fbpx
Connect with us

Latest News

Sex Education: le novità della quarta (e ultima) stagione

Per gli abitanti di Moordale sarà una stagione ricca di amore, risate, lacrime e legami. Ma avremo una nuova dimora pronta ad accogliere tutto ciò: il Cavendish College.

Pubblicato

il

sex education 3
Sex Education giunge a conclusione con la sua quarta stagione; ciò è ormai ufficiale e sarà disponibile dal 21 settembre su Netflix. Dal suo debutto sulla piattaforma nel 2019, Sex Education è stata candidata e ha vinto numerosi premi, incluso l’International Emmy Awards nel 2022 come miglior serie comedy. Inoltre, nei primi 91 giorni dall’uscita la terza stagione ha totalizzato 66.6 milioni di visualizzazioni.
Asa Butterfield torna a interpretare il protagonista Otis Milburn, al suo fianco Gillian AndersonNcuti GatwaAimee-Lou WoodEmma MackeyConnor SwindellsKedar Williams-StirlingMimi Keene. Confermati nei rispettivi ruoli anche George Robinson (ora non solo sfidante di Otis, ma anche studente di arte al college), Chinenye EzeuduDua SalehAlistair PetrieSamantha SpiroJim HowickRakhee Thakrar e Daniel Ings.
Si uniscono al cast in questa stagione finale Dan Levy, vincitore dell’Emmy come miglior attore non protagonista per Schitt’s Creek, Lisa McGrillis (Somewhere Boy), Marie Reuther (Kamikaze), l’attrice e modella Jodie Turner Smith, il comico Eshaan Akbar e gli esordienti Reda ElazouarBella Maclean e Imani Yahshua (e tanti altri…).
Non è solo il teaser trailer a esporre alcuni dettagli della nuova stagione: Laurie Nunn (creatrice, sceneggiatrice e produttrice esecutiva di Sex Education) ha infatti reso note delle interessanti novità in un’esclusiva intervista.

sex education

Le novità della quarta stagione: i nuovi personaggi

I personaggi a cui ci siamo affezionati faranno di nuovo parte della serie, ma li vedremo immersi in un ambiente totalmente nuovo: il college. Il passaggio dalla high school al college richiede loro una certa e rapida progressione. La nuova stagione affronterà proprio i conflitti derivanti da tale passaggio: quella difficile permanenza nel limbo che si interpone tra adolescenza e vita adulta. Si presenteranno nuove sfide e nuovi legami, ma al centro della narrazione vi sarà sempre e comunque l’importanza dell’educazione sessuale e la sua diffusione. Come affermato da Nunn: il dispersivo e progressista ambiente del college farà sentire i protagonisti come dei piccoli pesci in un enorme stagno.

È rilevante la presenza di un nuovo e popolare gruppo dal nome “The Coven” che introduce tre nuovi volti alla serie ossia Felix Mufti, Anthony Lexa, Alexandra James. Nell’intervista, Nunn ha affermato che trovare gli attori giusti per questi ruoli è stato un vero e proprio cubo di Rubik: era infatti necessario che vi fosse chimica tra loro. Ma soprattutto, era fondamentale scegliere attori che fossero in grado di incarnare i valori che caratterizzano questo nuovo e popolare gruppo, ossia: gentilezza e inclusività.

Ma abbiamo un altro interessante personaggio: O (interpretata da Thaddea Graham), talentuosa sex therapist che ostacolerà Otis nel suo percorso di educatore sessuale. Sarà proprio questo il catalizzatore per il viaggio di Otis nella quarta stagione.

CURS>R

Non solo giovani adulti: il percorso emotivo della componente genitoriale

Come gli spettatori di Sex Education ben sanno, anche le figure genitoriali hanno una certa importanza in questa serie: non sono solamente mere figure di contorno, ma strutture con le loro crepe e per questo sempre pronte a sgretolarsi. Le famiglie vengono infatti indagate approfonditamente non solo in merito alla loro influenza sui figli, ma come individui unici con le loro fragilità.

Nella quarta stagione, il percorso emotivo di Jean sarà molto importante. La sua figura, però, avrà sfumature molto più oscure rispetto a ciò a cui siamo abituati: la forte e femminista Jean, che avevamo lasciato con il suo neonato in braccio, dovrà affrontare nuovamente il suo essere una madre single. Verrà inoltre introdotto un nuovo personaggio a lei legato, ossia Joanna (interpretata da Lisa McGrillis), sorella con cui ha un legame forte ma decisamente disfunzionale. Sarà probabilmente per merito di questa relazione che scopriremo molto di più riguardo al passato di Jean.

Nella quarta stagione, verrà inoltre ripreso il discorso attorno alla famiglia Groff: vedremo, infatti, Mr. Groff impegnarsi per provare a ricostruire il rapporto con la sua famiglia e con il suo contesto lavorativo.

Il fil rouge della serie: il benessere mentale

Laurie Nunn ha sottolineato che anche in questa stagione sarà fondamentale il focus sul benessere mentale, tematica affrontata dalla serie in mille sfumature diverse. Ella ha infatti affermato che:

“[La salute mentale] è un’esperienza universale, soprattutto quando sei un adolescente e tutto sembra molto intenso. A 17 anni, anche il più piccolo errore può sembrare la vita o la morte. Noi abbiamo voluto esplorare le varie sfaccettature della salute mentale, a prescindere da ciò che stai vivendo: ansia, depressione o solitudine. È importante renderlo noto e chiedere aiuto“.

Ha inoltre sottolineato che:

“Questo era il primo motivo per il quale volevo scrivere lo show – volevo scrivere qualcosa che mi avrebbe fatta sentire meno sola a 17 anni, perché ho trovato l’adolescenza un periodo molto difficile, ed è così anche per molte altre persone. Quando vengo a sepere che le persone riescono a legarsi alla serie in questo modo, comprendo che vale la pena vivere l’intero processo di scrittura, il quale a volte può essere una vera sfida”.

 

Dal 21 settembre su Netflix, le nuove avventure di Otis & Co. In una lettera ai fan, Nunn afferma che l’intero team di Sex Education non vede l’ora di condividere con noi questa stagione finale e noi fan, in attesa, gioiremo con loro.

sex education 3

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.