fbpx
Connect with us

DIRETTE EVENTI & FESTIVALS

Oscar 2022: i corti animati sono pieni di idee

Tutto quello che c'è da sapere sui cinque candidati al miglior cortometraggio animato

Publicato

il

corti animati oscar 2022

I cinque corti animati candidati all’Oscar 2022 usano molti stili e generi di narrazione per esplorare questioni più profonde. Vediamo nel dettaglio questi cinque corti animati in viaggio verso gli Oscar 2022.

Oscar 2022 le nomination: tutti i candidati

I cinque corti animati agli Oscar 2022

Affairs of the art

corti animati oscar 2022

Tassidermia di animali domestici. Filetti di vite. Il decapaggio. Queste sono le ossessioni deliziosamente strane della famiglia nel cortometraggio di Joanna Quinn e Les Mill. Al pubblico è mostrata la vita di Beryl, una donna di mezza età e della classe media che non nasconde le sue stranezze e i suoi difetti o quelli delle persone che ama. Gran parte del film si basa sulle osservazioni dei registi sulle persone della loro vita e su loro stessi. L’amore di Beryl per il disegno è tratto dalla passione giovanile di Quinn per l’arte e il disegno. Mills prende spesso idee per i dialoghi da conversazioni che ha sentito. Quinn ha considerato di passare al digitale per il film, ma alla fine è tornato all’animazione disegnata a mano.

«C’è una vita, una vitalità, e questo è il piacere del disegno» dice. «Penso che dopo aver fatto questo film e altri film, ho capito ora che mi piace molto il processo di animazione, l’atto di creare il movimento, godendo delle linee che prendono vita».

Bestia

corti animati oscar 2022

Il regista cileno Hugo Covarrubias e i suoi colleghi Tevo Diaz, Martin Erazo e Constanza Wette hanno sviluppato questo cortometraggio in stop-motion come metafora delle lotte politiche e sociali del paese di Covarrubias. Il suo personaggio principale ha un volto privo di emozioni che sembra il volto di porcellana di una vecchia bambola fabbricata nell’Europa dell’Est. È anche un membro della Direzione dell’Intelligence cilena (DINA) negli anni ’70 e svolge i suoi compiti in modo solenne. Fino a quando non appaiono crepe sia nel suo corpo che nel suo stato mentale. Le immagini combinate con l’intensa colonna sonora fanno un cupo commento sull’impatto delle dittature.

«Quando lavori con le mani con lo stop-motion, viaggi all’interno della storia in un modo diverso» dice Covarrubias. «Quando tieni il pupazzo in mano e crei le fratture che simboleggiano le fratture di un paese, senti il personaggio e ti connetti con lui».

Boxballet

Diretto e scritto da Anton Dyakov, la storia segue una delicata e fragile ballerina di nome Olya e un burbero pugile di nome Evgeny. Quando si incontrano, i due sembrano così diversi che sembra un miracolo che possano legarsi. Lentamente iniziano a vedere delle somiglianze l’uno nell’altro. Mentre entrambi affrontano le lotte fisiche delle loro professioni e un’improbabile storia d’amore inizia a svilupparsi. Il film disegnato a mano è nato dalle esperienze di Dyakov come ex insegnante d’arte. Ha notato che le ragazze disegnavano ballerine e principesse, mentre i ragazzi disegnavano combattenti e supereroi. Gli è venuto in mente che le storie con entrambe le cose avrebbero interessato più pubblico.

«I personaggi hanno molto più in comune di quanto si possa pensare a prima vista» dice Dyakov, che è nato nell’attuale Kazakistan, attraverso un traduttore. «Hanno così tanto in comune all’interno. Fanno cose completamente diverse ma il peso che portano nella vita è molto simile».

Robin Robin

Se avete mai espresso un desiderio su una stella verso Natale, è facile lasciarsi trasportare da questo musical animato in stop-motion. La storia segue un giovane pettirosso che viene cresciuto da un’amorevole ed eccentrica famiglia di topi quando il suo uovo rotola in una discarica. Questo corto di 30 minuti è stato prodotto da Aardman per Netflix e diretto-creato da Dan Ojari e Mikey Please. I personaggi morbidi e sentiti sono doppiati da un cast di affermati attori, tra cui Gillian Anderson come gatto diabolico, Richard E. Grant come gazza impicciona e Bronte Carmichael come Robin.

«Penso che ci sia un senso di ottimismo e di idiozia che è venuto fuori all’inizio» dice Please. «Ci siamo sentiti come, certo, possiamo fare questa cosa anche se è molto difficile, ce la faremo. E questo ottimismo è parte del nostro personaggio principale».

«Ci siamo divertiti a rimpicciolire ed esplorare luoghi come una cucina con i nostri personaggi» dice Ojari. «Diventa un po’ più eccitante quando sei al livello del personaggio, come lo siamo noi con Robin».

The Windshield Wiper

Il cortometraggio del regista spagnolo Alberto Mielgo riflette su una domanda antica: Cos’è l’amore?

Un filosofo con una sigaretta guarda nella telecamera e pone la domanda al pubblico e poi una serie di scene – molte ispirate alla vita del regista – si susseguono. La maggior parte dei momenti tenta di descrivere l’amore moderno in contrapposizione a come veniva immaginato un tempo. Mielgo, che ha uno stile di animazione da autodidatta, non si tira indietro di fronte a idee difficili nel suo film.

«È molto pretenzioso, forse» scherza Mielgo. «È una domanda che esiste da secoli e non abbiamo ancora una risposta. Una cosa che sta succedendo è che mi rendo conto che anche l’amore si sta evolvendo e sta diventando una cosa diversa. L’amore era fondamentalmente uno strumento per mettere insieme due persone per avere una famiglia forte».

«Ma al giorno d’oggi le cose stanno cambiando drasticamente. Non c’è bisogno di avere una grande famiglia. Ci si concentra di più sull’individuo. Quindi, come ci evolviamo?».

(Fonte Variety)

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.