fbpx
Connect with us

ALICE NELLA CITTA

Alice nella città 2022, tutti i film in programma e le giurie

Tutta la programmazione, film, incontri, giurie e premi, della 20º edizione di Alice nella città, che si svolgerà dal 13 al 23 ottobre

Pubblicato

il

alice nella città 2022

È stato presentato oggi il programma di Alice nella città 2022, sezione collaterale e autonoma della Festa del cinema di Roma, che si svolgerà dal 13 al 23 ottobre 2022.

Il programma illustrato dai direttori artistici Fabia Bettini e Gianluca Giannarelli è composto, in totale, da 35 lungometraggi, una serie televisiva e 28 cortometraggi. A cui si aggiungono una masterclass con Russell Crowe e una serie d’incontri con registi e attori.

Alice nella città, i film in concorso

Le pellicole in concorso saranno 12: dieci straniere e una italiana. Le opere scelte non seguono un vero e proprio fil rouge che le unifica, ma in ogni modo ognuna racconta l’età di mezzo, quel periodo di passaggio tra l’infanzia e primi approcci al mondo adulto.

Il film d’apertura sarà Marcel the Shell with Shoes On, diretto da Dean Fleischer-Camp, ritenuto dagli organizzatori un’apertura ideale. Il film è ispirato a una serie di cortometraggi in stop-motion sul valore dei sentimenti e dei legami affettivi. Protagonista della vicenda, Marcel, una conchiglia parlante, alta un pollice con un solo occhio e un paio di scarpe da ginnastica, che vive in un Airbnb e sembra discendere direttamente da Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry.

Gli altri film in programma saranno: Armageddon Time di James Gray, che poi farà un incontro con il pubblico, coordinato con la Festa del Cinema di Roma; Signs of Love di Clarence Fuller, e interpretato da Rosanna Arquette e sua figlia Zoë Bleu, oltre a veri fratelli Dylan Penn e Hopper Penn, che faranno anch’essi un incontro con il pubblico;

I Love My Dad di James Morosini; Summers Scars di Simon Rieth; La maternal di Pilar Palomero; Close di Lukas Dhont; Before I Change My Mind di Trevor Anderson; la pellicola italiana Il cerchio di Sophie Chiarello; Les pires di Lise Akoka e Romane Guéret, opera prima premiata a Un certain regard; Hawa di Maïmouna Doucouré; Cet étè-la di Eric Lartigau, e con Gael Garcia Bernal, Chiara Mastroianni e Marina Foïs.

Alice nella città

Alice nella città, i film fuori concorso

Il programma contiene soltanto tre lungometraggi, tutti di produzione straniera. Differenti tra loro, hanno comunque come focus i problemi adolescenziali, declinati usufruendo di tre generi lontani tra loro. Le opere Sono Aftersun di Charlotte Wells, al suo esordio nel lungometraggio, e con Paul Mescal, che incontrerà il pubblico; A House Made of Splinters di Simon Lereng Wilmont, documentario realizzato nelle periferie dell’Ucraina; Piggy di Carlota Pereda, un teen-horror che sfrutta al massimo il genere.

Alice nella città, le proiezioni speciali

In questa sezione, composta soltanto da due eventi, spicca il serial Corpo libero di Cosima Spender. Basato sull’omonimo romanzo di Ilaria Bernardini, il serial sarà trasmesso in streaming su Paramount + il 26 ottobre, e poi dal 2023 su Rai 2.

L’altra proiezione è Backlash. Misogyny in the Digital Age di Léa Clermont-Dion e Guylaine Maroist, ed è un evento creato in collaborazione con la Casa Internazionale delle Donne.

Panorama Italia

Punta sulla scoperta e sulla valorizzazione del cinema italiano, e la programmazione è composta da 8 film. La giuria, che assegnerà il Premio Raffaella Fioretta, composta da Riccardo Milani, Massimiliano Bruno, Tosca, Milena Mancini, Giampaolo Morelli.

I film sono: Piove di Paolo Strippoli; Le ragazze non piangono di Andrea Zuliani; L’uomo sulla strada di Gianluca Mangiasciutti; Primadonna di Marta Savina; Piano piano di Nicola Prosatore; I nostri ieri di Andrea Papini; My Soul Summer di Fabio Mollo; Il ritorno di Stefano Chiantini e con Emma Marrone, che farà un incontro con il pubblico.

Alice nella città 2022

Panorama Italia, proiezioni speciali

In aggiunta ai film in concorso per Panorama Italia, ci saranno anche altre tre proiezioni speciali, il cui fil rouge è la musica. Il biopic Mahmood di Giorgio Testi; l’itinerante Moderat: The Last Days di Elisa Mishto; l’on the road temporale I viaggiatori di Ludovico Di Martino.

Il musical sui generis The Land of Dreams di Nicola Abbatangelo; l’avventuroso pedagogico Cosa verrà di Francesco Crispino.

Gli eventi speciali di Alice nella città

Russell Crowe, durante la kermesse di Alice nella città, riceverà un Premio Speciale, e sebbene non sia romano, è stato uno delle poche star ad aver dato risalto a livello mondiale alla città di Roma, avendo impersonato il mitico Il gladiatore (2000) di Ridley Scott.

