fbpx
Connect with us

Stasera in Tv

Stasera alle 21,05 su TV 2000 Il tetto di Vittorio De Sica

Il tetto è un film del 1955 diretto da Vittorio De Sica, presentato in concorso al 9º Festival di Cannes. Una giovane coppia di sposi, che ha un disperato bisogno di una casa, mobilita amici e parenti per costruire una baracca in un terreno comunale. Hanno scoperto che, per legge, se riusciranno in una notte ad arrivare al tetto non potranno più essere scacciati. Alla mattina i lavori non sono ancora ultimati, ma le guardie, di buon cuore, fingono di non accorgersene.

Publicato

il

Il tetto è un film del 1955 diretto da Vittorio De Sica, presentato in concorso al 9º Festival di Cannes.

Luisa e Natale si sposano. Lui, muratore, fa parte di una numerosa famiglia veneta trasferita a Roma; lei viene da un paese di pescatori e fino al matrimonio ha lavorato nella capitale come donna di servizio. L’armonia degli sposi è subito turbata da problemi economici: il padre di Luisa, offeso perché la figlia non ha chiesto il suo consenso alle nozze, rifiuta di aiutarli, e i due giovani sono costretti a vivere nella casa di lui, il che comporta mancanza di intimità e rapporti tesi con Cesare, il marito della sorella di Natale, uomo onesto e lavoratore (è muratore come il cognato) ma dal pessimo carattere. Dopo aver lasciato la casa paterna e cercato inutilmente un altro alloggio per sé e la moglie, Natale decide di fabbricare abusivamente una baracca ai margini di una borgata. La legge prevede che un edificio abitato, anche se costruito senza alcun permesso, non possa essere distrutto se è provvisto di tetto: del resto nella stessa zona la costruzione di baracche abusive è la prassi per molti poveracci, e l’unico problema è che la costruzione dev’essere completata in una sola notte, per evitare i controlli di polizia molto frequenti durante il giorno. Natale, d’accordo con i suoi colleghi muratori, si procura il materiale e inizia i lavori. A notte alta però la baracca è ancora lontana dall’essere terminata. L’intervento decisivo di Cesare, chiamato in extremis, permette di portare l’opera a compimento: o meglio, non del tutto, perché all’alba il tetto non è ancora terminato. All’arrivo della polizia, Luisa si fa trovare a letto con un bambino, offerto da una vicina impietosita, per cercare di scongiurare lo sgombero; il poliziotto, benché si renda conto che il tetto non è completato, decide di chiudere un occhio, e la coppia può affrontare il futuro contando se non altro su questo modesto alloggio.

Il film venne girato lungo le sponde dell’Aniene, nel borghetto dove oggi si eleva il Ponte delle Valli.

Gianni Rondolino nel Catalogo Bolaffi del cinema italiano 1956/1966 « Con questo film De Sica è tornato ai temi e allo stile dei suoi primi film neorealisti, cercando di ricreare attraverso il racconto di una storia semplicissima, condotto con mezzi espressivi elementari, la calda atmosfera di comprensione umana per i fatti narrati non disgiunta da un vigile spirito critico. La trama è esile: la cameriera Luisa e il muratore Natale si amano e vorrebbero sposarsi ma non avendo una casa sono costretti a vivere in famiglia, allora decidono di costruirsi abusivamente una casa da soli. Ad una visione superficiale, il film pare possedere quel vigore espressivo che erano la caratteristica dei primi film di De Sica e Zavattini. Ma a uno sguardo più attento e nella prospettiva storica odierna risaltano evidenti gli artifici di un soggetto e di una narrazione che del primo neorealismo mantengono spesso gli elementi esteriori più facili e superficiali..».

Nel 1959 il National Board of Review of Motion Pictures l’ha inserito nella lista dei migliori film stranieri dell’anno.

: Cosa vedere su Netflix, Prime e al Cinema Lasciaci la tua email e goditi i film e le serie piú belli del momento!

  • Anno: 1956
  • Durata: 101'
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Itlalia
  • Regia: Vittorio De Sica