Stasera in tv alle 02,00 su Iris Una lucertola con la pelle di donna di Lucio Fulci

Il tessuto di Una lucertola con la pelle di donna è una realtà gridata e dissonante, in cui i colori sgargianti, le luci abbaglianti ed i suoni assordanti sono, nell’insieme, un eccesso kitsch, un proclama libertario ed un’allucinazione psichedelica

  • Anno: 1971
  • Durata: 91'
  • Genere: Giallo
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Lucio Fulci

Stasera in tv, alle 02,00, su Iris, Una lucertola con la pelle di donna, un film thrilling del 1971 scritto e diretto da Lucio Fulci, con Florinda Bolkan, Leo Genn, Jean Sorel, Stanley Baker, Franco Balducci.

Carol Hammond, moglie di un avvocato, racconta allo psicanalista il sogno in cui lei stessa uccideva la sua vicina, donna di scarsa virtù. Quando la donna viene effettivamente trovata morta (nel modo descritto da Carol) i sospetti della polizia si rivolgono dapprima su di lei e, solo successivamente, su parecchie altre persone, fra cui il marito di Carol.

Il tessuto di questo film è una realtà gridata e dissonante, in cui i colori sgargianti, le luci abbaglianti ed i suoni assordanti sono, nell’insieme, un eccesso kitsch, un proclama libertario ed un’allucinazione psichedelica. Fra le righe si legge l’estetica ribelle degli anni settanta, il realismo grezzo eppure ebbro da letteratura popolare tuffata nella cronaca mondana. Lo schema di riferimento è il rotocalco, l’istantanea, il fotoromanzo, il collage di situazioni che crea un’atmosfera incerta, dal fascino blando e ricercato, trasformando ogni scenario in un teatro della suspense e della paura.

La storia, nel suo complesso, assomiglia a un’imbastitura di piccoli bozzetti di terrore, spruzzati di simboli a volte ingenui (come i pipistrelli), a volte inaspettatamente originali (come la tela “pugnalata” di vernice), che restituiscono un quadro discretamente fantasioso e giustamente fuorviante. Come si addice ad un racconto a sfondo psicanalitico, i protagonisti della vicenda sono gli oggetti, reali o immaginari; in questo giallo essi sono, infatti, come sul lettino freudiano, gli indizi mascherati che, se opportunamente decodificati, conducono diritti alla verità. Sul fronte sociale, il tema di fondo è l’apparenza – coniugata alla cecità autoindotta – che è, nel contempo, la forza e la maledizione della borghesia. Voler sembrare e non voler vedere sono la sostanza di un’alienazione che vive, con diverse modalità, sia nelle elitarie prigionie dei palazzi bene, sia nelle finte libertà dei deliri hippie. In Una lucertola dalla pelle di donna la regia di Lucio Fulci sembra contrassegnata da un approccio vagamente trash che, però, decide di imboccare la strada dell’astrazione figurata, dell’allusione metaforica, della chimica cerebrale, distribuite, con pennellate irregolari, sulle immagini “rubate” di una torbida faccenda.

GUARDA IL TRAILER >>

Utlima modifica: 1 aprile, 2017



Condividi