fbpx
Connect with us

BERLINALE

Il Festival di Berlino e EFM non accrediteranno aziende o media con legami con i governi russo o iraniano

Come Cannes e Venezia, Berlino non vieta però ai film di registi indipendenti russi e iraniani di partecipare al festival

Pubblicato

il

Berlinale 2023 Selezione Panorama berlinale guerra ucraina

Delegazioni cinematografiche, aziende e giornalisti che lavorano per i media con legami diretti con i governi russo e iraniano saranno persona non gradita alla prossima Berlinale.

| Berlinale |

La Berlinale, che comprende il Festival di Berlino e l’European Film Market (EFM), ha rilasciato questa dichiarazione a Variety adottando la stessa politica impiegata l’anno scorso dai festival di Cannes e Venezia dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Si aggiunge ora  l’Iran, dove l’ondata di proteste scatenata a settembre dalla morte della 22enne Mahsa Amini per aver presumibilmente indossato un hijab sciolto ha causato l’uccisione di oltre 500 civili da parte delle forze di sicurezza governative.

Come Cannes e Venezia, Berlino non vieta ai film di registi indipendenti russi e iraniani di partecipare al festival.

Ad esempio, “The Siren” del regista iraniano Sepideh Farsi, un film d’animazione ambientato nella capitale petrolifera iraniana, Abadan, nel 1980, quando la città era sotto assedio iracheno, aprirà la sezione Panorama di Berlino.

Tuttavia, le entità cinematografiche del governo iraniano come la Farabi Cinema Foundation, la principale entità cinematografica nazionale iraniana che ha partecipato all’EFM con uno stand per anni, non saranno presenti quest’anno, ha confermato un rappresentante del festival.

Ecco la dichiarazione completa del festival:

La Berlinale condanna fermamente la guerra di aggressione in corso da parte della Russia, che viola il diritto internazionale, ed esprime la sua solidarietà con il popolo ucraino e tutti coloro che stanno conducendo una campagna contro questa guerra”.

Il festival si schiera anche con i coraggiosi manifestanti in Iran mentre si difendono da un regime violento e antidemocratico.

Nell’esprimere questa solidarietà, il festival non escluderà registi, artisti, rappresentanti dell’industria o giornalisti a causa della loro nazionalità russa o iraniana.

Tuttavia, il festival non concederà accreditamenti o consentirà presentazioni per il 73 ° Festival internazionale del cinema di Berlino per coloro che lavorano per istituzioni, aziende o media ufficiali nazionali o controllati dallo stato, o per persone / media che sostengono tali regimi.

Pur essendo consapevoli del fatto che l’esame individuale delle domande di accreditamento potrebbe non sempre portare a conclusioni chiare, rimaniamo impegnati in questa linea d’azione.

La 73esima edizione del Festival di Berlino si svolgerà dal 16 al 26 febbraio, mentre l‘European Film Market si svolgerà dal 16 al 22 febbraio.

fonte Variety

Guerra in Ucraina 5 Film per cercare di comprendere

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.