Connect with us

FAHRENHEIT 451

Roma si gira! 2

“Roma si gira!” è un atto d’amore nei confronti di una città stupenda dove il cinema si respirava in ogni angolo

Publicato

il

Roma si gira! 2

Mauro Davino , Lorenzo Rumori

192 pagine

Gremese editore

 

Gremese editore ormai è lanciata su questa serie di interessantissimi tomi alla ricerca delle location che hanno fatto la storia del cinema italiano. Un lavoro certosino che Davino e Rumori hanno portato avanti con una passione a dir poco maniacale, con tanto di foto e illustrazioni dettagliate. Il secondo volume dedicato a Roma è quanto di più cult si possa desiderare, visto che prende il periodo relativo agli anni ’70 e ’80. Non potevano che essere di Dario Argento e Carlo Verdone la prefazione e l’introduzione, e con due punti di vista molto diversi, ma ugualmente appassionati, si riflette sulla bellezza della città eterna. Sembra perfetta la presenza di questo libro in linea con l’uscita de La Grande Bellezza di Sorrentino.

roma-si-gira2-190Roma si gira! è anche un atto d’amore nei confronti di una città stupenda dove il cinema si respirava in ogni angolo e forse, avvicinandosi a quelle zone, ancora qualcosa di magico si può provare. Sfido qualsiasi turista (e non) ad avvicinarsi alle architetture incredibili del quartiere Coppedè, fonte di ispirazione per le migliori opere di Argento, e rimanerne indifferenti. La selezione è enorme, da Un Sacco Bello a Indagine di un cittadino al di sopra di ogni sospetto, da Febbre da Cavallo a Un Borghese piccolo piccolo. Tomas Milian e Pippo Franco, Sordi e Verdone, Franchi e Ingrassia, il Giallo all’italiana, il poliziottesco nelle loro location sono eviscerati in maniera veramente dettagliata. Per qualsiasi appassionato di cinema italiano è un must, tanto che viene quasi da consigliare alla Gremese di pubblicare una versione tascabile in inglese per i turisti. Non sia mai che, oltre a vedersi la solita Fontana di Trevi, a qualche tedesco non venga in mente di scoprire dove passava il tram che Fantozzi faceva fatica a prendere.

Gianluigi Perrone

Commenta