fbpx
Connect with us

DIRETTE EVENTI & FESTIVALS

Roma3 FilmTeatroFestival 8-12 giugno

Dall’8 al 12 giugno 2011 il Roma3FilmTeatroFestival torna ad animare gli spazi del Teatro Palladium (Piazza Bartolomeo Romano, 8 – zona Garbatella): giunto ormai alla sua sesta edizione, grazie al sostegno e alla collaborazione del Di.Co.Spe. – Dipartimento di Comunicazione e Spettacolo dell’Università Roma Tre, il festival prosegue il suo percorso sul doppio binario del cinema e del teatro, presentando un programma variegato che alterna giornate dedicate a proiezioni e spettacoli, ad appuntamenti con laboratori e workshop teatrali, tutto a ingresso gratuito.

Publicato

il

logo roma 3 film teatro festival 2011

Dall’8 al 12 giugno 2011 il Roma3FilmTeatroFestival torna ad animare gli spazi del Teatro Palladium (Piazza Bartolomeo Romano, 8 – zona Garbatella): giunto ormai alla sua sesta edizione, grazie al sostegno e alla collaborazione del Di.Co.Spe. – Dipartimento di Comunicazione e Spettacolo dell’Università Roma Tre, il festival prosegue il suo percorso sul doppio binario del cinema e del teatro, presentando un programma variegato che alterna giornate dedicate a proiezioni e spettacoli, ad appuntamenti con laboratori e workshop teatrali, tutto a ingresso gratuito.

L’obiettivo della manifestazione – che ormai rappresenta un valido punto di riferimento culturale ben oltre le strutture dell’ateneo cui fa riferimento – è quello di promuovere produzioni indipendenti e low cost. Il percorso nella Settima Arte prevede l’affiancamento di caratteri molto differenti del panorama cinematografico indipendente italiano degli ultimi anni, dedicandosi alla ricerca e la sperimentazione documentaristica e al cinema “di genere”: attraverso cortometraggi, lungometraggi, documentari ed esperimenti di videoarte il Roma3FilmTeatroFestival propone al pubblico una ricca selezione di anteprime e di eventi. Tra queste spicca Occhi, coproduzione italo-portoghese interamente recitata in dialetto friulano diretta da Lorenzo Bianchini (mercoledì 8 giugno, ore 20.45), regista cult del nuovo cinema di genere italiano già apprezzato con Custodes Bestiae e Radice quadrata di tre: il film è un thriller psicologico dal grande impatto emotivo che gli ha fatto guadagnare la definizione di “rilettura moderna de La casa dalle finestre che ridono”. Sempre nell’ambito del cinema di genere, segnaliamo Eaters (mercoledì 8 giugno, ore 22.30) – zombie movie diretto da Luca Boni e Marco Ristori che vanta la produzione di Uwe Boll, controverso regista, sceneggiatore e produttore cinematografico tedesco – e una coppia di produzioni che si avvale degli effetti speciali di Sergio Stivaletti, Bloodline di Edo Tavaglini (mercoledì 8 giugno, ore 17.30) e Morituris di Raffaele Picchio (sabato 11 giugno, ore 22.15).

Per quanto concerne la sperimentazione del linguaggio il programma prevede la proiezione di Roma di Theo Eshetu (venerdì 10 alle ore 19.00) – pluripremiato artista multimediale e produttore di documentari – e Vigasio Sexploitation di Sebastiano Montresor (sabato 11 giugno, ore 20.15), fondatore del manifesto del cinema agricolo alle prese con una pellicola che si addentra nei territori dell’onirico erotico. Tra le anteprime più attese inoltre ricordiamo Exit di Max Amato, vincitore del Premio Migliore Interpretazione Maschile alla 28° edizione del festival Annecy Cinéma Italien (venerdì 10 giugno, ore 22.00).

Non meno ricca di eventi e attività è la sezione dedicata al teatro. Mercoledì 8 alle ore 12.00, subito dopo l’inaugurazione ufficiale dell’edizione 2011 del Roma3FilmTeatroFestival, è in programma lo spettacolo Studio su Ionesco, nato da un’esperienza di laboratorio condotta da Alessia Oteri e che ha visto coinvolti alcuni studenti del DAMS: una drammaturgia senza trama né protagonisti che trova la sua realizzazione nella suggestione del teatro di uno dei più rappresentativi drammaturghi del Novecento. Giovedì 9 giugno dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e domenica 12 dalle 16.30 alle 19.00 è prevista la presentazione al pubblico di due sequenze di corti teatrali, dei veri e propri spettacoli in miniatura dove autori, attori e registi saranno giovani artisti della scena indipendente. Giovedì 8 alle ore 16.00 andrà in scena lo spettacolo Il ponte, opera prima di Carla Di Donato e vincitore nel 2010 della VI edizione de Premio Fersen, promosso dalla Fondazione Alessandro Fersen di Roma. Venerdì 10 alle ore 20.30 spazio dedicato alla contaminazione tra teatro e musica, con tre artisti della Scuola Popolare di Musica di Testaccio che si esibiranno nello spettacolo-concerto La vera storia dell’AMA trio.

Tra (a)gli altri eventi speciali giovedì 9 alle ore 20.30 Carlo Quartucci e Carla Tatò con il loro Teatrarteria presentano Un doppio Sogno, uno spettacolo progettuale che vede sul palcoscenico attori, studenti delle arti sceniche e artisti/docenti impegnati in una rappresentazione del viaggio di Una casa di bambola di Henrik Ibsen. Non mancheranno appuntamenti, incontri e conferenze con autori ed esperti: sabato 11 alle ore 10.00 segnaliamo il workshop Dalla scena allo schermo, realizzazione e montaggio di un promo teatrale a cura di Enzo Francesco Testa, stimato documentarista, regista televisivo, insegnante di montaggio e fotografo, attivo fra
Roma e L’Aquila.

Domenica 12 alle ore 21.30 segnaliamo Orlando’s Burlesque, lo spettacolo conclusivo di questa edizione del Roma3FilmTeatroFestival, di Daniella De Panfilis (vincitrice nel 2002 del primo premio per “Migliore spettacolo” al Concorso Nazionale dell’ E.T.I. – Ente Teatrale Italiano – “Eduardo 1900-2000 Cent’anni” e nel 2010 del Premio alla Regia presso il “New Delhi International Theatre Festival – Bharat Rang Mahotsav” con il Teatro Instabile di Aosta). Lo spettacolo coincide con la chiusura del laboratorio Il gioco teatrale e il teatro dei vampiri, un percorso di 10 incontri iniziato lunedì 16 maggio (presso l’Aula Colombus, via delle Sette Chiese, 101) e indirizzato al lavoro sul corpo, la presenza scenica, la dinamica, il gesto, l’immagine, la composizione corale, il canto e la parola. Attrice, autrice e regista
teatrale, insegnante dal 1996, Daniella De Panfilis propone un modello di rappresentazione volta all’astrazione dello spazio e alla stilizzazione delle forme, manifestando la necessità impellente di comunicazione propria della natura del rapporto fra attore e spettatore.

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa RomaTre FilmTeatro Festival
press.roma3filmteatrofestival@gmail.com
http://www.roma3-filmteatrofestival.it/2011/sito
Priscilla Caporro

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Commenta