Connect with us

EVENTI

“Qualche nuvola”: domenica 23 settembre al Teatro Valle Occupato, nuovo appuntamento di Cinema Altro

l Teatro Valle Occupato tornano gli appuntamenti di “Cinema Altro”, che riconfermano anche la veste di “sala cinematografica” in cui hanno trovato spazio film fuori dalle logiche della distribuzione mainstream. Martedì 23 settembre alle ore 21:00 verrà proiettato il film “Qualche nuvola” di Saverio Di Biagio, seguito da un incontro con il regista e i protagonisti.

Publicato

il

Mentre a Roma continuano a chiudere le sale cinematografiche nel centro della città, aprendo delle ferite in termini di offerta culturale, il Teatro Valle prosegue il percorso dello scorso anno. Dopo la grande partecipazione della stagione passata, tornano gli appuntamenti di “Cinema Altro”, che  riconfermano anche la veste di “sala cinematografica” in cui hanno trovato spazio film fuori dalle logiche della produzione e della distribuzione mainstream.

Teatro Valle Occupato

presenta

“QUALCHE NUVOLA”

di Saverio Di Biagio

Con Michele Alhaique, Greta Scarano, Aylin Prandi, Pietro Sermonti, Primo Reggiani, Michele Riondino, Giorgio Colangeli, Paolo De Vita e con la partecipazione di Elio Germano

Una produzione associata Minollo Film,  Bartleby Film, Relief, DAP ITALY

In collaborazione con RAI CINEMA Con il sostegno di Roma e Lazio Film Commission

Una distribuzione FANDANGO

Domenica 23 settembre ore 21.00

INGRESSO CON SOTTOSCRIZIONE CONSIGLIATA 5 EURO

A seguire incontro con il regista, Michele Riondino, Aylin Prandi, Elio Germano e parte del cast artistico e tecnico

Roma fa pensare ai palazzi antichi, alle strade imperiali, ai vecchi quartieri pieni d’incanto. Dire che Diego vive a Roma può essere sviante. Dove vive lui, i turisti non ci passano nemmeno per sbaglio. Diego è nato in uno di quei quartieri popolari ai margini della città, dove puoi scegliere, ma solo tra due strade. La prima è quella del lavoro duro e del sapersi accontentare. La seconda è quella dei piccoli furti, dello spaccio e poi chissà. Diego ha scelto i mattoni, il cantiere, ha scelto di sudare, niente sorprese. Ha scelto Cinzia, perché sono cresciuti insieme, nello stesso condominio, sullo stesso pianerottolo. Per Cinzia la strada da scegliere è una sola, chiara e sicura da quando è bambina: fare figli, sposarsi, accudire la casa. Questo passo, che potrebbe sembrare un fatto privato, non lo è in borgata dove si condivide tutto, anche la vita degli altri. Così una schiera di parenti, amici e vicini di casa si accinge a dare una mano, a commentare, a consigliare e sconsigliare. Tutti insieme per il matrimonio che si deve fare.. Ma un fuoriprogramma prima o poi deve arrivare.

Presentato alla 68esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nella sezione Controcampo Italiano è il secondo appuntamento della rinnovata stagione di “Cinema Altro” al Teatro Valle Occupato.