Crowe darà una masterclass all’Auditorium della Conciliazione, e per dare possibilità anche ai cittadini romani di poter assistere, a Campo dei Fiori sarà installato un maxi schermo – con amplificazione – per poter godere dell’ora di lezione data dall’attore australiano.

Ma Russell Crowe sarà ad Alice nella città anche per presentare, in anteprima mondiale, Poker Face, sua seconda regia cinematografica. Gli altri eventi speciali sono il documentario naturalista Heart of Oak di Laurent Charbonnier e Michel Seydoux; il faunistico Il ragazzo e la tigre di Brando Quilici; e per agganciare il cinema più popolaresco, Il talento di Mr. Crocodile di Will Speck e Josh Gordon, e con Javier Bardem. Infine, il raffinato cartoon The Black Pharaoh, the Savage and the Princess di Michel Ocelot.

Alice nella città 2022

 

I cortometraggi in concorso

Programmazione realizzata in collaborazione con Premiere Film, partner nell’organizzazione dell’evento, comprende 16 cortometraggi, che saranno proiettati dal 13 al 16 ottobre presso l’Auditorium della Conciliazione. La giuria premiante è composta da: Maurizio Lombardi, Claudia Potenza e Fulvio Risuleo.

I corti:

La neve coprirà tutte le cose di Daniele Babbo

Guerra tra poveri di Kassim Yassin Saleh

Torto marcio di Prospero Pensa

Feliz navidad di Greta Scarano

Calcutta 8:40 AM di Adriano Valerio

Battima di Federico Demattè

As de trèfle di Henri Kebabdjian

File di Sonia K. Hadad

Jamal Tosmal di Martina Pastori

Bergie di Dian Weys

The Delay di Mattia Napoli

Story of Your Life di Salvatore De Chirico

Il barbiere complottista di Valerio Ferrara

A.O.C. di Samy Sidali

Rituálity di Damián Vondrášek

Welcome di Giuseppe De Lauri

Cortometraggi spazio animazione

In tutto sono 7 cortometraggi, e anch’essi saranno proiettati dal 13 al 16 ottobre.

Ecce di Margherita Premuroso

Spring Roll Dream di Mai Vu

Doma di Chiara Seveso

Caramelle di Matteo Panebarco

Luko di Marta Bencich

Pensaci di Peter Marcias

Palomar va in città di Mario Kreill

Cortometraggi eventi speciali

Sono 5 cortometraggi, e anch’essi saranno proiettati all’Auditorium della Conciliazione:

Il provino di Gregorio Sassoli

Tre volte alla settimana di Emanuele Vicorito

Il rimbalzo del gatto morto di Antonino Valvo

Un milione di italiani (non sono italiani) di Maurizio Braucci

Larua di Francesco Madeo

Omaggio a Damiano Damiani

Per commemorare i 100 anni di Damiano Damiani (1922-2013), uno dei registi del cinema d’impegno italiano, troppo facilmente dimenticato, Alice nella città proietterà la copia restaurata de L’isola di Arturo (1960), trasposizione libere dell’omonimo romanzo di Elsa Morante.

È stato molto arduo riportare a nuovo splendore il film, poiché non si riusciva a trovare una buona copia della pellicola.

Premi e giurie

Oltre alle giurie citate in precedenza, ci sono:

Premio miglior film Alice nella città, assegnato da una giuria di trentacinque ragazzi di età compresa tra i 16 e 19 anni.

Premio Corbucci, istituito quest’anno, sarà dato a quel lungometraggio di finzione, della durata minima di 80 minuti, che al momento della sua partecipazione in una delle sezioni di Alice nella Città, non abbia ancora una distribuzione per il mercato italiano. La giuria è presieduta Gabriele Mainetti (regista), ed è composta: da Domenico Dinoia (Presidente della Fice) Emanuela Rossi (regista), Paola Randi (regista) e Carmine Imparato (esercente Membro della Presidenza Fice nazionale).

Il premio consiste in un contratto di distribuzione per il mercato italiano con un P&A del valore di 50.000 euro. Il film, grazie alla partnership con il circuito di sale cinematografiche della Fice, avrà la garanzia di un’uscita in un minimo di 20 sale nelle principali città capozona d’Italia, nel primo trimestre dell’anno successivo a quello del festival.

Nell’eventualità che a vincere sia un film internazionale, ai costi di lancio e distribuzione, verrà aggiunto il costo di acquisizione di tutti i diritti di sfruttamento per il territorio italiano. La distribuzione sarà a cura della Nori Film, nuova società di distribuzione creata da Carlo e Claudio Corbucci.

Le opere presenti nelle sezioni Spazio Animazione e Proiezioni Speciali concorrono al premio del pubblico. Mentre Rai Cinema Channel e Premiere Film assegneranno un premio speciale a loro insindacabile giudizio.

Premio RB Casting al miglior Giovane Interprete Italiano, verrà assegnato da una giuria composta da: Rosaria Cicolani (agente ASA), Pino Pellegrino (Casting Director), Annamaria Morelli (Producer Elsinore Film).

Premio Do-cine Rising Star Award al Miglior Giovane Interprete Internazionale, verrà assegnato da una giuria composta da: Benoît Blanchard (Audiovisual attaché all’Ambasciata di Francia a Roma), Gaia Serena Simionati (critico cinematografico e d’arte), Katja Szigat (Talent Agent), Eleonora Granata Jenkinson (Producer Melograno Film),

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Alice nella città