fbpx
Connect with us

VIDEODRHOME

In limited edition blu-ray Society – The horror

Disponibile per Midnight Classics Society - The horror in limited edition blu-ray.

Publicato

il

Dopo il secondo e terzo Re-Animator, la collana Midnight Classics di Koch Media prosegue il recupero della filmografia di Brian Yuzna con Society – The horror. Datato 1989, l’esordio registico del cineasta di origini filippine che avrebbe poi diretto anche il dittico The dentist, per intenderci. Un esordio in questo caso reso disponibile attraverso una limited edition contenente due blu-ray, una card da collezione e un interessante booklet. Un esordio al cui centro troviamo il Billy Warlock noto in particolar modo per la serie televisiva Baywatch nei panni di uno studente di Beverly Hills.

Studente che non sembra trovarsi a proprio agio nella ricca società di cui fa parte; man mano che avverte stranezze legate alla sua famiglia.

Soprattutto dopo che l’ex fidanzato della sorella, interpretato da Tim Bartell, gli fa ascoltare un’audiocassetta dal contenuto non poco curioso. In quanto nel nastro è incisa la registrazione di quello che sembrerebbe un rapporto incestuoso tra i genitori e la ragazza. Registrazione che, però, muta del tutto quando il protagonista la mette a disposizione del suo psichiatra. Man mano che, di conseguenza, insieme a lui lo spettatore viene progressivamente trascinato in un angosciante e ostile clima di paranoia. Perché nel suo lento evolversi è proprio a questa sensazione di spaesamento che mira in maniera evidente Society – The horror. Trasmettendo l’impressione di trovarci immersi in una vera e propria dimensione da incubo appartenente concretamente, invece, a ciò che l citato Warlock sta vivendo.

Una dimensione da incubo in cui tutto ciò che gli accade non può fare a meno di generare mistero. Come pure il desiderio di sapere cosa si nasconda dietro agli strani accadimenti che si susseguono. Con inclusa la presenza di una ambigua fanciulla bruna e sexy. Ma senza che risulti mai assente una evidente, sottile venatura d’ironia. Sfociante, con tanto di autentica “faccia di culo” nel mucchio, nell’assurdo epilogo che ha concesso all’operazione di entrare di diritto nella storia della celluloide dell’orrore. Epilogo in cui, per merito degli eccellenti effetti speciali a cura di Screaming Mad George, si consuma una bizzarra orgia da antologia.

Un’orgia che, ispirata al’arte surrealista di Salvador Dalí, immersa in dominanti rosse sembra richiamare anche una certa fantascienza anni Cinquanta proto-Blob – Fluido mortale.

Del resto, sulle note del valzer viennese straussiano assistiamo ad un’impressionante fusione di corpi nudi maschili e femminili, giovani e vecchi. Un momento da antologia che porta all’apice la feroce satira rivolta da Yuzna all’ipocrisia e agli inconfessabili segreti della borghesia. Aspetto che consente di classificare Society – the horror nella schiera dei film di paura più politicamente impegnati di sempre. In questo caso presente nel primo disco in una versione HD restaurata dai materiali originali e accompagnata da commento audio del regista. Mentre il secondo ospita una breve featurette vintage, due interviste al buon Brian e trentasette minuti d’incontro col pubblico del Celluloid Screams Horror Film Festival 2014. Un geniale capolavoro disponibile in esclusiva nello store FanFactory (https://fanfactory.shop/).

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.