fbpx
Connect with us

Serie Tv News

Arrivata a metà stagione Westworld apre le porte all’ambientazione Giapponese: lo Shogun World

Arrivata al quinto episodio, la seconda stagione di Westworld compie il giro di boa e dimostra come la storia creata da Jonathan Nolan sia ormai una delle realtà più affascinanti del panorama seriale attuale.

Publicato

il

Westworld

Possiamo ormai parlare con cognizione di causa su dove stia andando questa seconda stagione di Westworld: che come aveva fatto presagire il bellissimo Journey Into The Night, episodio di apertura, ha sparigliato le carte in tavole, decostruito e preparato il terreno per la costruzione di una nuova avventura narrativa del mondo dei Residenti e degli Ospiti.

Una scelta brillante in fatto di struttura narrativa (che non è però certo nuova per chi segue la produzione nolaniana) sono i frequenti salti in avanti e indietro nel tempo: rispondendo ad uno degli interrogativi più pressanti della stagione passata, ovvero se la linea narrativa seguisse un’unica linea temporale, Nolan rende lampante che quelle a cui stiamo assistendo sono le storie di almeno tre momenti cronologicamente distinti: alle origini del parco, ancor prima che venisse costruito e durante; durante la rivolta dei Residenti; e undici giorni dopo la fine della Rivolta.

Ma questo, ovviamente, non risolve assolutamente nulla, anzi apre la strada a numerosissimi altri interrogativi, ancora più affascinanti: che significato ha il simbolo che Dolores tocca nella casa (in costruzione) di Arnold? E che significato ha l’altro simbolo che di sfuggita vediamo, sempre più frequentemente, nei pad degli operatori del parco? Qual è il vero gioco di Ford? E quale partita sta giocando, in realtà, l’Uomo in Nero –che altri non è, poi, se non William

Westworld

Quali sono le vere motivazioni che hanno spinto gli investitori a creare Westworld? In questo senso, almeno, le risposte sono terribilmente attuali e proprio per questo ancora più dolorose e affascinanti: spettacolare il flashback nel passato dove William, ancora giovane, incontra James Delos, patriarca e fondatore della compagnia che il parco l’ha creato, la Delos appunto… salvo poi scoprire che lo stesso Delos è lui stesso un Residente, una copia, all’interno di un gioco ancora una volta più ampio e nascosto.

Nolan riesce, ancora una volta di più, a tracciare una trama non lineare ma frammentata che però riesce a mantenere una coesione interna, se non cronologica ma sicuramente logica: e nel farlo, inserisce in Westworld le sue ossessioni d’autore inestricabilmente avvinghiate ad un gusto sottile (e lasciatelo dire, un po’ sadico) per i giochi di scatole cinesi, dove un mistero ne contiene un altro ancora, senza però affaticare lo spettatore.

Che invece trova diversi guilty pleasure, al quale continuamente si ammicca, e che viene coinvolto in un rimando di citazioni e immagini a specchio che rendono la visione di Westworld così vertiginosa: se il quinto episodio, ambientato quasi esclusivamente a Shogun World in pieno Giappone feudale, con una miriade di citazioni a Leone e Kurosawa e il sangue che scorre a fiotti, esalta le aspettative dei fan – Dolores/Wyatt e Maeve sembrano avviarsi lentamente ad uno scontro, ideologico e fisico, mentre entrambe riflettono in maniera sempre più dolorosa sulla natura dei loro sentimenti, arrivando a soluzioni drasticamente agli antipodi.

westworld

Perché Dolores si sta trasformando nel nemico la cui ombra si era allungata su di lei e sul suo amato Teddy, che è dovuto soccombere ad un destino avverso e forse già scritto; mentre la consapevolezza sta invece trasformando Maeve rendendola più fragile e meno esposta allo stesso tempo, più dura e più lucida, più lacerata e meno piegata alla volontà dei suoi creatori. Wyatt è insomma una despota che non si preoccupa di usare i suoi “sottoposti” come carne di cannone per dirigersi e buttarsi a capofitto nel conflitto che si prospetta all’orizzonte, mentre Maeve è una leader empatica capace di rispettare la libertà altrui e l’inspiegabile umanità dei Residenti- sviluppando contemporaneamente nuove, misteriose abilità psichiche al limite della telepatia.

Westworld continua insomma ad essere contenitore per una storia che al suo interno rilegge, ricodifica e ricostruisce mille altre storie e generi, rimasticando e riflettendo su temi e tematiche come la religione (nell’episodio 2×02 c’è anche un’ultima cena, con Dolores/Dio e i Confederados come gli apostoli; Ford sembra essere il vero e proprio Dio Onnisciente ed Onnipresente, che si rivela in ogni personaggio); ma alla fine rivelandosi come un meraviglioso, oscuro ed illuminante, doloroso e necessario, Viaggio.

Il Viaggio di William/Uomo In Nero, che lo compie  interiore ed esteriore; di Maeve, che sta viaggiando attraverso Westworld e attraverso il suo dolore, rivivendolo attraverso gli occhi e il dolore della bellissima geisha Akane; di Arnold/Bernard dentro i suoi ricordi e il suo passato per trovare le chiavi per capire e decifrare il suo presente.

Ma mai viaggio fu più misterioso, impervio e bellissimo, per inoltrarci in un sentiero così indecifrabile da non conoscerne, dopo 15 episodi, minimamente la natura.

di GianLorenzo Franzì 

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 2018
  • Durata: 10 episodi
  • Distribuzione: Sky Italia
  • Genere: Fantascienza, Drammatico
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Jonathan Nolan, Lisa Joy
  • Data di uscita: 22-May-2018
Commenta