Festival Internazionale del Film di Roma: Marc’Aurelio alla Carriera a Walter Salles

Walter Salles

Walter Salles

Il Festival Internazionale del Film di Roma assegnerà il Marc’Aurelio alla Carriera al grande cineasta brasiliano Walter Salles, Orso d’Oro e Golden Globe per Central do Brasil, regista di uno dei film più amati degli ultimi anni, I diari della motocicletta, premiato a Cannes e Oscar® alla miglior canzone. Walter Salles presenterà al Festival in prima mondiale il suo nuovo lavoro, Jia Zhangke, Un Gars de Fenyang: Salles considera Jia Zhangke “il più importante filmmaker contemporaneo”I due saranno sul palco dell’Auditorium Parco della Musica per un dialogo pubblico moderato da Marie-Pierre Duhamel e Marco Müller.

“Jia Zhangke ci ricorda che il cinema è ancora il luogo che può aiutarci a comprendere meglio il mondo che ci circonda – ha detto Walter Salles – Per un numero crescente di cinefili, è diventato il cineasta più importante della sua generazione. Attraverso i suoi film, il cinema può essere ancora il territorio per eccellenza delle scoperte e delle rivelazioni. Per Jia Zhangke il cinema è un modo di registrare una memoria in mutazione, di conservare traccia di ciò che non sarà più. I suoi film ritraggono gente ordinaria, quelli che lui definisce “i non detentori del potere”. Nell’ultima scena di Sanxia haoren / Still Life, un uomo cammina su una corda tra due edifici in demolizione. L’uomo in equilibrio instabile, in continua relazione con qualcosa di più grande di lui, è forse il punto comune dei personaggi dei film di Jia Zhangke. È in momenti come questo che ci rendiamo conto che i suoi film sono fatti di una materia che trascende una specifica geografia fisica o umana. I suoi personaggi provengono dalla regione dello Shanxi, ma le problematiche esistenziali dei suoi film non hanno frontiere e riguardano tutti noi”.

Il Direttore Marco Müller ha così commentato l’attribuzione del Premio alla Carriera 2014 a Walter Salles: “La personalità più completa e complessa del movimento del cinema glocale è senza dubbio quella del brasiliano Walter Salles. Per (ri)scoprire un’identità, esplorare le inquietudini profonde di un paese enorme e contraddittorio, ha sperimentato modi diversi di risensibilizzazione dello sguardo: così che, partendo dalle radici, potesse infine aprirsi verso l’esterno. Film dopo film, ha saputo inventare sempre rinnovate parabole allegoriche a geografia flessibile, costruite sul movimento, la circolazione – in Brasile (A grande arteCentral do BrasilAbril despedaçado) e in tutto il continente sudamericano (Diarios de motocicleta); in Europa (Terra estrangeira) e negli USA (On the Road). Mostrare una porzione del pianeta è, nel cinema di Salles, innanzi tutto un atto morale. Proprio per questo, la sua idea di cinema transnazionale (mai globalizzato) è stata l’unica in grado di scavalcare nostalgia e feticismo, riuscendo a riunire  il “padre” (il cinema novo) tanto con la “nazione perduta” che con il mondo.

A Salles non bastava definire un linguaggio nuovo e le modalità produttive che gli corrispondessero. Alle molteplici allusioni culturali e alla sperimentazione industriale di A grande arte (lussuosa opera prima), ha dunque fatto seguire Terra estrangeira e O primeiro dia, importanti piccoli film “resistenti” codiretti con la scenografa Daniela Thomas. Sono due opere percorse da spinte libertarie, non-riconciliate (e non riconciliabili con il neon-realismo allora corrente), che hanno saputo trascrivere le trasformazioni in corso nello spazio politico brasiliano – appartengono rispettivamente al periodo della retomada (la “ripresa” del cinema brasiliano negli anni post-Collor) e a quello immediatamente successivo; spezzando le convenzioni del neo-noir (filone cui dovrebbero appartenere), abbandonando ogni più consueto schema di conflitto e risoluzione, ci mostrano un mondo dove la violenza è sempre in agguato e solo la solidarietà di classe può garantire una fragile protezione.

