fbpx
Connect with us

Lovers Film Festival

‘The Mattachine Family’: al Lovers Film Festival in anteprima europea

Una commedia drammatica che riflette sulle diverse sfumature dell’amore, della famiglia e della genitorialità nella comunità LGBTQ+ contemporanea. Fuori Concorso al Lovers Film Festival 2024

Pubblicato

il

Opera prima di Andy Vallentine, The Mattachine Family è una commedia drammatica scritta dal marito del regista, Danny Vallentine, e ispirata alla vita della coppia. Nel 2023 il film è stato presentato in anteprima al Seattle International Film Festival, al Chicago LGBTQ+ International Film Festival e al FilmOut di San Diego, dove ha vinto il premio per la miglior sceneggiatura. È stato presentato in anteprima europea nella sezione Fuori Concorso al Lovers Film Festival 2024 di Torino.

Gli interpreti principali sono Nico Tortorella (Younger; Walking Dead) e Juan Pablo Di Pace (Mamma mia!) e tra i produttori c’è l’attore e regista Zach Braff.

Una storia di coppia, un’ipotesi di famiglia – La trama

Thomas e Oscar abitano a Los Angeles. Sono brillanti, innamorati, sposati e professionalmente realizzati. Quando però finisce la loro esperienza temporanea di genitori adottivi, qualcosa nel loro rapporto si rompe. In questo momento critico, Thomas intraprende un viaggio dentro di sé per capire cosa vuole davvero dalla vita e cosa significa essere gay oggi. Tutto ciò che un tempo era precluso e impensabile – dal matrimonio all’omogenitorialità – è diventato infatti una possibilità con cui ogni adulto non può fare a meno di confrontarsi.

Una storia Queer sui legami che uniscono e ci definiscono

Un giovane fotografo incontra per caso un ex divo bambino della televisione di cui è sempre stato fan, caduto in disgrazia a causa di un violento outing mediatico. Nasce una storia d’amore da favola, talmente perfetta da risultare quasi fastidiosa: il sole della California, party allegri e moderatamente eccentrici, professioni creative e ben remunerate, amici simpatici e accoglienti, interni da rivista e panorami da Instagram. In più, i due protagonisti sono anche buoni e generosi: per un anno sono stati gli amorevoli papà affidatari di un ragazzino in difficoltà. È proprio quando finisce bruscamente l’idillio che il quadro si rompe. E il film ci fa vedere come si formano le piccole crepe che spesso portano a grandi cambiamenti e nuovi inizi.

Crepe che sembrano riguardare non solo la coppia protagonista, ma anche la piccola comunità di amici che le ruota intorno. È come se i diritti acquisiti, la stabilità economica e affettiva, il riconoscimento sociale e la possibilità concreta di diventare genitori avessero portato – oltre a una innegabile serenità – anche nuove e insidiose insicurezze.

Una commedia agrodolce con qualche sentimentalismo di troppo

The Mattachine Family è una commedia agrodolce con tutti i pregi ma anche tutte le idiosincrasie di un cinema americano indie un po’ appiattito sulle istanze private. Un cinema ben scritto e gradevole, ma che rinuncia al conflitto e alla provocazione, per concentrarsi sui dettagli di costume e sulle inquietudini di una comunità queer di ultima generazione che appare più disinvolta che problematica, più liberal che radicale. Le tragedie del mondo restano fuori campo, le piccole vicende di una piccola comunità scorrono lisce e senza particolari asperità e i personaggi – anche quelli più caricaturali come la mamma lesbica che ha trasformato in un business alla moda i desideri di maternità e paternità alternativa – sono sempre avvolti da un irresistibile velo di empatia e calore umano.

Eppure, tra le pieghe del suo rivendicato romanticismo e di un’autoironia manieristica e fin troppo indulgente, The Mattachine Family nasconde un’anima calda e una sincerità rara.

La crisi sentimentale al centro della storia svela istanze esistenziali che riguardano tutte e tutti e il film ha il merito di mettere in scena con leggerezza desideri autentici e affetti non convenzionali che sfidano il tempo che passa.

Anche l’umanità messa in scena è più profonda e sfaccettata di quello che appare. Tra torte fatte in casa, set di serie televisive, pic-nic nel parco, cliniche per la fecondazione che sembrano hotel di lusso e glitter sparsi alla fine di malinconici party di capodanno, l’amore è più forte dei cliché . E se il desiderio di felicità personale prevale su ogni altro argomento di discussione, i sentimenti sono declinati con finezza e rappresentati con naturalezza in tante sfumature. Dalla coppia alla famiglia; dall’amicizia alla comunità; dalla genitorialità fino all’eredità spirituale di una generazione di gay e lesbiche che in passato ha lottato per i diritti di oggi. È al movimento della comunità di Mattachine (da cui il titolo) che il film è infatti dedicato.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

The Mattachine Family

  • Anno: 2023
  • Durata: 99 min
  • Genere: Commedia drammatica
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Andy Vallentine