fbpx
Connect with us

IN SALA

Gli Equilibristi

Film denso di significato socialmente, ma anche artisticamente, si avvale di una delle performance migliori di Valerio Mastandrea, che non caricaturizza il personaggio ma lo rende autentico, valorizzandolo. Una commedia drammatica, “Gli Equilibristi”, che deve essere vista in Italia, e che a febbraio uscirà anche in Francia, per dimostrare di che pasta sono fatti gli italiani.

Publicato

il

Anno: 2012

Distribuzione: Medusa

Durata: 100′

Genere: Drammatico

Nazionalità: Italia

Regia: Ivano De Matteo

Il divorzio è roba per ricchi”. Questo è il tema su cui prende forma l’ultimo film di Ivano De Matteo, Gli Equilibristi, presentato alla 69° Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, nella sezione Orizzonti.

Giulio (Valerio Mastandrea) è un marito e un padre che ha fatto un errore, tradire la moglie Elena (Barbara Bobulova). Errore che gli è costato molto, forse troppo. Lasciato dalla moglie, Giulio abbandona il suo appartamento e inizia un declino sociale e morale che lo porterà alla solitudine e allo sconforto. In cerca di un equilibrio finanziario, si rende conto che il suo stipendio di 1200 euro al mese del Comune non gli permette di sostenere né la sua famiglia, né se stesso. Tenta un secondo lavoro in nero, trasportando cassette della frutta nei camion che riforniscono i mercati e dorme in una misera pensione della stazione prima e in macchina poi; mangia alla mensa dei poveri, fino a ritrovarsi completamente solo, in preda alla consapevolezza che i suoi sforzi per una vita migliore non bastano mai.

Gli Equilibristi è un film molto importante a livello sociale, perché, per la prima volta, ci parla della classe media al giorno d’oggi, che è senza dubbio da considerare la nuova classe povera. “Per 20 anni ci hanno fatto credere che eravamo tutti ricchi, e ora paghiamo il conto – si è sfogato De Matteo alla presentazione del film. Oggi chi si separa, perde il lavoro, o deve affrontare un problema imprevisto, è costretto ad un equilibrismo economico che può diventare drammatico: quelli che pensavano di star bene, con macchina, cellulare, mutuo, sono diventati i nuovi poveri”.

Le parole di De Matteo sono indiscutibili, sono sempre di più i padri del ceto medio che stanno in fila alla Caritas per un pasto gratis o che hanno il disperato bisogno di un alloggio. Che sia colpa della crisi, dell’aumento delle tasse, della diminuzione degli stipendi o della legge che poco tollera le situazioni dei padri separati, risulta chiaro che tutti loro non hanno la possibilità di sostenere economicamente la propria famiglia, e questa è, a tutti gli effetti, un’emergenza sociale a cui lo Stato deve rispondere prontamente.

Film denso di significato socialmente, ma anche artisticamente, si avvale di una delle performance migliori di Valerio Mastandrea, che non caricaturizza il personaggio ma lo rende autentico, valorizzandolo. Una commedia drammatica, Gli Equilibristi, che deve essere vista in Italia, e che a febbraio uscirà anche in Francia, per dimostrare di che pasta sono fatti gli italiani.

Valentina Calabrese

: Cosa vedere su Netflix, Prime e al Cinema Lasciaci la tua email e goditi i film e le serie piú belli del momento!

Commenta