fbpx
Connect with us

Live Streaming & on Demand

‘7 Prisioneiros’: quando essere liberi o chiusi in gabbia non fa differenza.

Il film espone in modo duro il traffico e lo sfruttamento di esseri umani nei bassifondi di San Paolo in Brasile.

Publicato

il

Il regista brasiliano-americano Alexandre Moratto torna sul grande schermo dopo il debutto con Socrates nel 2018.

Presentato alla 78 edizione della Mostra dell’Arte Cinematografica di Venezia e ora su Netflix,  7 Prisioneiros tratta del traffico e dello sfruttamento di esseri umani nei bassifondi di San Paolo in Brasile.

Il poster brasiliano del film.

7 prisioneiros La trama del film

Mateus (Christian Malheiros) è un ragazzo d’animo buono, che vive in campagna con la madre e due sorelle. Desideroso di una vita migliore decide di andare a San Paolo per guadagnare abbastanza e prendersi cura della madre ormai troppo anziana per lavorare nei campi. Mai avrebbe immaginato che il lavoro che lo aspetta è quello di smistare metalli in una discarica. Qui, è schiavizzato assieme agli amici, Samuel, Isaque e Ezequiel, anch’essi partiti insieme a lui pieni di speranze per il futuro. Dopo pochi giorni, capiscono di essere in trappola. Gli vengono tolti i documenti, i telefoni cellulari e, per l’insubordinazione dimostrata, il capo, Luca, non gli consente neppure di lavarsi. Sono trattati come animali.

Tra i ragazzi, Mateus è il più intelligente e razionale, a differenza di Isaque, che, fin troppo impulsivo, cerca di scappare e di ribellarsi in tutti i modi senza capire che anche le forze dell’ordine sono corrotte. Ezequiel è un ragazzo gracile e psicologicamente debole, che non sa leggere e, quindi, soccombe. Samuel è il belloccio del gruppo; il suo obiettivo guadagnare abbastanza per comprare una casa alla fidanzata Julia. Mateus è l’unico a capire che ribellarsi può solo significare ritorsioni ai danni dei loro cari. É necessario fare un accordo con il capo Luca (Rodrigo Santoro). Questo compromesso lo porterà a prendere decisioni difficili e dolorose, che gli cambieranno la vita.

Da una scena del film: il capo Luca redarguisce Mateus.

Cosa significa essere liberi

Il film mette a confronto la condizione di prigionia dei giovani nella discarica, che di lì a poco da quattro diventeranno sette, con quella della libertà. Cosa significa essere prigionieri costretti a lavorare al limite della disumanità ed essere liberi? Il regista Moratto sostiene che non ci sia differenza, poiché in ogni caso il mondo, in cui l’uomo libero ed il prigioniero vivono, è governato da corruzione, violenza, sfruttamento sin dai piani alti della politica. Chi governa è corrotto e decide della vita di tutti. Adeguarsi per assaporare una parvenza di libertà è l’unica soluzione.

Adeguarsi significa stringere un patto con il diavolo. Significa tradire se stessi ed i propri ideali. Significa perdere gli amici di una vita. Significa deludere tutti. Significa rinunciare alla propria educazione. Significa smettere di sognare. Significa mentire alla propria famiglia. Significa accettare il crimine come soluzione per raggiungere un bene superiore. Questa è, infatti, la giustificazione che Mateus trova per sopravvivere, tollerare il male per aiutare la sua famiglia.

La famiglia come ancora di salvezza

La famiglia per ognuno di quei ragazzi è l’ancora di salvezza. Pensare ai loro cari li aiuta a resistere, ad andare avanti. É il loro punto di forza, ma anche il loro punto debole contro cui gli aguzzini agiscono senza pietà per sottometterli.

La famiglia riporta tutti e tutto ad un senso di normalità, innocenza, onestà di intenti e generosità. Mateus riconosce tutto questo anche in Luca, quando gli presenta la sua famiglia, soprattutto sua madre, che dopo una vita di sacrifici ora è felice grazie al figlio, che ama e per cui nutre enorme rispetto ed ammirazione. Luca è un uomo diverso dagli altri e, in lui, Mateus riconosce se stesso. Anche lui vuole tutto questo per sé e per la sua famiglia, ma per averlo dovrà emergere a scapito di altri.

Netflix Novembre 2021

Costa Brava, la natura al centro del film presentato a Orizzonti Extra

Miracol, una giovane suora nel film rumeno della sezione Orizzonti

Venezia 78: A Plein Temps in Orizzonti

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

7 Prisioneiros

  • Anno: 2021
  • Durata: 90'
  • Distribuzione: Netflix
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Brasile
  • Regia: Alexandre Moratto
  • Data di uscita: 06-September-2021