La regione Lombardia stanzia 2,4 milioni per aprire o ristrutturare cinema e teatri

Due milioni e 400 mila euro per finanziare progetti di adeguamento strutturale e tecnologico delle sale da spettacolo. È quanto messo a disposizione da Regione Lombardia attraverso un bando triennale. Un'altra misura prevede invece la riduzione di un punto percentuale dell'aliquota Irap per le imprese del settore

Due milioni e 400 mila euro per finanziare progetti di adeguamento strutturale e tecnologico delle sale da spettacolo. È quanto messo a disposizione da Regione Lombardia attraverso un bando triennale. Un’altra misura prevede invece la riduzione di un punto percentuale dell’aliquota Irap per le imprese del settore.

Per le sale da spettacolo già attive, il contributo di Regione non potrà essere superiore al 30% del totale delle spese ammissibili, mentre potrà arrivare al 40% in caso di creazione di nuove sale in multisala, apertura ex novo o ripristino di sale inattive. Al bando possono partecipare ditte, soggetti privati, istituzioni ecclesiastiche, imprese piccole e medie; escluse le grandi imprese e gli enti territoriali (Comuni, Province e così via).

«Le sale da spettacolo – ha evidenziato l’assessore all’autonomia e cultura Stefano Bruno Gallisono un segmento molto importante della filiera cinematografica e teatrale oltre ad essere da sempre dei veri e propri presidi di offerta culturale e di aggregazione sociale. La somma messa a disposizione testimonia una forte sensibilità verso questo settore di Regione Lombardia».

Quanto all’agevolazione fiscale, riguarda le imprese che esercitano l’attività di proiezione cinematografica. La riduzione di un punto di percentuale dell’aliquota Irap riguarda le piccole e medie imprese: 64 in Lombardia, che rappresentano circa 100 strutture cinematografiche per un numero di schermi totale pari a 332, per 67.900 posti complessivi. Queste sale, ogni anno, producono incassi per 63 milioni di euro e sono frequentate da più di 9 milioni di spettatori.  Per il 2020 c’è tempo fino alle 16.30 del 31 marzo per presentare le domande.

Utlima modifica: 14 Febbraio, 2020



Condividi