Il Mibact convoca il mondo del cinema per discutere dell’emergenza Coronavirus

Il ministero dei Beni Culturali ha convocato oggi le associazioni del cinema, che hanno chiesto lo stato di crisi del settore in seguito alle misure straordinarie per la prevenzione del Coronavirus. 100 autori: "È necessario che i ministeri competenti elaborino una risposta che non renda questa crisi una crisi definitiva"

Il ministero dei Beni Culturali ha convocato le associazioni del cinema, che hanno chiesto lo stato di crisi del settore in seguito alle misure straordinarie per la prevenzione del Coronavirus. Venerdì 27 Febbraio in tarda mattinata le associazioni del settore sono state convocate dal sottosegretario Mibact Anna Laura Orrico per valutare gli effetti dell’emergenza Coronavirus sul settore del cinema (Anica, Anec, Apa, 100autori Aesvi, Agici, Cartoonitalia, Docit, Cna, Fidac).

L’associazione 100autori intanto diffonde una dichiarazione: “100 autori prende atto di tutte le misure adottate per prevenire il contagio da Coronavirus. In questi giorni prevale un forte allarmismo che si sta traducendo in un calo drammatico di presenze nelle sale cinematografiche, il blocco di alcune produzioni in corso e la scelta di far slittare le uscite dei film“. “L’eccezionalità di queste misure – spiegano – investe un campo psicologico che è difficile da governare solo nelle settimane di sospensione delle attività culturali e nelle zone a rischio. Ha un effetto dilagante che colpirà inevitabilmente al cuore un settore. Proprio per questo è necessario che i ministeri competenti elaborino una risposta che non renda questa crisi una crisi definitiva. È comprensibile la cautela, ma invitiamo il pubblico a mantenere la calma e a continuare a frequentare con serenità le sale e i centri culturali, attenendosi alle indicazioni imposte dagli esperti e chiediamo al Governo di valutare misure straordinarie a sostegno delle imprese e di tutti i lavoratori coinvolti da questa emergenza“.

Sulla richiesta della dichiarazione dello stato di crisi del settore interviene Paolo Del Brocco, amministratore delegato di Rai Cinema“Nel momento in cui c’è una situazione eccezionale come questa, trovo sia legittima e utile la richiesta di misure straordinarie per non creare un danno enorme a un settore che è importante non solo per la produzione culturale a anche con un volore economico importante. Le conseguenze stanno investendo tutta la filiera del cinema e dell’audiovisivo. I set delle produzioni straniere in Italia si stanno bloccando, si fermano le produzioni italiane ma il danno riguarda anche tutto l’indotto legato alla promozione, alla pubblicità, alla distribuzione dei film“.

(Fonte: Repubblica)

Utlima modifica: 28 Febbraio, 2020



Condividi