fbpx
Connect with us

GIOCHI

Niente più cookie: i marketer stanno già testando alternative

Publicato

il

Un sondaggio Criteo su 200 marketer leader del settore ha rivelato che l’87% di loro sta già testando modi per sostituire o integrare i canali che si basa sui cookie. Tuttavia, dopo la fine di Cookies, il 28% ha deciso di rallentare il ritmo dei test, capisci qui su 22Bet.

 

L’annuncio del rinvio da parte di Google ha lasciato i marketer “fiduciosi”, “felici” e “sollevati”, come ha sottolineato la ricerca. Ciò è comprensibile, poiché il 43% degli intervistati ha affermato che più della metà della propria pubblicità digitale dipende, almeno in parte, da cookie di terze parti e il 14% ha affermato che più di tre quarti del proprio marketing digitale dipende da loro.

 

Per far fronte al cambiamento, il 91% ritiene che agenzie ed editori saranno essenziali per questo processo. Finora l’alternativa più testata sono i walled gardens (48%) e sfruttare al meglio i propri dataset primari, arricchendoli con partner esterni (46%) o dati panel aggregati (45%).

 

*Criteo ha intervistato 200 tra i migliori esperti di marketing con sede negli Stati Uniti con autorità sulla spesa per il marketing digitale tra il 7 e il 22 luglio 2021 per saperne di più su come l’annuncio sta influenzando il settore.

 

I marketer stanno testando una varietà di soluzioni per il mondo post-cookie. Oltre a investire in giardini recintati, la nostra ricerca negli Stati Uniti indica che i professionisti del marketing si stanno preparando anche in molti altri modi. Il 45% degli intervistati afferma di aver iniziato ad arricchire i propri set di dati proprietari con dati provenienti da partner esterni. Infatti, più di 9 marketer su 10 (92%) ritengono che l’accesso ai dati di prima parte sarà la chiave del successo nel marketing digitale negli anni a venire.

 

Come azienda, Criteo sta lavorando per sfruttare il nostro enorme set di dati sul commercio di prima parte per aiutare i marketer (marchi e rivenditori) e i proprietari dei media (editori e rivenditori) a incorporare questi dati di prima parte per creare un pubblico sicuro sulla questione della privacy, e allo stesso tempo indirizzabile per il targeting.

 

Il 45% dei marketer statunitensi indica inoltre che sta investendo nei media al dettaglio – annunci finanziati dal marchio sui siti Web dei rivenditori – e collaborando con terze parti su un processo di accesso comune (42%) per raccogliere e-mail di consenso degli utenti, in cui i consumatori optano per la pubblicità personalizzata in cambio di un’esperienza di navigazione online gratuita e aperta.

 

Una cosa è chiara è che non ci sarà un’unica soluzione per sostituire gli annunci che utilizzano cookie di terze parti. Con i dati proprietari che diventano la principale fonte di identità online per la pubblicità digitale, il percorso chiave dipenderà dalla capacità di rivenditori ed editori di connettere, arricchire e attivare i propri dati proprietari per guidare i risultati di vendita proteggendo al contempo i diritti dei consumatori.

 

Tuttavia, vediamo anche altri metodi di targeting utilizzati, oltre a quelli che si basano su dati proprietari o dati a livello di utente. Ad esempio, il targeting per coorte, che viene esplorato nella Privacy Sandbox di Google, così come il targeting contestuale, ovvero il targeting basato sul contenuto di un canale in relazione al comportamento online precedentemente osservato di un utente, possono essere un potente complemento ad altri cookie alternativi.

 

E sebbene non possiamo prevedere o misurare esattamente come tutti questi nuovi metodi per raggiungere i consumatori online saranno paragonabili all’efficacia della pubblicità basata sui cookie di oggi, siamo fiduciosi nella nostra capacità di creare nuove soluzioni che continueranno a generare prestazioni elevate per i nostri clienti partner. Sappiamo anche che questi adattamenti sono necessari per garantire la costruzione di un Internet migliore con più privacy per i consumatori.

 

La pubblicità digitale continua a crescere e con più persone che acquistano online che mai, l’e-commerce in Italia è cresciuto di circa il 400%, secondo i dati del sondaggio. Ciò significa che il modo in cui i professionisti del marketing si rivolgono e raggiungono le persone online cambierà. Con la fine dei cookie di terze parti, la tendenza sarà quella di un’analisi più dettagliata di metriche e dati, in modo che l’investimento venga effettuato correttamente e si raggiunga il risultato desiderato, sia esso una vendita, un contatto o un ricavo.

 

Secondo il nostro sondaggio, quasi nove intervistati su 10 (87%) hanno già in corso test per integrare o sostituire i canali che si basano su cookie di terze parti e meno di tre su 10 (28%) hanno deciso di rallentare il proprio ritmo . test dopo l’annuncio di Google. Ciò dimostra che il mercato si sta preparando attivamente per il futuro dell indirizzabilità.

 

Con 3 anni fino alla fine dei cookie di terze parti, riteniamo che il mercato sarà pronto ad assorbire i cambiamenti dopo questo periodo di test attivo. Allo stesso tempo, i risultati saranno

 analizzati quando questa realtà si verificherà, ma il mercato si sta muovendo sempre più intensamente verso questo e siamo ottimisti e fiduciosi nel futuro.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Commenta