Connect with us

NEWS

Acqua di Marzo: al via le riprese del nuovo film di Ciro De Caro

Al via le riprese del nuovo film di Ciro De Caro, dopo il successo di Spaghetti Story il giovane regista si rimette al lavoro per la sua opera seconda Acqua di Marzo, che sta girando interamente a Roma

Publicato

il

Al via le riprese del nuovo film di Ciro De Caro, dopo il successo di Spaghetti Story il giovane regista si rimette al lavoro per la sua opera seconda Acqua di Marzo, che sta girando interamente a Roma. Le riprese sono iniziate lunedì 21 settembre e dureranno all’incirca 4 settimane.
Il film è prodotto da ALBA FILM 3000 di Bruno Altissimi e distribuito dalla Mediterranea Productions di Angelo Bassi.


Acqua Di Marzo
si può definire una commedia sentimentale, in cui si affrontano vari temi e vari aspetti psicologici dei “GIOVANI ADULTI”, delle coppie ai nostri giorni, dei figli che non riescono a smettere di essere figli anche se in apparenza sembrano maturi e indipendenti, dei genitori che non riescono a smettere di essere “GENITORI”. Ma soprattutto, pur raccontando il presente, racconta il passato, racconta l’adolescenza, anche se non si vede, racconta come tante persone taglino i ponti con le proprie radici, per fuggire, apparentemente dalla provincia, in realtà da qualcosa che non riescono ad affrontare, da un mostro interiore, da un rimpianto, da un’adolescenza problematica che non è mai stata superata e che bisogna affrontare, prima o poi, per crescere veramente.
CAST:
Roberto Caccioppoli, Claudia Vismara, Rossella D’Andrea, Sara Tosti, Gianni D’Andrea, Anita Zagaria
con la partecipazione di Nicola Dipinto e l’amichevole partecipazione di Vanessa Gravina
SOGGETTO:
Ciro De Caro – Rossella D’Andrea – Enrico Settimi
SCENEGGIATURA :
Ciro De Caro – Rossella D’Andrea – Enrico Settimi
PRODUZIONE:
Alba Film 3000 S.R.L.
REGIA: Ciro De Caro
DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA: Simone Zampagni
SCENOGRAFIE: Sandro Scarmiglia
COSTUMI: Noemi Bengala
MONTATORE: Alessandro Cerquetti
DISTRIBUZIONE IN ITALIA:
Mediterranea Productions di Angelo Bassi