fbpx
Connect with us

VISTI AI FESTIVAL

70 Festival di Cannes: Le Redoutable di Michel Hazanavicius, il discusso film sulla storia d’amore tra Jean-Luc Godard e Anne Wiazemsky (Concorso)

Le Redoutable è una pellicola assolutamente presuntuosa. Presuntuosa l’idea di imbastire un film su Godard ancora in vita, presuntuoso andare a toccare una sorta di mito intellettuale e cinematografico attraverso i ricordi di una ex moglie

Publicato

il

Michel Hazanavicius, dopo aver rivisitato pessimamente il cinema muto nel semplicistico e superficiale The Artist (2011), con Le Redoutable, nell’edizione 70 del Festival di Cannes propone un personalissimo e disturbante confronto con una delle personalità più difficili da tratteggiare: Jean-Luc Godard.

Le Redoutable, presente in Concorso nella Selezione Ufficiale, è una pellicola assolutamente presuntuosa. Presuntuosa l’idea di imbastire un film su Godard ancora in vita, presuntuoso andare a toccare una sorta di mito intellettuale e cinematografico attraverso i ricordi di una ex moglie. E soprattutto presuntuoso per un regista con pochi lungometraggi alle spalle, di sicuro non geniale e talentuoso, andarsi a confrontare sullo stesso terreno (cinematografico) con una figura indubbiamente rivoluzionaria.

A comporre questa farsa, Louis Garrel, in una clamorosa caduta interpretativa. Ad illuminare l’‘ardito’ regista il libro Un anne après della ex moglie di Godard, Anne Wiazemsky, racconto della storia d’amore dell’allora 19enne Anne, giovane studentessa dell’alta borghesia francese, nipote del celebre scrittore François Mauriac, debuttante nel cinema con la perla bressoniana Au hasard Balthazar (1967), che all’alba del 1968, si innamora e sposa Godard, di 20 anni più grande, protagonista del suo La Chinoise (1967). Questa la partenza della pellicola, nella quale Hazanavicius, fautore di una estetica della superficie, sceglie l’attrice più adatta a tale fascinazione: Stace Martin, la musa che Lars Von Trier ha illuminato dentro Nymphomaniac (2014), ridotta da Hazanavicius a puro oggetto estetico. Ripresa in pose plastiche da autentica cerbiatta: dal volto magnifico allo splendido corpo scoperto a strati e gradi, sovente nudo.

L’amore tra Jean-Luc ed Anne si fa misura dell’evoluzione cinematografica e concettuale di Godard, nel suo periodo creativamente florido in cui raccoglie consensi e devozioni. L’incomprensione del pubblico verso La Chinoise, getta Godard in una crisi individuale che si unisce a quella sociale del ‘68: Jean-Luc rifiuta il concetto di regista artista per assumere su di sè quello di artista maoista, creando un buco nero che lo isola dal mondo sociale, artistico ed intellettuale. La sua ‘autodistruzione’ fagociterà anche l’amore con Anne. L’ironia apparentemente paradossale da cui è pervaso Le Redoutable, collante nel libro-fonte e fortunoso espediente concesso ad Hazanavicius per prendere le distanze da una personalità complessa, travagliata, indefinibile fino in fondo quale Godard, svela fotogramma dopo fotogramma, e parallelamente alla crisi di Jean-Luc, un ritratto al limite della macchiettistica: vera e propria presa per i fondelli di uno dei simboli della Nouvelle Vague, del cinema, della cultura, del ’68 nella sua azione e nel suo pensiero. Anche visivamente le scene della protesta sono girate con un lassismo, un’improvvisazione così lontane dalla posticcia eleganza di tono e registro con cui il regista assembla ambienti, situazioni, ammorbidisce musicalmente le atmosfere, in un naïf fine a se stesso.

Maria Cera

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 2017
  • Durata: 102'
  • Genere: Biografico
  • Nazionalita: Francia
  • Regia: Michel Hazanavicius