Stasera in tv su Cine Sony (il nuovo network in chiaro della Sony, canale 55 del DD) alle 21 Captain Phillips – Attacco in mare aperto con Tom Hanks

Interpretato dall’ottimo e maturo Tom Hanks, Captain Philips racconta la cronaca dell’assalto alla nave MV Maersk Alabama da parte di pirati somali, durante il tragitto che avrebbe dovuto compiere al largo del Corno D’Africa. Lo stile è quello aspro e documentaristico che contraddistingue il regista inglese Paul Greengrass

  • Anno: 2013
  • Durata: 134'
  • Distribuzione: Warner Bros Italia
  • Genere: Azione
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Paul Greengrass
  • Data di uscita: 31-October-2013

Stasera in tv su Cine Sony (il nuovo network in chiaro della Sony, canale 55 del DD) alle 21 Captain Phillips – Attacco in mare aperto, un film biografico del 2013 diretto da Paul Greengrass, con protagonista Tom Hanks. Adattamento cinematografico del libro Il dovere di un capitano (A Captain’s Duty: Somali Pirates, Navy SEALS, and Dangerous Days at Sea), autobiografia di Richard Phillips, scritta in collaborazione con Stephan Tatty, il film racconta la vera storia del dirottamento della nave mercantile statunitense Maersk Alabama, avvenuto nell’aprile 2009 per mano di quattro pirati somali, e la cattura in ostaggio del comandante Richard Phillips. Il fatto passò alla storia perché si trattò del primo dirottamento di una nave da carico statunitense in 200 anni di storia navale.

Nell’aprile 2009, mentre naviga nelle acque dell’oceano Indiano a 400 miglia da Mogadiscio, la nave cargo danese Maersk Alabama, capitanata dall’americano Richard Phillips (Tom Hanks), è assaltata da un gruppo armato di pirati somali. Phillips, sposato con Andrea (Catherine Keener) e padre di due figli, non esita a offrirsi come ostaggio pur di mettere al salvo i membri del suo equipaggio e la nave. Durante i tre giorni successivi, passati in alto mare su una piccola scialuppa con i pirati, Phillips prova inutilmente a fuggire e a trattare con il nemico ma la situazione si risolverà solo con l’intervento dei cecchini dei Navy Seals americani.

La recensione di Taxi Drivers (Anna Quaranta)

Tratto dal romanzo autobiografico A Captain’s Duty: Somali Pirates, Navy SEALS, and Dangerous Days at Sea di Richard Phillips e interpretato dall’ottimo e maturo  Tom Hanks, il film diretto da Paul Greengrass racconta la cronaca dell’assalto alla nave MV Maersk Alabama da parte di pirati somali, durante il tragitto che avrebbe dovuto compiere al largo del Corno D’Africa per trasportare acqua, cibo, medicinali e aiuti umanitari.

Lo stile è quello aspro e documentaristico che contraddistingue il regista inglese Paul Greengrass fin dai suoi precedenti lavori, tra cui Bloody Sunday, Orso D’Oro a Berlino nel 2002, ricostruzione in stile reportage del massacro dei pacifisti cattolici irlandesi compiuto dall’esercito britannico nel 1972 a Derry, e United 93 (2006) che ripercorre il dirottamento e lo schianto dell’aereo destinato a colpire la Casa Bianca, l’11 settembre 2001; la fotografia è curata da Barry Ackroyd , che già aveva collaborato con Greengrass in United 93:  la sua esperienza di documentarista di opere riguardanti tematiche sociali traspare dalla fotografia realista e essenziale, che ricorda, durante lo svolgimento del film, che si tratta di realtà e non di finzione.

E non è soltanto la fotografia essenziale a restituirci la realtà dei fatti, ma anche la narrazione che si sviluppa in modo lineare, fedele agli accadimenti e al loro susseguirsi e senza gli intrecci tipici della finzione di un puro film d’azione, ad eccezione dell’alternarsi delle scene iniziali, la preparazione alla partenza per il comandante Phillips e la preparazione all’attacco piratesco del somalo Muse (Barkhad Abdi).

I “personaggi”, se possiamo definirli tali, comunicano più volte tra loro (e allo spettatore) che quello che stanno mettendo in atto non è finzione; è proprio Tom Hanks a dichiararlo durante quella che poteva sembrare un’esercitazione – “questa non è un’esercitazione, è una situazione reale” così come è sempre lui a mettere in atto una finzione, quando afferra la radio e fa finta di chiedere soccorso ad una nave da guerra, per spaventare i pirati in avvicinamento. Non c’è niente di innaturale in tutti e due i momenti, perché sono entrambi autentici nei sentimenti che li muovono: la paura del capitano Phillips, che rischia la vita per i suoi uomini e la nave che comanda, e la paura di Muse, che deve necessariamente portare a casa un ricco bottino che ingrassi i suoi capi.

Nel film si sviluppano le tematiche sociali e politiche generate nell’ambito del lavoro in situazioni critiche; affrontare in mare aperto il rischio di essere assaltati dai pirati non è poi così distante dai rischi che anche in altri ambiti lavorativi si è costretti ad correre in prima persona dietro il marchio di un’azienda che prima ti chiede di esporti perché hai firmato un contratto, e poi ti lascia solo; il personaggio di Tom Hanks ricorda alla moglie, mentre lei lo accompagna in aeroporto, che le aziende oggi vogliono “velocità e risparmio”, che è lo stile con il quale conduce i suoi uomini sulla nave, opponendo ai marinai “sindacalisti” la sua visione scientifica della gestione delle criticità: “seguiremo le procedure e resteremo blindati fino all’arrivo dei soccorsi”.

E se da un lato troviamo la “guerra” tra diritti e doveri, e un mercato del lavoro sempre più flessibile, dall’altro sulle coste della Somalia c’è una guerra ancora più crudele: quella per la sopravvivenza in un Paese sfruttato (anche da chi poi si pulisce la coscienza con gli aiuti umanitari), dove il lavoro quotidiano è quello di tentare l’assalto a qualche ricca nave occidentale, comandati da oscuri criminali locali; e nel frattempo sognare il “sogno americano”

GUARDA IL TRAILER >>

Utlima modifica: 8 Settembre, 2017



Condividi