’ascensore di una grande azienda, nella borsa di uno dei malcapitati, interpretato da Gianpaolo Morelli, c’è una bomba che sta per esplodere. Gli altri due sono impiegati interpretati da Elisabetta Rocchetti e Giuseppe Soleri. Morelli alias Mancini è il membro di una gang che ha l’incarico di far saltare in aria l’ufficio del direttore per eliminare prove compromettenti.
Morelli, chewing gum in bocca e gestualità efficacissima, riesce a creare una sorta di solidarietà con i due mentre tutta un’altra serie di lotte interne per avere il potere, si consumano all’esterno. In particolare Enrico Silvestri, nei panni di Pittana, senza alcuno scrupolo porta avanti il suo piano per divenire capo supremo della banda.

Il Concorso Fuori dal Giro e la creatività femminile nella sezione Emilia Romagna

Per il concorso Fuori dal Giro i premi assegnati sono stati due, uno dal pubblico e uno dalla Giuria giovani. La giuria giovani ha assegnato il Premio a Buio di Emanuela Rossi dove la regista affronta lo scabroso tema della violenza sulla donna con originalità delineando accuratamente la psicologia dei meccanismi di potere con una fotografia evocativa e una interpretazione toccante.
La giuria del pubblico ha invece decretato vincitore il film La Regola d’oro di Alessandro Lunardelli.
 
La creatività in tarda età: Il colore di sera 
Fra i film da segnalare per aver affrontato il tema della creatività al femminile in una età particolare  da Spartaco Capozzi, con Maria Concetta Cassarà, Margherita Lanzi, Sara Ugolini. Una ripresa di quinta ci mostra una anziana signora che si racconta molto curata nell’abbigliamento e che camminando è attratta in particolare dalle serrande del Mercato Albani dove artisti della Street Art hanno realizzato varie opere. La Signore di origine siciliana vive a Bologna in un quartiere popolare denominato Bolognina ed é qui che la storica dell’arte, Sara Ugolini, la scopre, grazie al figlio Aldo, affetto da schizofrenia, che cerca di vendere i quadri della madre per strada. Una storia commovente fatta di accettazione e tentativo di portare avanti la famiglia con gli strumenti della bellezza e delle arti. Sara Ugolini affascinata dalla semplicità e dalla storia di Concetta è riuscita ad inserirla fra gli artisti della outsider Art. Concetta dipinge nature morte, paesaggi, case, con rimandi certi all’immaginario del folklore siciliano. Ma anche le immagini televisive e le riviste divengono per occhi attenti come i suoi fonte di ispirazione. Concetta durante i minuti del film racconta di aver scoperto la propria creatività molto tardi, piano piano, quasi per caso, mentre insegnava a fare i compiti alla nipote. A spingerla, come lei stessa rivela, sono state le difficoltà economiche e il desiderio forte di guadagnare prestigio per ritrovare una relazione possibile con il figlio, con il quale troppo spesso si scontra. Il figlio, che ha scoperto il valore delle opere della mamma, sparisce per lunghi periodi per poi tornare a trovarla per riavere quel latte materno, che in questo caso è metaforica sete rappresentato dai dipinti. Nell’orso degli ultimi anni, alcuni dei suoi dipinti hanno fatto parte di importanti mostre, fra cui la personale realizzata in Germania: Die nãchtlichen Gãrten der Maria Concetta Cassará p, inaugurata nell’ottobre 2011 fino a marzo 2012. In programma per il 2019 la realizzazione di una mostra alla Galleria Art Cru di Berlino. È proprio nel 2019 che l’artista dai colori luminosi ci ha lacciato, ma i suoi quadri parlano ancora.
Il programma completo:
Il programma completo del FCP é visionabili al sito: www.porrettacinema.com

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Commenta