fbpx
Connect with us

EVENTI

Racconti dal vero all’Apollo 11: IL CINEMA CHE CAMBIA, Il meglio del Panorama Italiano, dal 57°Festival dei Popoli

IL CINEMA CHE CAMBIA. Il meglio del Panorama Italiano dal 57°Festival dei Popoli Una rassegna di due giorni dedicata a una selezione di film documentari

Pubblicato

il

APOLLO 11

con il sostegno di

SIAE

in collaborazione con

ZA LAB e FESTIVAL DEI POPOLI

presentano

martedì 9 e mercoledì 10 maggio

Centro Aggregativo Apollo 11
c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio 80/a
(angolo via Conte Verde) – Roma

IL CINEMA CHE CAMBIA

Il meglio del Panorama Italiano

dal 57°Festival dei Popoli

Una rassegna di due giorni dedicata

a una selezione di film documentari

presentati all’edizione 2016

del Festival dei Popoli

Martedì 9 maggio

19.00 HOTEL SPLENDID (90’, 2016) Mauro Bucci

alla presenza del regista

 21.00 CASTRO (84’, 2016) Paolo Civati

alla presenza del regista

 Mercoledì 10 maggio

19.00 LA PRIMA META (74’, 2016) Enza Negroni

alla presenza della regista

21.00 UN ALTRO ME (83’, 2016) Claudio Casazza

alla presenza della story editor SIMONA NOBILE

 

Hotel Splendid (2016, 90’) Mauro Bucci

“Hotel Splendid” è un racconto intimo e corale sulla vita di una comunità di migranti provenienti dalle coste africane, ospitata presso una struttura per richiedenti asilo politico a Cesenatico. Il film documenta le esperienze quotidiane e il funzionamento di un albergo adibito a centro di accoglienza per rifugiati. Il documentario intreccia una doppia narrazione per raccontare differenti itinerari: il drammatico viaggio segnato da violenze e abusi intrapreso dai migranti per giungere in Europa e il percorso dei richiedenti asilo dall’ingresso nel centro di accoglienza fino alla conclusione dell’iter di valutazione.

Regia: Mauro Bucci Soggetto e sceneggiatura: Mauro Bucci Musiche: Bojang Sarja, Adama Sangare, Roton Miah Montaggio e fotografia: Mauro Bucci Produttore: Mauro Bucci

Guarda il trailer

Castro (2016, 84’) Paolo Civati

Il Castro era un’occupazione abitativa romana, un rifugio per gli esclusi, una casa per tanti ma di nessuno. Per più di dieci anni è stata una possibilità di vita per molte famiglie. Ieri era tollerato, oggi non esiste più. Oltre un anno di riprese, per rivelare il quotidiano di una comunità che vive in una situazione straordinaria. Il Castro come una torre di Babele, che si racconta con la lingua dai mille accenti e da un’unica semantica, quella del diritto negato, quella del bisogno inevaso.

Regia: Paolo Civati Soggetto e sceneggiatura: Paolo Civati, Giulia Moriggi  Musiche: Valerio Camporini Faggioni Montaggio: Andrea Maguolo, Sara Zavarise Fotografia: Valentina Summa Suono: Ludovic Van Pachterbeke (Presa Diretta e Montaggio), Lauren Martin (Mix) Produttore: Carolina Levi, Paolo Civati Produttori associati: Valentina Summa, Ludovic Van Pachterbeke Delegato di Produzione: Giulia Campagna Produzione: Tangram Film in collaborazione con IRP – Infinity Road Pictures, Studio Empire Digital

Guarda il trailer

La prima meta (2016, 74’) Enza Negroni

Giovani detenuti si rimettono in gioco ed entrano a fare parte della squadra multietnica di rugby del carcere di Bologna, la meta più importante è fare squadra perché da soli si è destinati alla sconfitta.

Regia: Enza Negroni Soggetto e sceneggiatura: Enza Negroni Musiche: Giorgio Canali Montaggio: Corrado Iuvara Fotografia: Roberto Cimatti Suono: Jan Maio Produttore: Giovanna Canè, Enza Negroni Produttore Esecutivo: Giovanna Canè Produzione: Eden Rock, Oltre il Ponte; in collaborazione con IBC Movie

Guarda il trailer

Un altro me (2016, 83’) Claudio Casazza

Sergio, Gianni, Giuseppe, Valentino, Carlo, Enrique, sono tra i condannati per reati sessuali, definiti ‘infami’ nel gergo carcerario, che, una volta usciti dopo anni o mesi di isolamento in carcere, rischiano di commettere nuovamente un crimine sessuale. Un’equipe di psicologi, criminologi e terapeuti sta portando avanti anche con loro il primo esperimento in Italia per evitare il rischio che le violenze siano compiute ancora. Un anno accanto a loro per capire chi sono, cosa pensano e quali sono le dinamiche profonde di chi ha commesso un reato sessuale. E mostrare che un cambiamento è possibile.

Regia: Claudio Casazza Soggetto e sceneggiatura: Claudio Casazza Story Editor: Simona Nobile Montaggio: Luca Mandrile Fotografia:Claudio Casazza Suono: Alessio Fornasiero (presa diretta), Riccardo Spagnol (Montaggio del Suono) Produzione: Graffiti Doc (Enrica Capra); in collaborazione con Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo (MiBACT), Piemonte Doc Film Fund Distributore: Lab 80 film UfficioStampa: Giulia Ghigi

Guarda il trailer

Guarda l’evento Facebook

Per prenotazioni: booking@apolloundici.it
Le prenotazioni dovranno essere convertite in biglietti presso la biglietteria almeno 30 minuti prima dell’inizio dell’evento.
La prenotazione non convertita non dà diritto di accesso all’evento.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.