Stasera in tv su TV8 dalle 22,30 in poi i primi amori di Sophie Marceau con Il tempo delle mele 1 & 2

Taxidrivers_Il tempo delle mele_Sophie Marceau_Stasera in tv

 

Stasera in tv su TV8 la seconda serata e quella successiva sono dedicate a due film che tanto hanno influito sull’immaginario delle generazioni cresciute durante i primi anni ’80: Il tempo delle mele (La Boum, 1980) e Il tempo delle mele 2 (La boum 2, 1982), entrambi diretti da Claude Pinoteau e intepretati da quella che poi sarebbe diventata un’icona indimenticabile, Sophie Marceau.

Il tempo delle mele (La Boum) è un film francese del 1980, diretto da Claude Pinoteau. Il film, che ebbe uno straordinario successo di pubblico in tutto il mondo, rappresentò l’esordio cinematografico di Sophie Marceau, protagonista nel ruolo di una studentessa tredicenne.

Un piccolo, grande cult nel suo genere. È una gradevole commedia francese degli anni ottanta incentrata sulle problematiche e sulle fragilità del mondo adolescenziale: i cambiamenti fisici, la crescita, la voglia di sentirsi adulti, i primi amori ecc. All’epoca della sua uscita fu sicuramente molto apprezzata e condizionò parecchio la parte giovanile della nostra società rendendosi irresistibile. Il suo stile è semplice, ma molto efficace, la narrazione è simpatica e piacevole, spesso realistica e genuina, e la trama è sviluppata bene e coinvolge nonostante i suoi numerosi clichè. Riesce a mescolare con equilibrio ed attraverso le giuste dosi sentimentalismo e comicità, senza mai diventare nè frivola nè stucchevole. Risultano inoltre indovinati ed accattivanti tutti gli interpreti, a partire da una deliziosa ed a quei tempi giovanissima Sophie Marceau.

Il tempo delle mele 2 è un film del 1982 diretto da Claude Pinoteau. Si tratta del seguito, meno fortunato, del popolarissimo Il tempo delle mele del 1980.

L’originalità iniziale si è certamente persa ed è evidente che questo secondo capitolo sia stato realizzato per scopi prettamente commerciali, però non si tratta di un film sgradevole o arrangiato e mediocre. La trama in questo caso continua a raccontare le problematiche e le fragilità di un gruppo di adolescenti – più cresciute rispetto al primo episodio – e riesce ad intrattenere ancora una volta dopotutto, anche se le situazioni tendono a ripetersi e la storia acquisisce lo stile di una telenovela del piccolo schermo. Ma nonostante la minestra sia stata riscaldata, non ha un cattivo sapore, ma possiede ancora molta anima. Così tra amori giovanili, incomprensioni famigliari e qualche trovata divertente il film risulta discretamente godibile. Sophie Marceau ne è sempre la perla.



Condividi