Stasera alle 23,15 su La7 4 mosche di velluto grigio di Dario Argento

  • Anno: 1971
  • Durata: 105'
  • Genere: Giallo
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Dario Argento

4 mosche di velluto grigio è un film del 1971 diretto da Dario Argento. Girato dal 20 luglio al 22 settembre 1971 a Torino, Milano, Spoleto, Tivoli e Roma, è il terzo capitolo della cosiddetta Trilogia degli animali di Argento. All’epoca incassò 2 miliardi e 300 milioni di Lire.

Il film, nel descrivere il menage fra Roberto e Nina, contiene alcuni riferimenti autobiografici. Lo stesso Michael Brandon fu scelto dal regista perché gli somigliava vagamente, come pure Mimsy Farmer, scelta per il ruolo della moglie del protagonista dopo aver repentinamente scartato altre attrici candidate al ruolo di Nina Tobias, assomigliava all’ex moglie del regista romano.

Il personaggio Diomede, interpretato da Bud Spencer, è originariamente presente nel romanzo La statua che urla di Fredric Brown, da cui è stato tratto il primo film di Argento, L’uccello dalle piume di cristallo.

La magistrale sequenza finale del film, girata a 18.000 fps fu un’idea suggerita ad Argento dall’organizzatore generale Angelo Jacono.

4 mosche di velluto grigio è l’unico film di Argento a non essere stato trasmesso per lungo tempo (dal 1992 al 2008) dalle emittenti televisive italiane e a non essere uscito nel mercato italiano home video prima del 2009, né in VHS e né in DVD a causa di problemi legati ai diritti d’autore. Benché fossero state annunciate ipotetiche uscite video nel 1999, nella seconda metà del 2000 e nel 2003, e si fossero dimostrati interessati sia la Filmauro di Aurelio De Laurentiis che la Dragon Entertainment, la prima uscita in DVD risale al febbraio 2009.

I diritti del film per l’Italia erano detenuti dalla Cine International Corporation, succursale europea della americana Paramount Pictures. Il contratto di distribuzione stipulato nel 1971 è scaduto il 31 dicembre 1991 senza che qualcuno avesse nel frattempo provveduto a trovare un nuovo distributore. Dal 1º gennaio 1992 il film è tornato dunque di proprietà della Seda Spettacoli: dal momento però che la società italiana era fallita nel 1983, i diritti sono stati automaticamente trasmessi a Dario e Claudio Argento, che a tutt’oggi li detengono per tutto il mondo, tranne che negli Stati Uniti d’America. Negli USA, infatti, la pendenza dei diritti rientra ancora nelle disponibilità della americana Paramount Pictures.

Del film esiste una versione stampata e distribuita in super 8, alla fine degli anni settanta. La qualità è tuttavia mediocre. Altri film di Argento con le stesse caratteristiche, prodotti privi di autorizzazione, furono nella stessa epoca: L’uccello dalle piume di cristallo, Profondo rosso e Suspiria.

Utlima modifica: 3 Luglio, 2015



Condividi