Connect with us

VIDEODRHOME

Zathura – Un’avventura spaziale in alta definizione

In collaborazione con Sony pictures Home Entertainment, CG Entertainment (www.cgentertainment.it) recupera su blu-ray Zathura – Un’avventura spaziale, datato 2005 ma approdato nei cinema italiani l’anno successivo.

Publicato

il

 

Diretto dal Jon Favreau che si sarebbe poi occupato del cinecomic Iron man, attinge da Chris Van Allsburg. Per intenderci, il prolifico scrittore di libri indirizzati ai giovanissimi da cui sono stati tratti anche Jumanji di Joe Johnston e Polar express di Robert Zemeckis. Scrittore di talento al quale si deve stavolta, appunto, Zathura, vecchio e mal ridotto gioco da tavolo in metallo. Gioco che i piccoli fratelli Danny e Walter, in assenza del padre partito per un viaggio di lavoro, trovano nel buio scantinato della loro abitazione. Gioco che, una volta attivato, li scaraventa nello spazio – con tanto di casa svolazzante – insieme alla sorella maggiore interpretata da una giovanissima Kristen Stewart pre-Twilight. Facendo iniziare a lei e ai due ragazzini, ovvero Jonah Bobo e Josh Hutcherson, un’avventura in orbita tra le stelle.

Un’avventura che, con Tim Robbins nei panni del citato padre, finisce per suscitare sempre più interesse man mano che i fotogrammi scorrono sullo schermo.

Perché sono folli trovate a riempire efficacemente l’esile script per mano dei John Kamps e David Koepp che hanno sceneggiato La guerra dei mondi.

Opera fantascientifica, quest’ultima, a firma dello Steven Spielberg di cui Zathura – Un’avventura spaziale, a tratti, sembra rispecchiare determinate produzioni risalenti agli anni Ottanta. Del resto, senza fare eccessivo ricorso ad effetti digitali, Favreau mette in piedi circa un’ora e quaranta di frenetica visione dal sapore non poco nostalgico. E, tra una pioggia di meteore e l’arrivo di un astronauta arenato, tira in ballo anche un robot che pare uscito direttamente dagli anni Cinquanta. Come pure gli spaventosi Zorgon, mostruosi uomini lucertola in cerca di carne da sgranocchiare. Il tutto, con il fondamentale supporto del compianto ma indimenticato fx man Stan Winston.

Trovando inoltre modo di privilegiare, in mezzo alla grande dose di coinvolgente intrattenimento, la tematica dei burrascosi rapporti tra fratelli. Fino a riservare un inaspettato colpo di scena mirato a far riflettere su quanto grandi possano essere i sacrifici da affrontare per rimediare agli errori. Ma il divertimento no finisce e prosegue nella sezione extra di Zathura – Un’avventura spaziale, grazie al gioco virtuale Gara nello spazio. Insieme a commento audio del regista e del produttore Peter Billingsley e sette filmati (quasi novantatré minuti totali) dietro le quinte.