Connect with us

VIDEODRHOME

Il grande caldo …e Fritz Lang anticipò il poliziesco moderno

In collaborazione con Sony pictures Home Entertainment, CG Entertainment (www.cgentertainment.it) rende nuovamente disponibile su supporto dvd Il grande caldo.

Publicato

il

 

Dall’omonimo romanzo scritto da William P. McGiven, una vera e propria pietra miliare del noir in fotogrammi diretta nel 1953 dal grandissimo Fritz Lang. Un altro imperdibile titolo, dunque, a firma del maestro della celluloide autore di classici dell’Espressionismo tedesco quali Metropolis e M – Il mostro di Düsseldorf.

Un imperdibile titolo di cui è protagonista il mitico Glenn Ford, impegnato a concedere anima e corpo al sergente Dave Bannion.

Un sergente che vede trasformarsi in un incubo le indagini riguardanti il suicidio di un collega, in quanto finisce per ritrovarsi minacciato dalla malavita. Mentre i suoi superiori cercano di convincerlo ad abbandonare il caso, e la moglie, invece, viene uccisa in un attentato. Tragedia che, in maniera inevitabile, scatena in lui il desiderio di dovere a tutti i costi punire i colpevoli.

Nel corso della coinvolgente circa ora e mezza su cui si costruisce Il grande caldo. Coinvolgente ora e mezza che cala Lee Marvin nel ruolo di cattivo e il cui titolo originale The big heat ha un preciso significato. Nel gergo della malavita americana, infatti, è un termine utilizzato per indicare l’elevarsi del livello di guardia della polizia nei confronti della criminalità.

Del resto, l’operazione non può fare a meno di rivelarsi una cupissima riflessione sulla corruzione, la vendetta e i limiti della legalità.

Un’operazione che ha praticamente anticipato tutto il moderno filone cinematografico poliziesco riguardante poliziotti sospesi dal servizio e destinati a risolvere i casi a modo loro. E, considerando la genialità di colui che si trova dietro la macchina da presa, non manca, ovviamente, neppure il momento da antologia. Perché de Il grande caldo è rimasta nella storia l’allora violentissima sequenza in cui Gloria Grahame viene sfigurata tramite caffè bollente lanciatole sul volto.