RISIKO – Quell’irrefrenabile voglia di potere, lo spettacolo cult, torna al Teatro La Cometa di Roma

Taxidrivers_RISIKO - Quell’ irrefrenabile voglia di potere

Il testo di Apolloni ha uno sguardo cinico e disilluso, è tagliente e brillante, convincendo con una semplice e riuscita miscela di risata e impegno

Era il 1992 quando Francesco Apolloni propose al Todi Festival lo spettacolo RISIKO – Quell’irrefrenabile voglia di potere.  Fu un grandissimo successo, applauditissimo in tutti i teatri che lo videro in scena, compreso il Teatro della Cometa. Lo spettacolo divenne un cult. A distanza di 25 anni torna in scena dal 22 marzo al 9 aprile proprio al Teatro della Cometa. Un tema sempre di grande attualità: il crollo della vecchia classe politica e la nascita della nuova. Regista di questo nuovo allestimento è Vanessa Gasbarri. Protagonisti (in ordine alfabetico) Andrea Bizzarri, Tommaso Cardarelli, Guenda Goria, Antonio Monsellato, Luigi Pisani, Giulia Rupi.

Principi edificanti ed un arrivismo un po’ kitsch. Metodologie corruttive antologiche e tanto humour sono i connotati caratteristici di questa trasposizione teatrale; RISIKO – Quell’irrefrenabile voglia di potere – ri-allestito da Vanessa Gasbarri – ha un tono deciso, piacevolmente agrodolce, capace di coinvolgere in maniera diretta il pubblico. Ottima la coralità di intenti fra gli attori coinvolti, facilitati da una scrittura decisamente fresca; i sei giovani attori risultano convincenti dall’inizio alla fine e già nello svolgersi della prima rappresentazione trovano presto la giusta scioltezza ed armonia.  Suggestiva la scenografia – quasi metafisica se vogliamo – messa in scena da Katia Titolo. Forte il marcamento tra il  primo e il secondo atto: nell’evolversi del “gioco” e dello spettacolo i toni cambiano. Se nella prima parte si ha un’effusione esilarante con azioni e personaggi volutamente caratterizzati da risvolti comici, alla riapertura del sipario tutto il contesto assume toni più drammatici e preoccupanti, e anche le battute divertenti risultano più arcigne, lasciando l’amaro in bocca. Il testo di Apolloni ha uno sguardo cinico e disilluso, è tagliente e brillante, convincendo con una semplice e riuscita miscela di risata e impegno. Dalla sala si esce però con un senso di scoraggiante incredulità davanti all’attualità di quanto visto (e alla consapevolezza di una politica di vane immagini e promesse che sarebbe bello poter cancellare con un nuovo lancio di dadi… in una sola partita).

Alessandra Graziosi

Produzione Pragma srl presenta
RISIKO – Quell’irrefrenabile voglia di potere
di Francesco Apolloni
regia Vanessa Gasbarri
con Andrea Bizzarri (Arturo), Tommaso Cardarelli (Giulio), Guenda Goria (Claudia), Antonio Monsellato (Simone), Luigi Pisani (Alex), Giulia Rupi (Stella)
scene Katia Titolo
luci Corrado Rea
costumi Marco Maria Della Vecchia e Maura Casaburi
musiche Jonis Bascir
aiuto regia Claudia Ferri, Alessandro Salvatori ed Alessandra Merico



Condividi