fbpx
Connect with us

Rassegna Stampa

Ecco i film americani che avremmo dovuto vedere al cinema nel 2021 ma che probabilmente vedremo solo in streaming a casa

Hollywood si prepara a ritardare un'altra serie di successi

Publicato

il

Ci risiamo. Alla fine dell’anno scorso, la Warner Bros. è stata infilzata dopo aver annunciato che tutti i suoi nuovi film nel 2021 avrebbero debuttato contemporaneamente su HBO Max e nelle sale. Gli operatori cinematografici, gli studi rivali e persino alcuni dei registi dietro i film si sono chiesti ad alta voce perché, con la prospettiva dei vaccini contro il coronavirus incombente, la Warner Bros. avrebbe preso una decisione così radicale? È stata una mossa che sembrava sventolare bandiera bianca sugli spettatori per i successivi 12 mesi.

Nessuno si aspettava l’immunizzazione di massa dall’oggi al domani, ma con le vaccinazioni somministrate a passo d’uomo negli Stati Uniti, ora sembra che la Warner Bros. possa essere stata lungimirante nel riconoscere il lento ritorno del botteghino. Numerosi film rimangono nel calendario di uscita per l’inizio del 2021, ma i casi di virus in molte aree sono più alti che mai e circa il 65% dei cinema statunitensi, compresi quelli in mercati popolari come New York e Los Angeles, rimangono chiusi. Tornare al cinema in modo normale sembra irrealistico oggi come lo scorso marzo, quando i cinema di tutta la nazione furono chiusi.

A dire il vero, la maggior parte dei potenziali successi sono già stati rinviati a metà estate o più tardi. Ma ci sono una manciata di film in programma per il primo trimestre dell’anno: “Cenerentola” della Sony con Camila Cabello (5 febbraio), Disney e “The King’s Man” del 20 ° secolo (12 marzo) e il thriller di supereroi di Jared Leto “Morbius” da Sony (19 marzo), per citarne alcuni. Sembra molto improbabile che questi mantengano le loro date di uscita nelle sale, almeno senza abbracciare una sorta di debutto digitale ibrido o video-on-demand.

Anche in tempi tradizionali, il tratto tra gennaio e marzo è una specie di discarica cinematografica. Quindi non è del tutto inaspettato che l’attuale calendario di rilascio non riprenda in modo significativo fino a maggio, con i debutti di “Black Widow” di Disney e Marvel (7 maggio), Warner Bros. e “Godzilla vs Kong” di Legendary (maggio 21), “Free Guy” di Ryan Reynolds dei 20th Century Studios (21 maggio), “Infinite” della Paramount con Mark Wahlberg (28 maggio), “Crudelia” della Disney con Emma Stone (28 maggio) e “F9” della Universal (28 maggio ). Ma si prevede che molti di questi titoli cambieranno anche se le condizioni non miglioreranno drasticamente nel prossimo mese circa.

I produttori di Hollywood continueranno ad adottare approcci diversi per operare e trovare il modo migliore per raggiungere il pubblico durante la pandemia. Disney, Warner Bros. e Universal sembrano più pronti a cavarsela nei prossimi mesi, con piani di emergenza che vanno dalle versioni giornaliere sui servizi di streaming a finestre di video on demand premium accelerate. Né SonyParamount hanno un servizio di streaming pronto per scaricare i titoli, quindi queste società probabilmente continueranno a ritardare le date di uscita o vendere i loro film a piattaforme come Netflix, Hulu e Amazon Prime. La Paramount ha messo all’asta la maggior parte dei suoi film in uscita e non ha nulla all’orizzonte fino a “A Quiet Place Part II” il 23 aprile, che non ha intenzione di vendere.

Allo stato attuale, “Cinderella” è prevista come la prima uscita del 2021 da uno studio importante. Tuttavia, è difficile credere che l’adattamento fiabesco diretto da Kay Cannon manterrà la sua data di uscita all’inizio di febbraio.

Sony ha rifiutato di commentare la programmazione.

Ma non ci vuole un detective per notare che c’è stata un’evidente assenza di marketing – nessun accenno di immagini del primo sguardo, nessuna scintilla di un teaser trailer, nessuna prova di giocattoli promozionali ispirati a Camila Cabello – per il film che dovrebbe uscire il prossimo mese. La maggior parte dei film inizia a lanciare gli sforzi pubblicitari sei settimane prima della sua uscita, spesso anche prima se si tratta di un sequel o di uno spin-off di un franchise popolare. Anche se la data di uscita vacilla, fonti della Sony sottolineano che la classica principessa la farà vedere sul grande schermo. Mentre lo studio ha inviato “An American Pickle” di Seth Rogen a HBO Max e la commedia romantica di Kristen StewartThe Happiest Season” a Hulu l’anno scorso, gli addetti ai lavori dicono che “Cenerentola” non sarà venduta a uno streamer e Sony si impegna a uscita nelle sale.