Anche quando il punto di partenza è un materiale naturale di particolare evidenza (nei suoi film le locations diventano spesso personaggi a parte intera), Salles si lascia conquistare dal materiale umano che dirige (in Diarios, il passaggio dal maestoso paesaggio andino alla coppia india, e quello dal Rio delle Amazzoni al lebbrosario, conducono alla scoperta dell’altra faccia di un universo di storie). Forma e tecnica sono al servizio del racconto: il progetto formale, tuttavia, si piega a seguire tanto le strategie narrative che gli incontri, le occasioni sorte al momento delle riprese, così che l’emozione finisce sempre per prevalere sul discorso. Persino quando affronta favela e sertão, vale a dire i luoghi deputati per  disvelare l’altra faccia della modernità positivista in Brasile, ne precisa subito il fondo materico e polveroso e si concentra nell’individuare le linee del dolore-amore che lo attraversano.

L’universo visivo del cinema di Salles risponde a impulsi divaricati. Da un lato, il tuffo nel realismo e nel cinema testimoniale – il regista lo chiama “revisione del neorealismo attraverso il cinema novo”: in realtà è una reinvenzione-ridefinizione continua, come dimostra Linha de passe (terzo film firmato insieme a Daniela Thomas). Dall’altro, la ricerca dell’astrazione, la sperimentazione attraverso immagini concettuali – sbarre steccati e confini in Abril despedaçado (omaggio aLimite, diretto nel 1930 da Mario Peixoto – “uno dei film più brasiliani e più straordinari” lo ha definito Salles, che ha molto contribuito a salvarlo e restaurarlo); oppure, da Terra estrangeira in poi, quelle della scoperta del mar, l’arrivo sulla riva dell’oceano come metafora della vittoria dell’individuo sulla società (vittoria effimera, ora che l’utopia rivoluzionaria di Glauber Rocha sembra impossibile).

Walter Salles si considera un documentarista che realizza lungometraggi di fiction. E che ha ribadito: “pensare il cinema è altrettanto importante che farlo”. Ogni nuovo film viene dunque vivificato dai risultati provvisori di una riflessione mai sopita. Non è difficile constatare, da un’opera all’altra, una progressione logica e poetica; e in parallelo ad essa, l’incessante frequentazione di una grande varietà di referenti testuali e linguaggi artistici (Salles è ben consapevole dei materiali che sceglie e della loro composizione, come dell’immaginario che deve affrontare e manipolare). Non stupirà dunque, in un cineasta che ha dimostrato di aver studiato la lezione dei nuovi realismi (si muove a suo agio tanto nell’universo di Rossellini che in quello di Wenders), l’attenzione sempre più accentuata rivolta al metodo e alla pratica di due contemporanei, Abbas Kiarostami e Jia Zhangke. È la filosofia che il regista brasiliano ha voluto precisare nel nuovissimo Jia Zhangke, un gars de Fenyang, il primo lungometraggio a segnare il suo potente ritorno al cinema documentario”.

BIOGRAFIA WALTER SALLES

Walter Salles, regista, sceneggiatore e produttore, è nato il 12 aprile del 1956. Dopo A grande arte e due magnifici film codiretti con Daniela Thomas, il successo internazionale arriva nel 1998 grazie a Central do Brasil, vincitore dell’Orso d’Oro a Berlino e candidato agli Oscar®. Seguono Disperato aprile (2001) e I diari della motocicletta (2004). Nel 2005 esordisce a Hollywood con l’horror Dark Water. Nel 2008, firma Linha de passe premiato a Cannes per la migliore attrice. Nel 2012 porta sullo schermo On the Road, adattamento del libro di Jack Kerouac ritenuto “infilmabile”. In qualità di produttore esecutivo sta lavorando attualmente a La patota di Santiago Mitre e Celestina di José Rivera, interpretato da Bill Pullman.

 Filmografia

1991 A grande arte (High Art, Arte mortale) | 1996 Terra estrangeira (Foreign Land) | 1998 Central do Brasil (Central Station) | 1998 O primeiro dia (Midnight)2001 Abril despedaçado (Behind the Sun, Disperato aprile) | 2004 Diarios de motocicleta (The Motorcycle DiariesI diari della motocicletta) | 2005 Dark Water | 2008 Linha de Passe | 2012 On the Road

SINOSSI

JIA ZHANGKE, UN GARS DE FENYANG / A GUY FROM FENYANG: JIA ZHANGKE

di Walter Salles, Brasile, Francia, 2014, 100’

Salles conduce Jia su tutti i luoghi dove il regista cinese ha girato i suoi film. Si immerge nella genesi dei suoi progetti, incontra i principali attori e collaboratori, gli amici e i “non-attori” che sono al centro dei suoi lungometraggi. È un ritratto affettuoso, quello della memoria di Jia Zhangke, che origina uno sguardo singolare sul ruolo del cinema. La versione presentata a Roma è il work in progress del film.



Condividi