La mia commedia senza lieto fine: intervista a Enrico Lando, regista di Scappo a casa

Messo da parte il successo de I soliti idioti, Enrico Lando continua a frequentare la commedia italiana, ma con Scappo a casa lo fa secondo modelli di un cinema più classico e con una storia d’amore e d’amicizia che, pur nella sua leggerezza, non prevede lieto fine. Facendo leva su un Aldo Baglio in versione sordiana, il regista veneto firma un dramma tutto da ridere, ispirato ai grandi capolavori della nostra commedia. Lo abbiamo intervistato

Aiutare gli altri significa prendersi cura della propria vita: intervista a Michel Toesca, regista di Libero

Di Bruciante attualità, la storia di Cedric Herrou – contadino della valle Roia impegnato a supportare il tentativo di migranti e rifugiati di entrare in Francia – ribadisce la capacità del documentario di diventare parte in causa della contemporaneità. Come Citizen Four anche Libero appartiene a un cinema senza compromessi, capace di rischiare in prima persona pur di azzerare le distanze rispetto all’oggetto della propria indagine. Vincitore del premio come miglior documentario allo scorso Festival di Cannes, Michel Toesca ha accettato di rispondere alle nostre domande

Oscar 2015, Daniel Oyelowo

Oscar 2015, i vincitori sono tutti maschi e bianchi…Le polemiche sulle scelte dell’Academy, tra razzismo e misoginia, un po’ di numeri!

Andrà stasera in onda l’87° Cerimonia della notte degli Oscar 2015, l’evento cinematografico più prestigioso del mondo. Quest’anno più del solito l’ambito premio ha scatenato però alcune polemiche sulle scelte dell’Academy, accusata di razzismo strisciante e misoginia. Per la prima volta dal 1998 non troviamo infatti nessun candidato di colore tra gli attori e come

^ Back to Top