fbpx
Connect with us

DIRETTE EVENTI & FESTIVALS

FánHuā Chinese Film Festival 2022 dal 20 al 23 ottobre inizia con ‘L’ultimo imperatore’ di Bertolucci

Un viaggio nella Cina oggi, tra tradizione e contemporaneità: la seconda edizione del FánHuā Chinese Film Festival dal 20 al 23 ottobre a Firenze. 15 titoli in programma, una cooking class, un laboratorio dedicato ai più piccoli e due conferenze

Pubblicato

il

FánHuā Chinese Film Festival 2022

Un viaggio nella Cina di oggi, tra tradizione e contemporaneità, quella meno conosciuta e più autentica, oltre gli stereotipi, raccontata in quattro giorni di film, eventi enogastronomici, arte e incontri nella seconda edizione del FánHuā Chinese Film Festival 2022, la rassegna dedicata al meglio della cinematografia cinese, in programma al cinema La Compagnia dal 20 al 23 ottobre a Firenze. Il titolo della rassegna, letteralmente, Una varietà di fiori che sbocciano, fa riferimento, con un’immagine poetica, alla florida e variegata produzione di opere cinematografiche che si sta sviluppando in Cina.

FánHuā Chinese Film Festival 2022: 15 film

La seconda edizione del festival presenta un programma di 15 film divisi per tema (nuovi talenti; sguardi al femminile, passato e presente); una cooking class sui ravioli cinesi in collaborazione con il Mercato Centrale, un laboratorio di maschere in carta per i più piccoli dedicato ad alcune delle leggende più affascinanti della tradizione cinese, una serie di eventi al Centro Pecci di Prato (proiezioni e mostra) e due incontri per conoscere meglio la cinematografia e la cultura cinese.

FánHuā Chinese Film Festival 2022

Il festival sarà inaugurato alle 20 con un importante evento speciale, la proiezione de L’ultimo Imperatore di Bernardo Bertolucci a 35 anni dalla sua prima proiezione in Italia (uscì nei cinema italiani il 23 ottobre del 1987). Alla proiezione parteciperà Fabien Gerard, collaboratore di Bertolucci nel film e in rappresentanza della Fondazione Bertolucci. A chiudere il festival – domenica 23 ottobre – La Storia di Qiu Ju di Zhang Yimou, parabola della caparbia Qiu Ju, giovane donna che per salvare l’onore del marito, decide di far causa al tracotante capo villaggio. Un grande classico del regista Zhang Yimou, interpretato dalla sua musa Gong Li, che trent’anni fa vinse il primo Leone d’Oro della Cina alla Mostra del cinema di Venezia.

Alcune dichiarazioni

Ecco alcune dichiarazioni a proposito del FánHuā Chinese Film Festival 2022: «Il valore culturale e sociale di questa rassegna si inserisce perfettamente nel contesto della nostra regione che, negli anni, ha sempre dato al cinema un ruolo preminente all’interno delle scelte di politica culturale – ha dichiara Cristina Giachi, presidente della commissione Cultura e Istruzione del Consiglio regionale della Toscana –  In questa seconda edizione, il FánHuā Chinese Film Festival 2022 consolida i legami tra ‘tradizione’ e ‘contemporaneità’ e offre uno spazio considerevole alle produzioni femminili e ai nuovi talenti».

Ha proseguito poi Bertolin: «Il FánHuā Chinese Film Festival 2022 nasce con l’intento di aprire un dialogo e costruire un punto d’incontro tra la cultura cinese e quella italiana. Il cinema è il linguaggio che meglio permette di comunicare attraverso le differenze e le lontananze geografiche, linguistiche, culturali e sociali».

Di seguito le parole del presidente Xiuzhong Zhang: «Quest’anno il FánHuā Chinese Film Festival 2022 ha voluto allargare il proprio orizzonte, offrendo non solo un ricco programma cinematografico, ma un’offerta culturale a 360°. Grazie ai dibattiti, ai workshop e alle conferenze organizzati durante Il Festival, vogliamo offrire agli spettatori e alla città nuove e diverse conoscenze sulla cultura cinese nel suo complesso».

E, infine, si è espresso anche il presidente di Fondazione Sistema Toscana, Iacopo Di Passio: «Siamo particolarmente lieti di ospitare a La Compagnia, la Casa del cinema della Toscana, anche quest’anno, un festival che proietta uno sguardo sempre più attento su una realtà cinematografica al tempo stesso innovativa e ricca di tradizione».

Il programma

Il primo giorno del festival parte alle ore 18 con la prima internazionale di Wind di Dadren Wanggyal, coraggioso racconto femminista, Miglior Opera Prima ai Golden Rooster 2021. Alle 20 l’inaugurazione e a seguire la proiezione del film di Bertolucci.

