Il Bifest: all’insegna di Fellini, Sordi e Celentano.

Dal 16 al 23 Marzo torna il Bifest, il “Bari International Film Festival”.  La sua quarta edizione, la quinta considerando anche quella pilota del 2009, si presenta nel segno di Federico Fellini, ovunque campeggia il bozzetto del Maestro a opera di Ettore Scola, presidente della manifestazione. Previsti degli omaggi speciali anche ad Alberto Sordi, Mariangela Melato ed Emidio Greco.

Ben 400 gli eventi in programma negli 8 giorni del festival, suddivisi in numeri tali da non ammettere repliche. Sono 137 i lungometraggi in visione, comprese 17 anteprime nazionali e 7 anteprime mondiali. 144 i documentari e i materiali audiovisivi, di cui 47 solo su Fellini e 16 su Alberto Sordi. 24 i cortometraggi tra quelli in concorso e fuori concorso. Si aggiungono poi le lezioni di cinema, gli incontri seminariali, i laboratori, gli spettacoli teatrali, i convegni e molto altro ancora.

“Un programma matrioska di grandissima qualità”, come precisa Felice Laudadio, direttore e ideatore della manifestazione, nel corso della conferenza stampa barese ospitata dall’Hotel Boscolo. Accanto a lui Francesca Fellini, nipote del grande Federico, Michele Emiliano, il sindaco della città, e i rappresentanti delle istituzioni artefici dell’evento. Per la regione Puglia, promotrice e finanziatrice con fondi europei di sviluppo regionale, Silvia Godelli Assessore al Mediterraneo Cultura e Turismo; per l’Apulia film commission, organizzatrice del tutto, la presidente Antonella Gaeta e il direttore Silvio Maselli.

Un budget di circa un milione e trecentomila euro per realizzare un momento di rara vertigine culturale che nella scorsa edizione ha superato le 55.000 presenze. Record che quest’anno rischia seriamente d’essere infranto.

Basti pensare alla mattinata del 20 Marzo quando sul palco del teatro Petruzzelli Vincenzo Mollica scambierà qualche impressione con Adriano Celentano. Il molleggiato sarà a Bari per ricevere il “Federico Fellini Platinum Award for Artistic Excellence”, tributatogli in considerazione del suo “multiforme talento artistico”. Ma non sarà l’unico a ricevere un premio alla carriera. Il prestigioso palco dello storico politeama barese vedrà avvicendarsi Stephen Frears, Lina Wertmuller, Bertrand Tavernier, Giancarlo Giannini e la coppia da Oscar Dante Ferretti – Francesca Lo Schiavo.

Il film d’apertura del festival, nella serata del 16 Marzo, sarà “Benvenuto Presidente!”. Con la regia di Riccardo Milani e la partecipazione, tra gli altri, di Claudio Bisio, Kasia Smutniak, Bebbe Fiorello e Remo Girone.

Tra le anteprime internazionali di scena al Petruzzelli una citazione per  “Stand up guy” di Fischer Stevens con Al Pacino, Christopher Walken e Julianna Margulies; “A late Quartet” di Yaron Zilberman con Philip Seymour Hoffman, Chatherine Keener e di nuovo Christopher Walken; “El artista y la modelo” di Fernando Trueba con Jean Rochefort, Aida Folch e Claudia Cardinale.

Tra i titoli in concorso nella sezione “Panorama internazionale” grandi nomi e promettenti sorprese. Da Mika Kaurismaki con “Road North” a Margarethe von Trotta con “Hannah Arendt” , da Adel Yaraghi, che si avvale della sceneggiatura di Abbas Kiarostami, con “Meeting Leila”, a Srdan Golubovic con “Krugovi”. Altrettanto interessante è la sezione italiana in concorso per i lungometraggi, “ItaliaFilmFest”, con la presenza di pellicole di autori del calibro di Tornatore, Bellocchio, Giordana, Garrone, Comencini, Castellitto, solo per citarne alcuni.

Detto che il Festival comprende anche un’inedita sezione competitiva per opere prime e opere seconde, dove tra gli altri sono presenti gli esordi alla regia di Alessandro Gassman, Laura Morante e Luigi Lo Cascio, due righe vanno spese sull’importante collaborazione con le Teche Rai e l’Istituto Luce. Questa liaison permetterà, a distanza di 30 anni, la nuova proiezione della “Storia di un italiano” diretta da Alberto Sordi. Un omaggio a 10 anni dalla scomparsa dell’attore romano.

Per contro l’ultima giornata del Bifest avrà il suo cardine ne “l’Armacord Fellini”. Curata dalla sua assistente personale, Fiammetta Profili, vedrà la partecipazione di amici e collaboratori del Maestro. Già confermate le presenze di Leonetta Bentivoglio,Maurizio Millenotti, Gianfranco Plenizio, Gérald Morin e Sergio Rubini.

Infine una chiosa sul 2014. Il Festival sarà dedicato a un altro “mai dimenticato” del nostro cinema: Gian Maria Volonté.

Frédéric Pascali

Utlima modifica: 7 Marzo, 2013



Condividi