30 Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (Milano, 21 – 29 Marzo)

30° FESTIVAL DEL CINEMA AFRICANO, D’ASIA E AMERICA LATINA
MiWorld From A to Zebra
(Milano, 21-29 Marzo 2020)

La zebra prismatica si veste a festa per celebrare 30 anni di FESCAAAL
Le donne protagoniste di una nuova sezione cinematografica e di una tavola rotonda 
Tornano gli AfricaTalks per raccontare le trasformazioni delle aree urbane del continente

 

Si terrà a Milanodal 21 al 29 marzo, la 30a edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – FESCAAAL.
Un anniversario speciale e un traguardo importante che sarà anche l’occasione per una riflessione sulla missione iniziale del Festival: promuovere la conoscenza delle cinematografie dei tre continenti per contribuire ad accrescere la diversità culturale dell’offerta cinematografica in Italia, come fattore di sviluppo e fonte di scambio interculturale, innovazione e creatività.

La zebra prismatica, divenuta ormai simbolo del festival, si veste a festa per celebrare i 30 anni di attività e si riconferma come simbolo di una società in continuo cambiamento. Il claim dell’edizione, MiWorld From A to Zebra, sintetizza la vocazione di ricerca del FESCAAAL, che dalla sua nascita, nel 1991, porta a Milano e in Italia la vivace scena artistica e culturale dei 3 continenti con un’attenzione particolare alle nuove generazioni.

Novità importante di questa 30a edizione è la partecipazione del FESCAAAL al programma Milano Città Mondo 05 – La città delle donne del Comune di Milano – Ufficio Reti e Cooperazione Culturale, e al più esteso palinsesto annuale I talenti delle donne, promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano.
Nella cornice del Festival sarà presentata la sezione speciale “Donne sull’orlo di cambiare il mondo”, con un programma di film recenti di registe provenienti da Africa, Asia e America Latina, e una tavola rotonda per riflettere sul cinema al femminile e il suo ruolo sociale per promuovere la parità di genere e il valore delle diversità.
La tavola rotonda sarà anche l’occasione, per esponenti del cinema italiano, giornaliste, ricercatori/ricercatrici e le registe ospiti del FESCAAAL di dialogare sulle esperienze personali nei diversi contesti geo-politici concentrandosi soprattutto sull’autorialità femminile, le scelte estetiche e narrative e la produzione di nuovo immaginario femminile in una prospettiva contemporanea, post-coloniale e globalizzata.

Tra gli eventi extra-cinematografici torna per il quarto anno consecutivo l’appuntamento con gli AfricaTalks:  evento speciale con una tavola rotonda e un film, in collaborazione con Fondazione EDU, dedicato all’Africa e ai suoi aspetti più tecnologici e innovativi.  L’edizione 2020 dal titolo “Cityscapes: le trasformazioni dell’Africa urbana” vuole approfondire il tema delle città africane che guardano al futuro. Quattro relatori, da prospettive disciplinari differenti, discuteranno portando esperienze, riflessioni e casi-studio sui processi di urbanizzazione, sulle innovazioni in campo architettonico ed urbanistico e sui diversi modelli di crescita delle città, non dimenticando gli aspetti della marginalizzazione urbana, della sostenibilità ambientale e dei finanziamenti esteri per le nuove infrastrutture.
AfricaTalks si terrà lunedì 23 marzo, dalle ore 18.30 all’Auditorium San Fedele
La tavola rotonda sarà seguita dalla proiezione di The Great Green Wall, documentario realizzato da Jared P. Scott e prodotto da Fernando Meirelles (Cidade de Deus), un on the road musicale in cui la star della musica maliana, Inna Modja, intraprende un viaggio appassionante lungo il percorso del progetto della Grande Muraglia Verde, una barriera di alberi contro la desertificazione, la carestia, i mutamenti climatici da Dakar a Gibuti.

La 30edizione aprirà ufficialmente domenica 22 marzo, ore 20.30, all’Auditorium San Fedele.
9 giorni di proiezioni, incontri con gli autori, eventi speciali e approfondimento sul cinema e le culture dei 3 continenti in 4 diverse location: ’Auditorium San Fedele, Arcobaleno Film CenterWanted Clan e Festival Center – Casello Ovest di Porta Venezia.
Queste le principali sezioni:
Concorso Lungometraggi Finestre sul Mondo, fiction e documentari in un’accurata selezione delle ultime produzioni provenienti dai tre continenti che privilegia le opere dei giovani registi.
Concorso Cortometraggi Africani ospita i migliori brevi film (fiction e documentari) realizzati da registi provenienti da tutta l’Africa e dalla diaspora. La sezione ha l’obiettivo di promuovere i giovani registi africani ai loro primi passi nel cinema e di mostrare le nuove tendenze e le sperimentazioni del cinema africano.
Concorso Extr’A dedicato ai film di registi italiani a confronto con altre culture con l’intento di raccontare  un’Italia che si fa interprete della diversità culturale. Sono selezionati in questa sezione i film di registi italiani girati nei tre continenti o i film che hanno come soggetto le tematiche dell’immigrazione.
Sezione Flash raccoglie i film/evento del Festival: anteprime di rilievo che presentano le opere recenti di registi affermati, film acclamati dalla critica o premiati nei maggiori festival internazionali, il meglio del cinema contemporaneo che racconta e interpreta l’attualità di Africa, Asia e America Latina.
E tutti ridono… la sezione delle commedie più divertenti dai tre continenti.
Donne sull’orlo di cambiare il mondo la sezione speciale dell’edizione 2020 per celebrare i talenti del cinema al femminile
La proposta extra-cinematografica del Festival anche nel 2020 comprende il ricco programma del Festival Center, al Casello Ovest di Porta Venezia, lo spazio di incontro tra il pubblico e gli ospiti del festival con iniziative multidisciplinari da e su Africa, Asia e America Latina.

Utlima modifica: 21 Febbraio, 2020



Condividi