FánHuā Chinese Film Festival 2022

Venerdì 21 ottobre, dedicato ai “nuovi talenti”, giovani registi che si confrontano sul terreno dei cortometraggi. Alle 15.30 con Where the Leaves fall di Xin Alessandro Zheng, che sarà presente in sala. A seguire The Blue Boy di Wang Chenxu; I have no Legs and I must run di Li Yue; Standard Temperature di Yu Zhouchunyu; A Short Story di Bi Gan. Alle 18 in prima europea è in programma Karma di Zheng Peike, un intenso esordio. In prima serata alle 21 One and Four di Jingme Trinley, un thriller mozzafiato sullo sfondo di una foresta innevata.

Sabato 22 ottobre è dedicata agli “sguardi femminili”. Alle 15.30 si inizia con la prima europea di The Chanting Willows, delicata opera di Dai Wei, che pone al centro gli slittamenti dei sentimenti in un triangolo variabile tra due cantanti d’opera e un pittore di ventagli, sullo sfondo degli anni Novanta. Alle 18 sempre in prima europea B for Busy di Shao Yihui, commedia sentimentale contemporanea. In serata (ore 21), è il momento di Hi, Mom di Jia Ling, inatteso campione d’incassi al botteghino cinese del 2021, che racconta tra commedia ilare e sincera commozione il tentativo di una figlia di ‘riparare’ la relazione con la madre. Un Ritorno al futuro al femminile che è valso a Jia Ling il Golden Rooster come Miglior Attrice.

Il finale di festival, domenica 23 ottobre è dedicato a un parallelismo tra passato e presente con una giornata che mette a confronto pellicole recenti a un grande classico della cinematografia cinese. Alle 15 New Gods: Nezha Reborn di Zhao Ji, un’avventura eroica dedicata ai più piccoli che testimonia la creatività e il successo dell’animazione cinese. Segue alle 18 A Marble Travelogue di Sean Wang, documentario sul periplo che porta il marmo bianco greco verso la Cin.

Incontri ed eventi collaterali

In programma al cinema La Compagnia due incontri: Le nuove vie della seta, dedicato al cinema italiano e cinese a confronto, un panel sulla promozione internazionale del cinema cinese e italiano, una conversazione aperta su come le istituzioni e le aziende italiane e cinesi promuovono i rispettivi film nel mercato internazionale e all’interno dei Festival, per illustrare relative esperienze e strategie.

Tra gli ospiti in dialogo con Paolo Bertolin ci saranno: Liuying Cao, responsabile vendite Parallax Films; Stefania Ippoliti, responsabile Area Cinema Fondazione Sistema Toscana; Rossella Rinaldi, project manager di Filmitalia; Roberto Stabile, responsabile relazioni internazionali ANICA e Meng Xie, CEO di Rediance (sabato 22, ore 10.00 al cinema La Compagnia).

Il secondo (domenica 23, ore 17, La Compagnia) l’incontro Le nuove via della seta: l’editoria italiana si confronta con il panorama culturale della Cina e dell’Asia in un incontro dedicato al mondo editoriale, per discutere sulla visione dell’altro e sulle passioni personali che hanno portato editori e scrittori italiani ad avvicinarsi all’Oriente. A conversare con Paolo Bertolin ci saranno Ilaria Benini, responsabile della collana Asia di add editore, e Andrea Berrini, scrittore e editore con Metropoli d’Asia.

Cooking class e laboratori per bambini al Mercato Centrale di Firenze

Ad arricchire la proposta culturale del festival in cartellone due occasioni in collaborazione con il Mercato Centrale di Firenze. Sabato 22 ottobre una cooking class per adulti per imparare a preparare i ravioli cinesi Jiaozi, a cura dell’artigiana Xiaofei Hu della bottega Ravioli cinesi del Mercato Centrale (dalle 11.30 alle 13.30 gratuito con prenotazione obbligatoria a debora@zhongart.it fino a esaurimento posti). Domenica 23 il workshop di maschere in carta Pepakura, un laboratorio gratuito dedicato ai più piccoli per creare maschere legate ad alcuni animali fantastici della cultura dell’estremo oriente (dai 4 anni in su). Prenotazione obbligatoria a debora@zhongart.it fino a esaurimento posti, dalle 11.30 alle 13.30.

Collaborazioni del FánHuā Chinese Film Festival 2022

Tra le collaborazioni del festival quella con il Centro per l’arte contemporanea Pecci di Prato: sabato 15 ottobre sarà proiettato il film d’ animazione Legend of Deification di Cheng Teng e Li Wei. Il programma del festival prosegue al Centro Pecci Cinema il 29 ottobre alle 18.30 con la proiezione de La storia di Qiu Ju – capolavoro del 1992 di Zhang Yimou e vincitore del Leone d’Oro alla 49° Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, che arriva al Pecci dopo aver chiuso il Festival e salutando simbolicamente anche la collaborazione per l’edizione 2022 con il Museo pratese.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.