Stasera alle 00,10 su La7d Quattro mosche di velluto grigio di Dario Argento

  • Anno: 1971
  • Durata: 107'
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Genere: Giallo
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Dario Argento

4 mosche di velluto grigio è un film del 1971 diretto da Dario Argento. Girato dal 20 luglio al 22 settembre 1971 a Torino, Milano, Spoleto, Tivoli e Roma, è il terzo capitolo della cosiddetta Trilogia degli animali di Argento. All’epoca incassò 2 miliardi e 300 milioni di Lire.

Pedinato, da parecchio tempo, da una sinistra figura, il giovane Roberto Tobias, batterista in un’orchestra, una sera affronta lo sconosciuto e, sebbene involontariamente, lo uccide. Qualcuno ha assistito alla scena, fotografandola. Da quel momento, pur non giungendogli nessuna richiesta di denaro, Roberto diviene oggetto di una silenziosa persecuzione da parte del misterioso testimone, che, oltre a disseminargli per casa le prove del suo omicidio, una sera tenta addirittura, agendo nell’ombra, di strangolarlo. Il giovane si confida con la moglie Nina, che gli consiglia inutilmente di partire. Al colloquio assiste, non vista, la cameriera, che poche ore dopo verrà sgozzata in un parco. A questo punto, è Nina ad abbandonare la casa, mentre al fianco di Roberto resta Delia, una giovane parente della moglie. Sempre più spaventato, il batterista si rivolge a un investigatore privato, che però, giunto a un passo dalla verità, viene ucciso. Quando anche Delia, mentre Roberto è assente, subisce la stessa sorte, il giovane decide di armarsi e di aspettare che l’assassino tenti di colpire anche lui. Tobias si troverà davanti a un’amara verità…

Il film, nel descrivere il menage fra Roberto e Nina, contiene alcuni riferimenti autobiografici. Lo stesso Michael Brandon fu scelto dal regista perché gli somigliava vagamente, come pure Mimsy Farmer, scelta per il ruolo della moglie del protagonista dopo aver repentinamente scartato altre attrici candidate al ruolo di Nina Tobias, assomigliava all’ex moglie del regista romano.

Il personaggio Diomede, interpretato da Bud Spencer, è originariamente presente nel romanzo La statua che urla di Fredric Brown, da cui è stato tratto il primo film di Argento, L’uccello dalle piume di cristallo.

La magistrale sequenza finale del film, girata a 18.000 fps fu un’idea suggerita ad Argento dall’organizzatore generale Angelo Jacono.

4 mosche di velluto grigio è l’unico film di Argento a non essere stato trasmesso per lungo tempo (dal 1992 al 2008) dalle emittenti televisive italiane e a non essere uscito nel mercato italiano home video prima del 2009, né in VHS e né in DVD a causa di problemi legati ai diritti d’autore. Benché fossero state annunciate ipotetiche uscite video nel 1999, nella seconda metà del 2000 e nel 2003, e si fossero dimostrati interessati sia la Filmauro di Aurelio De Laurentiis che la Dragon Entertainment, la prima uscita in DVD risale al febbraio 2009.

Grazie a Surf Film, CG Entertainment ha avuto accesso al telecinema in 2K e ha potuto così finalmente pubblicare il film in questa nuova versione: 4 mosche di velluto grigio è disponibile dal 22 novembre 2016 nei migliori negozi e su www.cgentertainment.it in versione dvd, in alta definizione Blu-ray Disc e in esclusiva su Amazon.it in un prestigioso Box da collezione in edizione limitata contenente un Dvd, un Blu-ray disc, il libro “Le chiavi dell’incubo”, 120 pagine con immagini e testi a cura di Nocturno Cinema, 3 card formato 12X18. L’Edizione Limitata è disponibile anche nella versione contenente una card autografata dal Maestro Dario Argento.

Trova il film su CG Entertainment

GUARDA IL TRAILER >>

Utlima modifica: 30 Novembre, 2016



Condividi