fbpx
Connect with us

Latest News

RIFF, conferenza stampa della XXI edizione

Il Direttore artistico Fabrizio Ferrari illustra il programma della ventunesima edizione del Rome Independent Film Festival, ricca di proiezioni ed eventi collaterali

Pubblicato

il

Riff 2022

Si è svolta oggi, al Cinema Troisi, la conferenza stampa del RIFF (Rome Indipendent Film Festival), kermesse cinematografica giunta alla ventunesima edizione. Il Direttore del festival, Fabrizio Ferrari, ha illustrato il programma e tutte le novità di questa edizione, che si svolgerà dal 17 al 25 novembre.

Le opere proposte sono ben 85, di cui 12 in anteprima mondiale e 15 in anteprima europea. Le proiezioni si svolgeranno principalmente al Cinema Troisi e al Nuovo Cinema Aquila.

Ferrari ha subito voluto al suo fianco Nadia Zavarova, giornalista e critica ucraina, in veste di giurata, per mettere in rilievo che il RIFF omaggerà con due opere l’Ucraina, come segno di vicinanza verso il paese e il popolo sotto attacco.

Come saggio, è stato proiettato il brevissimo cortometraggio Uprooted (2022) di Andzej Gavris (proiezione pubblica mercoledì 23, alle ore 16:30 al Nuovo Cinema Aquila)

La Zavarova, che spiega come il cortometraggio sia utile per contestualizzare la situazione del popolo sfollato ucraino, invita i presenti alla conferenza di assistere al Riff, perché i film devono essere visti in sala, sul grande schermo.

RIFF, i ringraziamenti per il sostegno

La forza e la continuità del RIFF, che annualmente offre un ottimo programma di statura internazionale, è sicura anche ai contributi esterni. Fabrizio Ferrari ci tiene a ringraziare, prima fra tutti, lo staff della Sala Troisi, composta da giovani e volenterosi ragazzi che per il secondo anno daranno il loro apporto.

Ringrazia poi tutti gli enti che si sono mostrati disponibili, le ambasciate, gli autori (registi, sceneggiatori e produttori) che hanno scelto il RIFF, e i giurati: Federico Annichiarico, Adriana Bruno, Domenico Centamore, Lorenzo Gioielli, Filippo Luna, Ilaria Zazzaro.

RIFF, Masterclass e incontri

Oltre alla ricca programmazione filmica (ben 85 opere), durante lo svolgimento del festival ci saranno anche altri tre eventi fondamentali.

La masterclass con il direttore della fotografia Federico Annichiarico, che si terrà al Nuovo Cinema Aquila sabato 19 novembre, alle 16:00. Titolo: La Luce e il racconto per immagini.

Martedì 22 novembre, in Biblioteca Collina della pace, alle 11:00, ci sarà l’incontro con il regista Christian Carmosino Mereu, mentre giovedì 24, alla Biblioteca Goffredo Mameli alle 17:00, il Pitch Day: sceneggiatori incontrano il futuro.

Proiezioni speciali

In questa settimana di kermesse, ci saranno anche delle proiezioni speciali da non perdere. Per la sezione Black Films Matter – Il cinema afroamericano visto da Lapo Gresleri, verrà proiettato Alice (2022) di Krystin Ver Linden, venerdì 18 al Cinema Troisi, alle ore 21:30. In sala sarà presente anche la regista.

Lunedì 21, alle ore 11:00, per la sezione Focus sulla Polonia, sarà proiettato il film “maledetto” On the Silver Globe (1977-1988) di Andrzej Zulawski. E mercoledì 23 novembre, alle 23:00 presso il Nuovo Cinema Aquila, nella sezione Love & Pride Day, At Night all Cats Are Black (2022) di Valentin Merz. La regista sarà presente in sala.

Infine, venerdì 25 novembre, presso il Nuovo Cinema Aquila alle 20:00, la cerimonia di premiazione, e a seguire la proiezione di Troppa famiglia (2021) di Pierluigi Di Lallo. Il regista sarà in sala.

Riff conferenza stampa

On the Silver Globe

RIFF, registi e attori presenti in conferenza stampa

In sala erano presenti anche alcuni dei molti autori delle opere presenti nella programmazione festivaliera, e Fabrizio Ferrari li ha invitati uno a uno per accennare alle loro opere.

Il primo è Moses Fiddian-Green, che illustra il corto documentario Into the Light, girato nelle cave di marmo di Carrara. A seguire Francesca Pirani e Stefano Viali parlano di D’Annunzio, l’uomo che inventò se stesso, un film tra fiction e documentario che rilegge la vita, artistica e privata, di uno dei più geniali e controversi letterati italiani.

A seguire il regista Roberto Palmerini presenta Una voce amica, cortometraggio in anteprima nazionale, realizzato con un budget pari a zero. Infine, sale sul palco Federico Rosati, protagonista del cortometraggio La virtù dell’innocenza di Samuel Di Marzo. Corto che è un omaggio al regista Ettore Scola, irpino che è riuscito a diventare un autore di fama mondiale.

Riff conferenza stampa

La virtù dell’innocenza

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Riff