La Fondazione Libero Bizzarri apre il bando “Fondo per sviluppo”

17 premio libero bizzarri

La Fondazione Libero Bizzarri per la ricerca sulla comunicazione e sulle arti cinematografiche, in occasione del 17° Premio Libero Bizzarri, che si svolgerà a San Benedetto del Tronto dal 23 al 26 settembre 2010, propone il bando denominato “Fondo per lo Sviluppo”.

La Fondazione, nel riconoscere la progettazione come una fase fondamentale per la realizzazione di una opera cinematografica, fase particolarmente critica soprattutto per le produzioni indipendenti, ha individuato nel Fondo per lo Sviluppo di documentari uno strumento in grado di sostenere l’elaborazione di un progetto e la conseguente realizzazione del film documentario.
Possono partecipare autori, produttori e registi di film documentari. Se il progetto presentato è un’opera di un solo autore, quest’ultimo deve essere di nazionalità italiana o risiedere in Italia. Se il progetto presentato è un’opera di collaborazione, almeno la metà dei coautori deve essere di nazionalità italiana o avere la residenza in Italia.
Una Giuria composta da professionisti dell’audiovisivo, designati dalla Fondazione Libero Bizzarri, valuterà i progetti pervenuti giudicandoli secondo i seguenti criteri di valutazione:

• valenza artistica
• copertura produttiva
• consistenza finanziaria
• stadi di realizzazione

Le decisioni della Giuria sono inappellabili. La giuria ha totale sovranità di giudizio e, in particolare, può decidere di non attribuire il contributo.
L’autore del progetto giudicato vincitore, dovrà firmare una convenzione con la Fondazione Libero Bizzarri, impegnandosi alla realizzazione del documentario entro il 31 dicembre 2011.
I progetti dovranno essere inviati entro il 31 maggio 2010 (fa fede il timbro postale di partenza).
Al progetto vincitore verrà assegnato un contributo di Euro 5.000 (cinquemila), che sarà erogato in due momenti (Euro 1.000 alla firma della convenzione; Euro 4.000 entro il 31 dicembre 2011).

Per maggiori informazioni:
Fondazione Libero Bizzarri



Condividi