Festa del Cinema di Roma: Monsters and Men dell’esordiente Reinaldo Marcus Green, ennesimo film a tema della manifestazione

Un lavoro abbastanza inespressivo in tutti i suoi aspetti, i cui limiti evidenti sono probabilmente motivati dell’inesperienza del regista, che si è affidato all’esigenza personale di partecipare alla giusta voce che combatte contro le ingiustizie di questi tempi, senza che vi corrispondesse altrettanto impegno nel dare a quella voce una forma qualitativamente adeguata

peter jackson

Festa del Cinema di Roma – They Shall Not Grow Old, Peter Jackson celebra i reduci della Prima Guerra Mondiale con filmati di repertorio mai mostrati prima

Presentato alla Festa del Cinema di Roma il nuovo documentario di Peter Jackson, The Shall Not Grow Old. Una celebrazione del centenario dalla fine della Grande Guerra è una ricostruzione ibrida tra documentario classico e lungometraggio storico. Un progetto che unisce alla voce dei reduci l’utilizzo di filmati restaurati e colorati dell’archivio britannico della BBC e dell’Imperial War Museum

Festa del Cinema: Green Book di Peter Farrelly è un road movie divertente e drammatico nello stesso tempo che infonde speranza nell’umanità

Green Book di Peter Farrelly riesce straordinariamente a unire l’intrattenimento al senso di pienezza e di appagamento dato dalla verità, che ci fa vedere nel bene e nel male, una realtà rappresentata in modo tale da metterci davanti alle sue aberrazioni ma, nello stesso tempo, da poter infondere speranza nell’umanità. Con Viggo Mortensen

The Little Drummer Girl

Festa del Cinema di Roma: The Little Drummer Girl, la nuova serie di Park Chan-Wook tratta dalla spy-story di John le Carré

Nella sua prima serie tv la mano del regista lavora soprattutto sull’aspetto visivo e drammaturgico della storia, creando il giusto equilibrio tra estetica autoriale e forma del racconto. Tuttavia, il regista coreano al complesso intreccio della trama bilancia una sofisticata regia, evidenziata soprattutto dalle scelte di messa in scena così squisitamente riconoscibili che sembra citare il suo stesso lavoro

Festa del Cinema di Roma: Light as feathers, esordio dell’olandese Rosanne Pel

La regista e sceneggiatrice mette troppa carne al fuoco, ponendo l’accento su svariati possibili ambiti correlati alla storia che racconta, senza elaborarne in modo soddisfacente nemmeno uno, ma affrontandoli tutti in modo troppo approssimativo per poter risultare efficace. Non del tutto riuscito, ma nemmeno non apprezzabile, questo tentativo comunque coraggioso di Rosanne Pel di trattare nel suo primo lungometraggio un tema così ampio e spinoso

Festa del Cinema di Roma: Beautiful boy di Felix Van Groeningen, non solo un classico melodramma ma anche la narrazione di un grande dolore

Ispirandosi alle due biografie dei veri David e Nick Scheff, interpretati rispettivamente dai bravissimi Steve Carrel, ormai sempre più a suo agio nei ruoli drammatici, e da Timotee Chalamet, le cui doti e la cui bellezza sono state già ampiamente e meritatamente apprezzate nella sua performance in Call me by your name di Luca Guadagnino, Felix Van Groningen racconta lo sfacelo e il tormento vissuti da una famiglia

Festa del Cinema di Roma: Kursk di Thomas Vinterberg racconta la tragedia del sottomarino russo affondato nel 2000

Sovrapponendo diversi piani di rappresentazione, uno più intimo e umano, l’altro più politico, Thomas Vinterberg racconta nel suo nuovo lavoro prodotto da Luc Besson, Kursk, la tragedia dell’omonimo sottomarino russo sprofondato nel Mare di Barents nell’agosto del 2000. 120 minuti tesi e fitti per un film che si dimostra emozionante e convincente

robert redford

Festa del Cinema di Roma: The Old Man & The Gun, Robert Redford è un infallibile rapinatore nel suo ultimo film come attore

Presentato alla Festa del Cinema di Roma, The Old Man & The Gun non è solo l’incredibile storia vera di Forrest Tucker, un uomo che ha trascorso la sua vita tra rapine in banca e evasioni dal carcere, ma è il film che segna l’addio di Robert Redford alla carriera di attore, con un ruolo che forse meglio sintetizza la carriera del famoso interprete

7 sconosciuti a El Royale

Festa del Cinema di Roma: 7 sconosciuti a El Royale apre la kermesse capitolina

La tredicesima edizione della Festa inizia con il nuovo film di Drew Goddard, 7 Sconosciuti a El Royale, con Jeff Bridges, Dakota Johnson, Jon Hamm, Nick Offerman e Chris Hemsworth. Nei prossimi giorni sarà il turno di Halloween, il nuovo attesissimo sequel di David Gordon Green; Fahrenheit 11/9, l’irriverente documentario di Machael Moore sull’America di Trump e Barry Jenkins, che presenta a Roma la sua nuova pellicola: If Beale Street Could Talk.

Sacco e Vanzetti

Festa del Cinema di Roma: grande commozione del pubblico alla presentazione della versione restaurata di Sacco e Vanzetti di Giuliano Montaldo con Gian Maria Volontè

Sacco e Vanzetti di Giuliano Montaldo dimostra come il senso del processo ai due anarchici italiani fu una condanna esemplare per le autorità americane e assunse un chiaro significato politico volto a punire e scoraggiare qualsiasi azione giudicata come sovversiva. E’ inoltre un ritratto del suo tempo, con forti i richiami agli eventi politici del nostro paese, all’indomani della strage di Piazza Fontana. E oggi diventa per Amnesty International una storia da raccontare all’infinito per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza dei diritti umani

Festa del Cinema di Roma: Florence Foster Jenkis di Stephen Frears (Selezione Ufficiale)

L’ultimo biopic di Stephen Frears, nelle sale italiane dal 22 dicembre, è stato presentato alla Festa del Cinema di Roma. Meryl Streep indossa i panni di una cantante lirica priva di talento, ma incapace di prenderne coscienza. Inutile dire che l’interpretazione di Meryl Streep è perfetta sotto ogni aspetto. Non da meno è Hugh Grant, che ritroviamo più maturo e capace di sostenere brillantemente il suo ruolo dall’inizio alla fine

Festa del Cinema di Roma: Train to Busan di Yeon Sang-ho (Selezione Ufficiale)

Nonostante abbia riscosso un successo non indifferente di pubblico, soprattutto di quello connazionale, e sia indubbiamente un film dalle qualità tecniche discrete, a rischio di andare un po’ controcorrente, non si può evitare di considerare Train to Busan come l’ennesimo zombie-movie di matrice coreana presentato a Cannes nella sezione Midnight Screening e in anteprima italiana alla Festa del Cinema di Roma

Festa del Cinema di Roma: Kubo e la spada magica di Travis Knight (Alice nella città)

Meraviglioso esempio di comunicazione emotiva fatta di animazione, colori, voci bellissime e ironia, il cartone diretto da Travis Knight, Kubo e la spada magica, presentato alla Festa del Cinema di Roma nella sezione Alice nella Città. Veramente encomiabile la capacità di rivolgersi a dei bambini potendo toccare con delicatezza temi drammatici e spaventosi come morte, perdita, separazione e solitudine, rendendoli accessibili e soprattutto affrontabili, sopportabili

^ Back to Top