Come ti divento bella di Abby Kohn e Marc Silverstein, una gradevole commedia sull’ossessione odierna dell’apparire

Come ti divento bella è una commedia intelligente, e la riuscita è legata al personaggio interpretato dall’ironica Amy Schumer, la quale impavidamente si mette al servizio di un potente messaggio che, mai come oggi, in una società in cui tutto ciò che conta è legato all'apparire, può essere fondamentale

  • Anno: 2018
  • Durata: 110'
  • Distribuzione: Lucky Red
  • Genere: Commedia
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Abby Kohn, Marc Silverstein
  • Data di uscita: 22-August-2018

Renèe Bennett è una giovane donna costretta a rinunciare ai propri sogni, lavora in un seminterrato, ma sogna un posto nella grande rivista di Lily LeClair. Quello che le manca, secondo la sua idea, è l’aspetto fisico giusto. Si vede fuori forma, bruttina e reputa che sia questa la causa di tutto. Incoraggiata dalla visione del film Big, esprime il desiderio di diventare bella e il giorno dopo sembra che il destino l’abbia accontentata!

La storia di Renèe Bennett, interpretata dalla carismatica Amy Schumer, è quella di una normale ragazza che, circondata dall’estrema bellezza, si è convinta che nella vita basti possedere un determinato aspetto fisico per farcela. ‘Diventata’ bella, Renèe prende in mano la sua vita e si lascia condurre da un lato del suo carattere tenuto troppo nascosto, l’entusiasmo, che la rende determinata.

Ostentando questo aspetto, tutte le persone in cui si imbatte ne rimangono conquistate: dal nuovo fidanzato Ethan all’intera famiglia dietro alla rivista LeClair, che vede in lei la giusta persona per rilanciare i rapporti tra magazine e pubblico. Facendosi largo nel mondo lavorativo che ha sempre sognato, Renèe affascina le persone che ha intorno, diventando un punto di riferimento per Avery (Michelle Williams) e suo fratello Grant (Tom Hopper), i quali cercano di coinvolgerla in qualsiasi progetto che li riguardi.
A risentirne sarà il suo rapporto con le migliori amiche di sempre, che cercheranno di convincerla a vedere se stessa per quello che è veramente e che è sempre stata, nonostante Renèe non voglia accettarlo.

Come ti divento bella è una commedia intelligente, e forse la riuscita è legata al personaggio interpretato dall’ironica Amy Schumer, la quale impavidamente si mette a servizio di un potente messaggio che, mai come oggi, in una società in cui tutto ciò che conta è legato all’apparire, può essere fondamentale. Renèe non diventa bella, ne è convinta, ma in realtà il significato ultimo è che non conta quanto belli siamo, l’importante è ciò che c’è dentro di noi, perché è la nostra personalità, il nostro apprezzarci a renderci unici, affascinanti e vincenti.

L’idea del film è stata cucita perfettamente attorno a Renèe e alle avventure quotidiane in cui si imbatte, ironiche e apprezzabili, in quanto non cadono mai nel banale o nell’esasperante. La Schumer, che vanta diverse esperienze nel mondo comico americano, è completamente a suo agio. Non è mai fuori posto, tiene il ritmo della vicenda e lascia spazio a chi le è intorno: Ethan (la sorpresa Rory Scovel) e le sue secolari amiche, interpretate da Busy Philipps e Aidy Bryant, mantengono i tempi comici e non vengono messi in ombra. Ma la grande ‘scoperta’, almeno nel genere, è Michelle Williams. Che fosse brava lo si sapeva da tempo, ma qui aggiunge al suo curriculum un ruolo comico, quello della bellissima Avery LeClair, una donna che non riesce a farsi spazio a causa del particolare timbro vocale che ne ostacola credibilità e carriera. Sarà il rapporto con Renèe a darle la forza di farsi avanti e credere in se stessa. La Williams si cala perfettamente nel personaggio, una donna bellissima, svampita, provando quanto sia grande la sua maturità artistica (già più volte nominata agli Oscar) che le consente di interpretare ruoli tanto diversi e sempre riusciti.

Simona Grisolia

GUARDA IL TRAILER >>



Condividi