Ci sono state anche voci sul fatto che un altro trampolino di lancio Disney, l’avventura Marvel guidata da Scarlett Johansson “Black Widow“, potrebbe seguire le orme del rilascio di altri studio “Raya and the Last Dragon“, che è in anteprima contemporaneamente nelle sale e su Disney Plus per un prezzo premium. Gli addetti ai lavori della Disney continuano a negare quei sussurri. Tuttavia, nell’era del coronavirus, nulla viene preso in considerazione, finché non lo sarà. Fonti della Disney hanno contestato i rapporti secondo cui “Soul” della Pixar sarebbe stato presentato in anteprima su Disney Plus, solo per annunciare un mese dopo che “Soul” sarebbe stato lanciato su Disney Plus.

È vero che per qualsiasi film, i piani saranno fluidi finché la pandemia rimarrà dilagante. Ciò che non cambia, tuttavia, è il fatto che è insormontabile più difficile per un film delle dimensioni e delle dimensioni di “Black Widow” diventare redditizio senza una finestra cinematografica tradizionale. Molti studi rivali sono rimasti sbalorditi dalla decisione della Warner Bros. di inviare “Wonder Woman 1984“, “The Suicide Squad“, “Dune” e altri film a budget elevato a HBO Max. Nel caso di “Wonder Woman 1984”, saltare un grande debutto nei cinema significava probabilmente che il film perderà oltre $ 100 milioni al botteghino. Può vantare abbonamenti per HBO Max, ma è ambiguo se le entrate aggiuntive compenseranno la perdita di vendite di biglietti. Altri titoli Warner in programma per una versione ibrida potrebbero trovarsi in rosso allo stesso modo.

I film a budget medio possono godere di un ritorno sull’investimento più interessante grazie a video on demand premium poiché richiedono transazioni su singoli titoli e non hanno bisogno di tanti passaggi di carte di credito per entrare in nero. E alcuni studi potrebbero essere disposti a prendere la svalutazione occasionale se ciò significa aumentare gli abbonati allo streaming, come nel caso di “Hamilton” su Disney Plus. Ma è quasi impossibile per i film con un prezzo di circa 200 milioni di dollari ottenere un profitto nel panorama cinematografico attuale. Ciò significa che il sequel di “Fast & Furious” “F9” e la voce di James Bond “No Time to Die” (fissata per il 2 aprile) lasceranno probabilmente quelle date di uscita a meno che molte più persone non vengano vaccinate.

MGM, i finanziatori del franchise di 007, e Universal, lo studio dietro la serie ad alto numero di ottani, hanno entrambi rifiutato di commentare. Universal detiene anche i diritti internazionali su “No Time to Die“.

La Universal ha implementato il suo patto di video-on-demand di prima qualità con espositori come AMC e Cinemark con un modesto successo, con “Trolls World Tour” e “The King of Staten Island” tra i titoli che hanno fatto soldi per lo studio. Ma pochi prevedono che la Universal testerà il suo accordo PVOD – che consente allo studio di mettere nuovi titoli sui servizi di noleggio digitale 17 giorni dopo il loro debutto teatrale – in un mercato compromesso con un importantissimo tentpole come “F9“. Le ultime puntate della serie guidata da Vin Diesel hanno superato il traguardo del miliardo di dollari con relativa facilità. Sia “F9” che “No Time to Die” dipendono da incassi mondiali, in particolare in Asia, dove i franchise d’azione sono particolarmente popolari. Poiché i loro rispettivi studi investono un numero vertiginoso di dollari di marketing in sforzi promozionali globali, le società dovranno prendere una decisione entro la fine di gennaio per evitare di ridurre le spese inutili. Se quei titoli dovessero essere rinviati di nuovo, gli studi potrebbero guardare il corridoio delle vacanze 2021 nella speranza di allontanarsi una volta per tutte dalla crisi COVID-19.

Per molti studi, ritardare, ritardare e ritardare di nuovo potrebbe essere l’opzione migliore, si spera per l’ultima volta.

Rebecca Rubin per Variety

: Cosa vedere su Netflix, Prime e al Cinema Lasciaci la tua email e goditi i film e le serie piú belli del momento!

Commenta