fbpx
Connect with us

Serie Tv News

Brian Storming: la serie più pazza del web!

Irriverente, umoristica e politically (in)correct, Brian Storming offre numerosi spunti di riflessione e critica della società odierna con la freschezza e la leggerezza che si intendono marchio di fabbrica della Oliwood Production

Publicato

il

“Il solito!”. Questa la frase che il barista Mario Rossi sente continuamente lavorando nel bar Ettore, soprattutto durante l’ora dell’aperitivo.

“Vuoi partire per Hollywood?”. Così dice lo slogan dello spot televisivo che Mario e i suoi clienti abituali avvertono appena. Questo finché… non trovano una patatina verde!

Che accadrebbe se la monotonia di un piccolo bar venisse completamente stravolta da un concorso tanto folle da poter cambiare la vita di un gruppo di quasi-sconosciuti?

Il microcosmo di Brian Storming è composto da caratteri estremamente diversi tra loro.

Mario Rossi (Paolo Novelli), è il ritratto del tipico medio man italiano; barista frustrato, ha annegato i suoi sogni negli aperitivi serviti al bar di famiglia. Giancarlo Maria Allegri (Edoardo Lazzari), è invece un ragazzo dal passato misterioso e con una visione catastrofica dell’avvenire, a cui pesa persino di respirare in una vita nera e senza senso. DJ Giei (Elia Felicioni), di cui nessuno conosce il vero nome, è un uomo eccentrico e anticonvenzionale, tanto da aver coniato uno slang tutto suo e che si sente pienamente appagato dal suo stile di vita tutto dedito alla musica. Cristina Bonazzoli (Diletta Vedovelli), meglio nota come Crick, è una giovane donna frivola e civettuola, la cui unica preoccupazione è quella di essere notata dagli occhi spenti di Giancarlo. Lorenzo Lodi (Luca Bacoccoli), detto LOL, potrebbe essere definito “un genio nel corpo di un supereroe”; disgustato dal mondo reale e dalla sua ipocrisia si è rifugiato in quello virtuale rimanendone, però, prigioniero. Baolo Molinetti (Marco Paparelli), chiamato da tutti il Duca, possiede ingenti capitali e non manca mai di ricordarlo al suo prossimo; si atteggia a grande uomo e conoscitore del mondo, venendo costantemente colto in fallo.

E infine c’è Brian… cioè, dovrebbe esserci Brian… no, scusate, ma dov’è Brian?!

Queste sono le figure che si presentano al bar Ettore durante l’aperitivo, proprio come ogni giorno. La possibilità offerta dalla “patatina verde”, ovvero quella di produrre una sceneggiatura che sbarchi ad Hollywood, darà vita al brain storming più assurdo e paradossale che si sia mai visto, dove i mondi spesso diametralmente opposti dei protagonisti finiranno per collidere e a volte amalgamarsi. Così, tra idee e nevrosi personali, ognuno dei personaggi proporrà una sceneggiatura stravagante e divertente, in cui tutti i caratteri degli altri verranno risucchiati.

Prendendo spunto da ciò che ci circonda, la serie si mostra ricca di riferimenti e citazioni cinematografici, attingendo tuttavia anche ad altri mondi grazie alla varietà dei personaggi rappresentati. Irriverente, umoristica e politically (in)correct, Brian Storming offre numerosi spunti di riflessione e critica della società odierna con la freschezza e la leggerezza che si intendono marchio di fabbrica della Oliwood Production. Nata di recente, infatti, l’associazione si propone di promuovere la creatività e l’arte, di raccontare storie originali, di diffondere la cultura dell’audiovisivo e di formare nuovi talenti.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Commenta