fbpx
Connect with us

Netflix Film

‘Major Grom: Il medico della peste’ con Tikhon Zhiznevskiy: su Netflix un eroe maledetto

È un viaggio di un “eroe maledetto” in un mondo straordinario ma al contempo reale e malvagio.

Publicato

il

Major Grom: Il medico della peste

Major Grom: Il medico della peste di Oleg Trofim con Tikhon Zhiznevskiy è disponibile su Netflix. Il film, prodotto da Bubble Studios e KinoPoisk, è tratto dalla graphic novel creata da Artyom Gabrelyanov.

È un viaggio di un “eroe maledetto” in un mondo straordinario, ma al contempo reale e malvagio. Il suo trionfo, previsto già nei primi minuti del film, viene raccontato attraverso gli stilemi del cinema action/supereroistico, con non pochi riferimenti al nostrano poliziottesco anni ‘70. Major Groom: Il medico della peste riserva delle sorprese, ma un po’ di mistero in più non avrebbe guastato.

La trama

San Pietroburgo è oppressa dalla criminalità e dalla corruzione. Un enigmatico assassino, che si fa chiamare Il medico della peste, ha deciso di fare giustizia, uccidendo le personalità più ricche e potenti della città. La polizia non riesce a fermare le azioni delittuose del criminale, il quale riesce a portare dalla sua parte la popolazione attraverso l’utilizzo della rete. Il cinico detective Igor Grom si mette sulle tracce dell’assassino e con l’aiuto di un suo inesperto collega e una giornalista intraprendente, riesce a fermare il medico della peste.

Major Grom: Il medico della peste | La recensione del film russo di Oleg Trofim (su Netflix) | Il Cineocchio

L’eroe solitario

Major Grom: Il medico della peste è un film d’azione: già le prime sequenze sono caratterizzate da inseguimenti e sensazionali combattimenti. È in questo modo che viene presentato Igor, il protagonista.

Solitario e anticonvenzionale, così appare Igor, e lo spettatore non deve faticare molto a inquadrare le sue principali caratteristiche.

Igor si stacca dal racconto e soprattutto dal resto dei personaggi, i quali risultano di contorno o al massimo strumenti dell’eroe per ottenere il suo premio.

È l’unico poliziotto di San Pietroburgo a non indossare l’uniforme di ordinanza, ma ne indossa una propria, caratterizzata da un insolito copricapo.

La presentazione di questo personaggio, forse ancora troppo presente la fonte fumettistica, non è certo nuova come modello cinematografico.

Un poliziottesco contemporaneo

La storia del cinema è piena di eroi come Igor, solitari, tenebrosi e soprattutto contro le regole e le gerarchie.

Con le dovute differenze, il protagonista di Major Grom: Il medico della peste ricorda molto da vicino gli eroi del poliziottesco italiano degli anni ‘70. Come loro, Igor riesce a risolvere ogni caso e catturare il criminale di turno.

Ma i suoi metodi non sono proprio ortodossi. Spesso usa la violenza e soprattutto non obbedisce agli ordini dei suoi capi. Conseguenza di tutto ciò: il ritiro del distintivo.

Ma gli eroi del poliziottesco non si arrendono e non si arrende Igor, che, immancabilmente, torna nel corpo della polizia, per smascherare il famigerato medico della peste.

Il bene e il male

La struttura narrativa del film, dunque, non è certo innovativa, ma il procedere degli eventi, in alcuni momenti appesantito nel dare troppe spiegazioni, riserva alcune sorprese.

I due mondi contrapposti non sono radicalmente separati e chi appare buono e generoso è, in realtà, un criminale schizofrenico. Il maggior merito di Major Grom: Il medico della peste consiste nell’attualizzare la secolare guerra tra il bene e il male.

Nella prima parte del film i potenti della politica e della finanza sono minacciati da un nuovo mondo, che appare solidale e giusto, è il mondo della rete e dei social.

Ma successivamente si apprende che da qui nasce l’azione criminosa del medico della peste, un Robespierre o, per meglio dire un Rasputin, dei nostri giorni.

L’universo della rete e dei social, che inizialmente appaiono come conquiste di libertà, sul finale vengono descritte come armi pericolose. È attraverso l’utilizzo del web, infatti, che il criminale conquista l’opinione pubblica e può commettere i suoi delitti.

Il lieto fine

Il lieto fine è scontato. Il criminale viene smascherato, la città è salva e soprattutto Igor comprende che non può agire da solo, gli amici sono preziosi.

Major Grom: Il medico della peste ha un difetto sostanziale: è troppo prolisso. Il materiale narrativo è sovrabbondante, allo spettatore vengono date delle informazioni non necessarie e viene condotto per mano, come farebbe una madre iperprotettiva.

Viene negata ogni possibilità di ricostruire i singoli pezzi e svanisce il fascino della fruizione. Il regista e gli sceneggiatori non riescono a dare al film una sua autonomia di linguaggio e la fonte è vistosamente presente.

Il cast: Tikhon Zhiznevskiy, Lioubov Novikova, Sergei Goroshoko, Oleg Chugunov

Il film è disponibile al seguente Link

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Major Grom: Il medico della peste