fbpx
Connect with us

Bolzano Film Festival

‘Laissez-moi’: una affascinante Jeanne Balibar è la misteriosa donna della diga

Il bel melodramma incentrato su una enigmatica figura di donna, madre e amante, a cui la splendida ed algida Jeanne Balibar riesce a dar vita illuminando lo schermo con stile e soavità preziosi.

Pubblicato

il

Laissez-moi

Proiettato al Bolzano Film Festival Bozen 2024, il bel film Laissez-moi, opera prima di Mazime Rappaz con protagonista la splendida Jeanne Balibar, nei panni di una sorta di “donna del tenente francese” che si reca una volta a settimana presso un hotel situato nei pressi di una diga svizzera per incontrare uomini in cerca di avventure.

Verrebbe da pensare alla storia di una prostituta, ma invece quella di Claudine è una vicenda di riscatto e insieme di rivolta contro una vita di scelte obbligate ed auto-imposte per questione di sentimenti e di ruoli.

I martedì trascorsi sulla funicolare che porta in cima alla diga

La vicenda è ambientata nell’estate 1997, funestata, e qui non a caso, dalla scomparsa della principessa d’ Inghilterra Diana a seguito del tragico incidente d’auto.

In quello stesso periodo una bella donna sui cinquant’anni frequenta, ogni martedì della settimana, un albergo di montagna presso una monumentale diga idroelettrica e ogni volta si fa indicare da un fidato cameriere i clienti con un profilo particolare: uomini soli il cui soggiorno abbia una breve scadenza.

Dopo una cordiale conversazione che di solito verte sulla città di origine degli uomini incontrati, la donna propone loro, con una certa determinazione e quasi senza pudore, di salire in camera, per consumare un rapporto sessuale di reciproca soddisfazione, con lo scopo finale di non rivedersi mai più.

Jeanne Balibar, Thomas Sarbacher

Le città di ognuno di questi uomini, come da loro stessi descritte, divengono utile spunto per le false lettere di un ipotetico padre verso un figlio in attesa di incontrarlo.

Sono le lettere che Claudine scrive sotto mentite spoglie per il figlio disabile mentale e fisico, e attraverso cui la donna fa credere al ragazzo di mantenere un contatto con un papà giramondo, che in realtà da molto tempo li ha abbandonati.

Non meno fondamentale è il rituale che la donna consuma portando al figlio ritagli di giornale che raffigurano la bella principessa inglese, ricavati dai rotocalchi che trova nel bar dell’albergo, in attesa di incontrare le sue prede maschili.

Laissez-moi – la recensione

Se ad inizio della vicenda possiamo interpretare la figura enigmatica di Claudine in maniera semplicistica come una ninfomane, se non proprio una prostituta, il film ci permette gradualmente di entrare nelle complessità di un’esistenza faticosa e complessa che caratterizza la quotidianità della protagonista.

Una bella signora single con un lavoro di precisione come quello di apprezzata sarta a domicilio, ma anche madre dedita con tutta se stessa alle impegnative cure nei confronti dell’amato figlio non autosufficiente, per cui ritaglia dai giornali fotografie della principessa Diana, di cui il giovane è un fan adorante.

Il melodramma di Maxime Rappaz, per certi versi un po’ retrò, per altri bizzarro e sfacciato con le nudità ben rappresentate senza falsi pudori, si fa apprezzare come efficace ritratto femminile, sensibile e mai giudicante.

La storia di una donna, anzi di una madre di mezza età, che cerca nel sesso occasionale una consolazione alla sua solitudine.

La necessità bruciante di contatto fisico della donna sembra anche potersi aprire ad un rapporto più significativo quando un ingegnere idraulico tedesco dimostra un interesse che va ben oltre il primo incontro dai connotati prettamente fisici ed esteriori.

Molta parte del merito della sostanziale riuscita di quest’opera va certamente della bravura della protagonista Jeanne Balibar, abile nel trovare le giuste sfumature per rendere la sua Claudine una figura reale, o almeno plausibile, pur nella bizzarria di certe situazioni, attraverso cui il pubblico possa entrare empaticamente in connessione.

Credibile e apprezzabile nella intensa metamorfosi fisica e gestuale necessaria per affrontare il complesso ruolo di figlio disabile, è altresì la prestazione del giovane Pierre Antoine Dubey.

 

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

Laissez-moi

  • Anno: 2023
  • Durata: 92
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Svizzera/Francia
  • Regia: Maxime Rappaz