fbpx
Connect with us

FOCUS ITALIA

COSA SARA’: la videorecensione del film di Francesco Bruni con Kim Rossi Stuart

Publicato

il

cosa sará film

Cosa Sarà, distribuito in Italia da Vision Distribution è il nuovo film di Francesco Bruni. Ispirato alle vicende reali del regista, il film è interpretato da Kim Rossi Stuart, Lorenza IndovinaFotinì Peluso, Barbara Ronchi,  Giuseppe Pambieri, Raffaella LebboroniTancredi Galli e Nicola Nocella.

 

C’è un sottotesto fondamentale nel quarto film da regista di Francesco Bruni, che scardina i luoghi comuni sul “cinema della malattia”, e che rende necessario nella sua delicata urgenza Cosa Sarà: il venir meno della figura retorica del malato belligerante visto come un guerriero in prima linea.

Non c’è colpa nella malattia, e non c’è voglia di combattere, ma solo una fragilità evidente e quasi sovversiva.

Messa subito in chiaro fin dalle prime immagini del film, quei titoli di testa con il sottofondo di A Perfect Day e la vulnerabile debolezza del protagonista il cui taglio di capelli viene esposto in primissimo piano, senza filtri, quasi come uno schiaffo in faccia per mostrare quello che di solito viene nascosto: la paura, il baratro, la vertigine del mutamento.

Perché si, il percorso di guarigione è il centro focale della trama, ma è quasi preso di traverso, perché a Bruni (soggettista oltre che regista, e sceneggiatore insieme allo stesso Stuart) interessa parlare ed evidenziare le reazioni dell’individuo e della famiglia relativamente alla malattia, che spinge ad interrogarsi sul proprio senso, sulle proprie origini, in un sentiero à rebours verso gli affetti, le paure, il rimorso e tutto il rimosso che fa di noi quello che siamo e quello che avremmo dovuto, potuto e voluto essere.

Chè poi la famiglia è sempre stata il centro d’interesse dello studio d’approfondimento di Bruni -non solo come regista ma anche come sceneggiatore per altri, in primis Paolo Virzì-, un passaggio cruciale, con il suo disfacimento postmoderno sotto la spinta propulsiva delle nuove forze, e insieme il suo ricompattarsi con la forza dell’amore.

Il suo cinema funziona infatti sempre con cortocircuiti narrativi e teoretici: tra gioia e dolore, tra decomposizione delle istituzioni interpersonali e ricomposizione/sovrapposizione negli affetti, tra slittamenti e confronti di piani temporali (passato e presente).

Anche in questo modo, il film (re)inventa una maniera meno spettacolare ma più vera di raccontare il dolore, la morte e la perdita -attraverso la malattia-, aggiungendo una magistrale direzione d’attori: lo sguardo della macchina da presa accarezza i suoi personaggi e le loro reazioni, diventa dolce e soffuso, circonda gli attori senza costringerli ma riuscendo a fare emergere la componente recitativa più personale: eccellente il lavoro fatto si Lorenza Indovina, Raffaella Lebboroni, Fotinì Peluso, con personaggi che si fermano sempre un attimo prima dell’esplosione, facendo implodere in maniera più vera le emozioni.

Di seguito la videorecensione:

Leggi la nostra rece di Cosa sará

 

Nuovo titolo per il film di Francesco Bruni: Cosa Sarà, con Kim Rossi Stuart

COSA SARA'

  • Anno: 2020
  • Durata: 1h 41'
  • Distribuzione: Vision Distribution
  • Genere: commedia, drammatico
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Francesco Bruni