fbpx
Connect with us

MONDO INDIE

ICE SCREAM di Roberto De Feo e Vito Palumbo

Viaggio alla scoperta del cinema indipendente di genere. Rubrica a cura di Luca Ruocco

Publicato

il

 

Micky, un ragazzo timido e impacciato, si ferma al Bar delle Due Coccinelle per prendere un cono gelato al cioccolato. La barista, rallentata dalla mancanza del braccio sinistro, lo serve con noncuranza, distratta dal pensiero della bella amante che le aveva promesso amore eterno per poi abbandonarla al timone del locale. Cono alla mano, il giovane si allontana per ritornare al suo maggiolone, parcheggiato fuori dal locale, ma un passo falso lo fa capitolare proprio sul tavolo di due esaltati delinquenti, che altro non aspettavano che riuscire a trovare lo sciocco su cui scaricare tutta la propria violenza e le proprie frustrazioni.

Micky è costretto a farli salire in auto, i due sempre su di giri lo derubano e al primo tentativo di reazione del malcapitato, lo tramortiscono, facendogli perdere i sensi. Al risveglio sarà facile per il giovane intuire di essere finito all’interno di una spirale di sadismo e violenza da cui sarà dura venirne fuori vivi.

Tutto questo (e, è il caso di dirlo, “molto di più”) è Ice Scream, cortometraggio del 2009 di Roberto De Feo e Vito Palumbo, realizzato con il supporto di Apulia Film Commission e del gruppo Banco di Napoli, che dopo due anni passati in giro per festival, in Italia (dove ho avuto il piacere di selezionarlo per la sezione Indie.Horror.it del Roma3FilmTeatroFestival 2010) e all’estero (dove è riuscito ad ottenere numerosi riconoscimenti, tanto da arrivare ad essere il cortometraggio italiano più premiato fuor di patria), e dopo essere stato il primo cortometraggio made in Italy a colonizzare I-Tunes USA e ad essere distribuito in Blu-Ray, arriva finalmente online.

Dal 5 settembre 2011, infatti, proprio mentre negli Stati Uniti si lavora ad un possibile lungometraggio basato sul corto di De Feo e Palumbo, i due registi hanno deciso che era giunto il momento di far diventare Ice Scream di pubblico dominio, donandolo al pubblico della rete.

La prima cosa che colpisce di Ice Scream è la ricerca maniacale del “particolare”, sia dal punto di vista delle inquadrature, che spesso si soffermano sull’infinitamente piccolo (lo scarafaggio nel gelato, particolari anatomici), che per quanto riguarda l’estrema caratterizzazione estetica dei personaggi (la cameriera lesbica con un braccio mozzato, il delinquente con i grossi occhiali da nerd ed il collare ortopedico, lo sceriffo, l’enorme mamma…). Un meccanismo che da un lato sembra cozzare con l’estremo realismo delle scene di violenza (per gli effetti speciali di Andrea Leanza), che però in realtà è un utile correttore di rotta, una precisazione strutturale per agevolare l’ingresso nel mondo grottesco e un po’ sopra le righe proprio dei film tarantiniani e dei loro diretti discendenti.

Perché non c’è verità più grande del fatto che mr. Tarantino sia riuscito in breve tempo a crearsi una schiera di sodali combattenti, in nome del pulp, e i nostri De Feo e Palumbo non vogliono fingere indifferenza, anzi, denunciano la loro diretta genia nell’incipit, prima dei titoli di coda, in un’animazione dedicata ad un immaginario incontro tra Tarantino e Nanni Moretti (e di tarantinismi, Ice Scream davvero straborda, dal linguaggio violentemente scurrile, ai personaggi/maschere, allo sceriffo al di sopra della legge, e via dicendo).

Detto questo Ice Scream è un cortometraggio meritevole e dannatamente ben strutturato: la sceneggiatura semplice e lineare poggia su una tecnica registica invidiabile e sulla qualità Red One, e gli interpreti si legano perfettamente alle maschere affidategli.

Il ribaltamento finale non può non ricordare il Cani arrabbiati (1974) di Mario Bava, che tanto da rimuginare diede anche a papà Tarantino. La visione del corto è caldamente consigliata.

Luca Ruocco

 

ICE SCREAM

Regia: Roberto De Feo, Vito Palumbo

Con: Damiano Russo, Davide Paganini, Alessandro Bardani

Sceneggiatura: Dario Sardelli, Roberto De Feo

Anno: 2009

Durata: 22’

Nazionalità: Italia

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.