fbpx
Connect with us

VIDEODRHOME

I fiumi di porpora in home video a doppio disco

Edizione a doppio disco in home video per il thriller I fiumi di porpora.

Publicato

il

All’interno della collana Midnight Facory di Koch Media rivive in edizione a doppio disco I fiumi di porpora, con booklet nella confezione. Chi c’era, nel 2000, ricorda bene essere il thriller diretto dal parigino Mathieu Kassovitz, che aveva conquistato cinque anni prima la critica grazie all’ottimo L’odio. Un thriller sfornato in un periodo in cui si era appena usciti da un decennio che aveva annoverato non pochi ottimi esempi appartenenti al genere. Perché non dobbiamo dimenticare che gli anni Novanta avevano aperto con Il silenzio degli innocenti di Jonathan Demme, per poi sfoderare nel 1995 Seven di David Fincher. Due ormai già classici cui, appunto, prima ancora che esplodesse il successo dei vari Saw a terzo millennio avviato, si aggiunse I fiumi di porpora.

Derivato da un romanzo di Jean Christophe Grangé, un lungometraggio ad alta tensione che parte da due atroci crimini consumatisi a chilometri di distanza.

Il ritrovamento a Grenoble di un cadavere orribilmente mutilato e la profanazione di una tomba nella campagna di Lot. La tomba di una ragazza deceduta in un drammatico incidente nel 1982. Ed è da qui che, incaricati del caso, abbiamo in scena due poliziotti che si trovano inizialmente a lavorare insieme con diffidenza. Il Pierre Niemans interpretato da Jean Reno e il Max Kerkerian dal volto di Vincent Cassel. Due diverse figure che arrivano quasi a far sfiorare i connotati del buddy movie alla oltre ora e quaranta di visione.

Figure di cui la seconda non manca neppure di essere coinvolta in combattimenti d’arti marziali. In quanto è un curiosissimo miscuglio di tendenze cinematografiche quello messo in piedi da Kassovitz. Un miscuglio la cui linea guida riguarda, ovviamente, una classica indagine di taglio poliziesco. Un’indagine chiaramente non priva di forte impronta horror, sebbene si preferisca lasciare fuori campo buona parte dei dettagli espliciti. Ad esclusione della raccapricciante immagine del corpo crocifisso e contornato di scritte tracciate col sangue. Un’immagine che sembra in un certo senso risentire proprio dell’influenza del sopra menzionato film di Demme.

Fino a spingere il tutto verso situazioni tipiche dell’action movie, come quella del teso inseguimento automobilistico pre-epilogo.

Un teso inseguimento destinato a precedere il confronto finale sulla neve. Al servizio di un’operazione proposta in questo caso in un blu-ray corredato di commento audio del regista, di Reno e di Cassel. Ma affiancato da un dvd interamente riservato a contenuti speciali. Da cinquantadue minuti riguardanti il percorso dal testo letterario alla pellicola ad una breve occhiata allo storyboard del momento della valanga. Passando per ventisei sulla realizzazione della sequenza d’autopsia, sette di sguardo alla preparazione di una scena di combattimento e undici alle riprese in alta quota. Senza contare un confronto tra lo storyboard e le riprese notturne de I fiumi di porpora.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.